Bosch, Hieronymus van

Enciclopedie on line

Bosch, Hieronymus van. - Poeta e critico letterario (Amsterdam 1740 - Leida 1811). Scrisse in latino soprattutto elegie, epicedî, encomî (Poemata). Pubblicò l'Antologia Greca con la versione latina del Grozio (1795-1810).

Argomenti correlati

Bosch ‹bòs›, Hieronymus

Bosch ‹bòs›, Hieronymus. - Pseudonimo del pittore Hieronymus van Aeken (Boscoducale 1450 circa - ivi 1516 circa). Nipote del pittore Jan van Aeken, cui si attribuisce un affresco datato 1454 nella cattedrale di Boscoducale. Dopo il 1486 il suo nome c

Dorat (o Daurat; latinizz. Auratus), Jean Dinemandi detto

Dorat (o Daurat; latinizz. Auratus), Jean Dinemandi detto. - Umanista (Limoges 1508 - Parigi 1588). Scrisse fini poesie, specialmente in latino, che raccolse e pubblicò sotto il titolo di Poemata (1586). Maestro di greco di Jean-Antoine de Baïf, figl

Sasso, Panfilo

Sasso, Panfilo. - Poeta (Modena 1455 circa - Longiano 1527), il cui vero nome era Sasso de' Sassi. Seguace di Serafino Aquilano, scrisse in latino epigrammi ed elegie, e in volgare soprattutto sonetti e strambotti. Ebbe anche interessi teologici e su

Bólla, Bartolomeo

Bólla, Bartolomeo. - Poeta bergamasco, in lingua maccheronica e italiana (sec. 16º-17º). Visse presso varie corti soprattutto in Germania, pubblicò la raccolta Nova novorum novissima, sive poemata stylo macaronico conscripta, ecc. (1604), un Thesauru

Invia articolo Chiudi