INVAR

    Enciclopedia Italiana (1933)

INVAR (Indilatans). - Con questo nome viene indicata una lega di ferro con circa 36% di nichel. Ha peso specifico 8, 1 e una conducibilità termica che è quasi 1/4 di quella del ferro dolce. La sua principale caratteristica è il basso coefficiente di dilatazione, il quale alla temperatura ordinaria è circa 1,5 × 10-6. Esso può essere ancora abbassato mediante opportuni trattamenti termici, fino a divenire addirittura trascurabile. Dalla temperatura di 200° in poi diventa quasi uguale a quello del ferro comune.

Tale proprietà rende vantaggiosa l'applicazione della lega alla costruzione di quegli apparecchi per cui la dilatazione termica richiede una correzione che qualche volta è rilevante o poco sicura, come ad es. pendoli di precisione, metri campione, strumenti di fisica e meccanica fine, e apparecchi scientifici in genere.

Approfondimenti

Invar > Dizionario delle Scienze Fisiche (1996)

invàr [Der. di invar(iabile), per il quasi nullo coefficiente di dilatazione termica] Lega di nichel (² 36 %) e ferro (² 64 %), con piccolissime quantità di manganese, carbonio e altro, caratterizzata da un coefficiente di dilatazione termica e... Leggi

Argomenti correlati

Permalloy

permalloy Nome commerciale di un gruppo di leghe di ferro, nichel, manganese, molibdeno, caratterizzate da una elevata permeabilità magnetica. Le leghe più importanti sono quelle che hanno 45-50% e 78-80% di nichel. Le proprietà magnetiche di queste leghe variano anche notevolmente in funzione del trattamento termico subito: un raffreddamento lento, per es., porta a una riduzione delle proprietà magnetiche.

Pirite

pirite Minerale molto diffuso, di colore giallo chiaro con lucentezza metallica; è solfuro di ferro, FeS2, monometrico, contenente talvolta piccole quantità di nichel, cobalto, selenio, rame, oro, arsenico. Si presenta spesso in cristalli, generalmente pentagonododecaedrici o cubici, frequentemente geminati, ma è soprattutto comune in masse granulari o compatte. È un componente accessorio di molte rocce e forma anche importanti giacimenti, di solito filoniani o d’impregnazione

Carburi

carburi Composti del carbonio con un metallo o con un non metallo poco elettronegativo (per es., silicio e boro), escluso l’idrogeno. Per le loro particolari proprietà (difficile fusibilità, elevata durezza ecc.), molti c., come quelli di calcio, di silicio (➔ carborundum), di boro, di titanio, di tungsteno, di ferro, hanno notevoli applicazioni industriali. In generale si preparano per reazione diretta del carbonio con l’elemento o con l’ossido ad alta temperatura, o per deposizione da fase gassosa miscelando i cloruri dell’elemento con idrocarburi

Ottone

ottone Lega di rame e zinco, contenente fino al 45-50% di zinco (o. comuni o binari); talvolta si aggiungono quantità varie di altri elementi che impartiscono alla lega proprietà meccaniche particolari, ne influenzano la lavorabilità e la inalterabilità agli agenti atmosferici (o. speciali). Per designare un o. binario, si usa il simbolo CuZn seguito da un numero che indica la percentuale di zinco presente; per gli o. speciali, si riportano anche i simboli degli altri elementi di alligazione seguiti dal numero che ne indica la percentuale presente. Inoltre gli o

Invia articolo Chiudi