Saragat, Giuseppe

    Dizionario di Storia (2011)

Saragat, Giuseppe Politico (Torino 1898-Roma 1988). Militante socialista dal 1922 e membro della direzione del Partito socialista unitario (PSU) dal 1925, per il suo antifascismo fu costretto ad abbandonare l’Italia e a stabilirsi a Vienna (1926), dove si avvicinò alle posizioni dei principali esponenti dell’austromarxismo. Trasferitosi in Francia (1929), lavorò con P. Nenni alla riunificazione delle forze socialiste e nel 1930 entrò a far parte della direzione del Partito socialista italiano (➔). Tornato in Italia nel 1943, fu nella Resistenza a Roma. Ministro senza portafoglio nel 1944 per il PSIUP (➔ Partito socialista italiano di unità proletaria) e ambasciatore a Parigi (1945-46), fu presidente dell’Assemblea costituente (1946-47). Nel 1947 ebbe un ruolo di primo piano nella scissione dal PSIUP della corrente socialdemocratica che diede vita al Partito socialista dei lavoratori italiani, poi Partito socialista democratico italiano. Segretario (1951-54; 1957-63) del PSDI  (➔ Partito socialista democratico italiano), ricoprì numerosi incarichi di governo: vicepresidente del Consiglio (1947-49; 1954-57), ministro della Marina mercantile (1948-49) e ministro degli Esteri (1963-64). Eletto presidente della Repubblica (1964) con l’appoggio delle forze di centrosinistra, S. vide con favore l’unificazione (1966-69) del PSI e del PSDI, da lui caldeggiata. Senatore a vita al termine del suo mandato (1971), tornò all’attività politica in seno al PSDI, di cui fu presidente dal 1975 e, per breve tempo, di nuovo segretario (1976). Giuseppe Saragat

Foto su Saragat, Giuseppe

Approfondimenti

SARAGAT, Giuseppe > Enciclopedia Italiana - IV Appendice (1981)

SARAGAT, Giuseppe (App. II, 11, p. 787). - Eletto deputato nel 1948, fu rieletto in tutte le successive legislature. Nel quinto gabinetto De Gasperi ricoprì la carica di vice presidente e ministro della Marina mercantile. Nel novembre 1949 si dimise ... Leggi

SARAGAT, Giuseppe > Enciclopedia Italiana - II Appendice (1949)

SARAGAT, Giuseppe. - Uomo politico, nato a Torino il 12 settembre 1898. Si laureò in scienze economiche, e nel 1922 entrò nel movimento socialista. Nel 1925, dopo il congresso di Roma, fu eletto membro della direzione del Partito socialista unitario.... Leggi

Argomenti correlati

Fòa, Vittorio

Fòa, Vittorio. - Uomo politico e sindacalista italiano (Torino 1910 - Formia 2008). Antifascista, tra i personaggi di maggiore rilievo della sinistra italiana ed europea, partecipò attivamente alla Resistenza nelle file del Partito d'azione a Torino e a Milano; deputato alla Costituente, è stato in seguito dirigente della CGIL e senatore nel gruppo della Sinistra indipendente. Vita e attivitàSvolse attività clandestina nelle file del movimento di Giustizia e Libertà e collaborò all'omonimo settimanale e alla rivista Quaderni di GL, editi a Parigi

Lussu, Emilio

Lussu, Emilio. - Uomo politico e scrittore italiano (Armungia, Cagliari, 1890 - Roma 1975). Interventista e ufficiale nella prima guerra mondale, nel 1919 fondò il Partito sardo d'azione, formazione autonomista democratica composta in gran parte di ex combattenti. Deputato nel 1921 e nel 1924, partecipò alla secessione aventiniana e fu energico antifascista. Arrestato nel 1926 e deportato a Lipari, ne evase nel 1929 con F. Nitti e C. Rosselli, con i quali fondò a Parigi il movimento Giustizia e Libertà. Partecipò alla guerra di Spagna e alla Resistenza in Francia e poi in Italia

Matteòtti, Giacomo

Matteòtti, Giacomo. - Uomo politico italiano (Fratta Polesine 1885 - Roma 1924). Più volte deputato, fu segretario del Partito socialista unitario (1922). Convinto antifascista, fu ucciso in seguito alla denuncia che aveva fatto dei brogli commessi dai fascisti durante le elezioni del 1924. Il suo assassinio costituì il prodromo della soppressione del regime parlamentare.Vita e attivitàDi formazione giuridica, si dedicò dal 1910 quasi esclusivamente all'attività politica nella corrente riformista del Partito socialista

Bertinòtti, Fausto

Bertinòtti, Fausto. - Uomo politico e sindacalista italiano (n. Milano 1940). A lungo dirigente della CGIL, iscritto prima al PSIUP e poi al PCI, nel 1991 aderì al PDS, da cui uscì due anni dopo per aderire al PRC, di cui è stato segretario dal 1994 al 2006, anno in cui è stato eletto presidente della Camera. Alle elezioni politiche dell'apr

Invia articolo Chiudi