ILDEGARDA di Bingen, santa

ILDEGARDA di Bingen, santa

Enciclopedia Italiana (1933)
di Giuseppe De Luca

ILDEGARDA di Bingen, santa. - Nata verso il 1100 a Böckelheim, visse dall'età di 8 anni nel monastero di Disibodnberg, ove fu eletta nel 1136 superiora. Nel 1150 si trasferì nel nuovo monastero da lei fondato sul Rupertsberg Bingen, e vi rimase fino alla morte, avvenuta il 17 settembre 1179. Godette in vita gran fama di dotta e di santa; dopo la morte fu veneratissima, e la sua tomba divenne meta di pellegrinaggi. Scrisse molto, coadiuvata da altri, trattando di teologia, ascetica, esegesi, musica, medicina, poetica, soprattutto di storia naturale. Sulle sue "visioni" molto si è discusso e anche più sulle sue profezie. Le sue numerose lettere, dirette fino a Roma e a Gerusalemme, hanno per destinatarî vescovi principi, Corrado III, Federico Barbarossa, S. Bernardo di Chiaravalle, ecc.; ivi ella appare loro consigliera nelle questioni più diverse specialmente riguardanti la riforma della Chiesa, e risulta anche che la grande venerazione con cui venivano ricevuti i suoi ammonimenti era dovuta alla reputazione d'inviata da Dio, di cui godeva specialmente negli ultimi anni.

Scritti: Sono raccolti per intero in Patr. Latina, CXCVII, in questo ordine: Epistolae (col. 145 segg.); Scivias (cioè Sci vias Domini, "Conosci le vie del Signore") seu Visiones (col. 383 segg.); Liber divinorum operum (col. 739 segg.); Solutiones XXXVIII Quaestionum (col. 1037 segg.); altri scritti e infine Physica, o, nel vero titolo, Subtilitatum diversarum naturarum creaturarum libri novem. Il card. G.B. Pitra, negli Analecta Sacra Spicilegio Solesmensi parata, VIII (1882), mise in luce molti scritti nuovi e non meno notevoli della santa, con molte correzioni dei già noti. Si attende un'edizione critica del Huyben.

Bibl.: Alla bibliografia data da F. Vernet, in Dict. de théol. cathol., VI, ii, col. 2478 segg., si aggiungano gli altri scritti discussi in Analecta Bollandiana, XXXIX (1921), p. 205 sgg., e XLVI (1928), p. 422 segg.

Pubblicità

Altri risultati per ILDEGARDA di Bingen, santa

  • Ildegarda di Bingen, santa
    Enciclopedie on line
    Ildegarda (lat. Hildegarda) di Bingen, santa. - Mistica benedettina (Bermeshein 1098 - presso Bingen 1179). Entrata a otto anni nell'abbazia di Disibodenberg, nel 1136 prese la direzione della comunità, trasferita più tardi (1147-50) nel monastero da lei fondato presso Bingen. Fondò poi (1165), come ...
  • ILDEGARDA di Bingen
    Enciclopedia dell' Arte Medievale (1996)
    Religiosa tedesca nata nel 1098 nell'Assia renana, fu introdotta sin da bambina nel monastero benedettino di Disibodenberg, di cui nel 1136 prese la guida; trasferitasi nel convento di Rupertsberg, presso Bingen (1151), pochi anni dopo ne fondò uno a Eibingen. ILDEGARDA di Bingen compì numerosi viaggi ...
  • Ildegarda
    Enciclopedia Dantesca (1970)
    Badessa benedettina di Bingen (1098 - 17 settembre 1179). Celebre per la sua azione riformatrice, santa Ildegarda ebbe il privilegio di visioni apocalittiche che affidò a un'opera intitolata Scivias. Queste rivelazioni, la cui saggezza fu ammirata dai contemporanei, non furono né conosciute né utilizzate ...