HERAT

    Enciclopedia dell' Arte Antica (1960)

di U. Scerrato

HERAT. - È la città più importante dell'Afghanistan di N-O. Sita presso l'Heri-Rud, l'antico ᾿Αρεῖος, nel territorio della XVI satrapia, l'Haruyu o Haraeva dei Vendidad, l'Harava delle iscrizioni achemènidi e l'᾿Αρεία dei Greci.

È senza alcun dubbio l'erede della ᾿Αρεία ᾿Αλεξάνδρεια ᾿Αρείων ἡ ἐν ᾿Αρείοις che Alessandro Magno fondò in sostituzione dell'antico capoluogo indigeno Artokoana (Strab., xi, 514, 516; xv, 723; Plin., Nat. hist., vi, 61, 93). Importantissimo nodo carovaniero, conservò sempre la sua importanza anche dopo la conquista araba (652 d. C.). Non possediamo alcun documento archeologico del suo passato preislamico, non essendovi mai stata condotta nessuna ricerca; sembra tuttavia che la collinetta artificiale dove sorge la cittadella, l'Arg, ora coronata di mura timuridi (XV sec.) conservi tracce del suo più antico passato. Secondo altri l'Alessandria degli Arî va ricercata in un luogo chiamato Gazur-Gah, a qualche km a N di H. in posizione dominante la pianura. Nei pressi, fino al x sec., era un tempio del fuoco e una chiesa cristiana. Fiorente vi fu sempre la comunità giudaica della quale si conserva nel museo di Kabul una iscrizione funeraria di difficile interpretazione attribuibile forse al VI secolo. Esiste un piccolo antiquario in cui si conserva un gruppo di stucchi di Haḍḍa.

Per la città indigena di Artokoana viene da alcuni indicato il territorio di Gourian sulla sinistra dell'Heri-Rud a circa 60 km ad O di Herat.

Bibl.: H. H. Wilson, Ariana Antiqua, Londra 1941, pp. 151-152; J. P. Ferrier, Caravan Journeys ecc., Londra 1857; Droysen, Gesch. d. Hellenismus, III2, 1871, pp. 193 ss.; Tomasceek in Pauly-Wissowa, I, 1894, coll. 1388-1389, s. v. Alexandria, n. 12; J. Marquart, Ēranšahr, Berlino 1901, v. indice: M. Longwort-Dames, Enc. Islam, II, s. v.; A. Foucher, La Vieille Route de l'Inde de Bactres à Taxila, Parigi 1942, I, p. 9 e 200.

(U. Scerrato)

Approfondimenti

HERĀT > Enciclopedia Italiana (1933)

HERAT (A. T., 92). - Città dell'Afghanistan, capoluogo di provincia, a 34° 22' N. e 62° 9' E., a 922 m. s. m., nel centro d'una fertile pianura nella valle. del Heri-rud. La sua popolazione, mista di elementi svariati, senza quali... Leggi

Argomenti correlati

Qandahar

Qandahar (o Kandahar) Città dell’Afghanistan meridionale (324.800 ab. nel 2006), capoluogo della provincia omonima, 500 km a SO di Kabul, in una piana nei pressi del fiume Tarnak, a 1000 m s.l.m., ai piedi del Monte Kaitul. È il principale mercato dell’Afghanistan meridionale, nel mezzo di una regione irrigata (frumento, riso, cotone, frutta), in posizione strategica tra importanti vie di comunicazione colleganti l’Asia centrale e l’India. Attività industriali nei settori tessile, agroalimentare e meccanico

Kabul

Kabul Città capitale dell’Afghanistan (2.536.300 ab. nel 2006), posta sulle rive del fiume Kabul, a 1800 m s.l.m. in un fertile altopiano, circondato da montagne; capoluogo della provincia omonima. È molto difficile valutare la reale consistenza demografica di K., perché già negli anni 1990 l’incerta situazione politica afghana aveva spinto numerosi abitanti ad abbandonare la capitale per trasferirsi nei villaggi ritenuti più sicuri

Feyzabad

Feyzabad (o Faizabad) Città dell’Afghanistan (27.200 ab. nel 2006) nord-orientale, capoluogo della provincia di Badakhshan, a 1204 m s.l.m. sul fiume Kokcia, e sul versante settentrionale del Hindukush. Vi transita una delle principali vie tra la depressione aralica e l’India. Mercato agricolo con industrie di trasformazione. Nei dintorni, giacimenti di ferro e di carbone. Aeroporto.

Mary

Mary Città del Turkmenistan (fino al 1937 Merv; 123.000 ab. ca.); capoluogo dell’omonima provincia (86.400 km2 con 1.291.800 ab. nel 2002), ai confini con l’Afghanistan. È situata in un’oasi, a SE del Karakumy, nella vallata del Murgab. Industrie alimentari, dei tappeti e della concia. L’antica oasi di Merv fece parte dell’impero achemenide e, dopo la conquista della Battriana, Alessandro Magno (forse nel 328 a.C.) vi fondò la città di Alexandria Margiana, che Antioco I ricostruì (primi 3° sec. a.C.) con il nome di Antiochia Margiana. Dopo la conquista araba (650-51), M

Invia articolo Chiudi