Isopatia

    Enciclopedie on line

isopatia Dottrina di derivazione omeopatica, formulata da C. Hering (1800-1880), secondo la quale le affezioni morbose andrebbero curate con i prodotti stessi della malattia (per es., proglottidi di tenia cotte somministrate per via orale ai soggetti parassitati dal verme, e procedimenti simili).

Argomenti correlati

Reumatologia

reumatologia Branca della medicina interna che ha per oggetto lo studio e la cura delle malattie reumatiche, cioè un gruppo di affezioni o manifestazioni morbose, acute, subacute e croniche, primitive o secondarie, a carico dell’apparato locomotore e in generale di tutti i tessuti connettivi dell’organismo, in passato comprensivamente indicate con il termine generico di reumatismi. Vi sono ascrivibili la febbre reumatica, l’artrite reumatoide, l’artrosi. 1. Febbre (o malattia) reumaticaFebbre reumatica è la denominazione moderna del reumatismo articolare acuto, o poliartrite reumatica acuta

Chemioterapia

chemioterapia Ramo della terapia che studia l’impiego di farmaci sintetici nella cura delle malattie infettive; per estensione, la cura di affezioni di altra natura con prodotti di sintesi (c. delle elmintiasi, c. dei tumori ecc.). Compito fondamentale della c. è la ricerca e la preparazione di molecole dannose per l’agente infettante o parassitario e per le cellule neoplastiche ma scarsamente lesive per le cellule normali dell’organismo

Dannazióne

dannazióne Secondo la dottrina cristiana, condizione definitiva di chi, essendo morto privo della grazia, è escluso in eterno dalla visione di Dio, la quale è invece concessa ai salvati. La dottrina della d. ha avuto diverse interpretazioni nella storia del cristianesimo e nelle diverse confessioni.

Indifferenza, principio di

indifferenza, principio di Principio su cui si fonda la teoria classica della probabilità, formulata da P.-S. de Laplace, secondo cui eventi alternativi per i quali esistono pari ragioni hanno la stessa probabilità di verificarsi.

Invia articolo Chiudi