Vasànzio ‹-sànz-›, Giovanni

Enciclopedie on line

Vasànzio-sànz-›, Giovanni. - Forma italianizzata del nome dell'architetto olandese Jan van Santen (Utrecht 1550 circa - Roma 1621). Formatosi come ebanista, a Roma dal 1595 circa si dedicò all'architettura nella cerchia di F. Ponzio, al quale successe come architetto pontificio e del quale portò a termine, tra l'altro, la facciata di S. Sebastiano fuori le mura. Il suo nome è legato al Casino Borghese al Pincio (1613-15), che segue la tipologia della villa suburbana introdotta a Roma da B. Peruzzi e che nella facciata mossa da rientranze, nicchie, rilievi (modificata all'inizio del sec. 19º) è tarda espressione di un manierismo alla P. Ligorio. Più interessante è il suo intervento nell'ampliamento (1614-21; facciata sul giardino e fontana) della villa Mondragone a Frascati.

Argomenti correlati

Santen ‹sàntën›, Johann van

Santen ‹sàntën›, Johann van. - Architetto olandese, noto in Italia come Giovanni Vasanzio.

Van Santen ‹van sàntë›, Jan

Van Santen ‹van sàntë›, Jan. - Architetto olandese, più noto in Italia come Giovanni Vasanzio.

Ferrabòsco (o Ferabòsco), Martino

Ferrabòsco (o Ferabòsco), Martino. - Architetto e incisore, fu attivo a Roma dal 1616 circa sin dopo il 1623. Costruì con G. Vasanzio la torre dell'Orologio sulla piazza S. Pietro, in seguito demolita; decorò di stucchi il soffitto della Cappella Pao

Klint, Haare

Klint, Haare. - Architetto e pittore danese (Copenaghen 1888 - ivi 1954). Figlio dell'architetto Peder Vilhelm Jenser (1853-1930), si dedicò inizialmente alla pittura, ma passò presto all'architettura, orientandosi verso l'industrial design. Anticipa

Invia articolo Chiudi