Garelli, Jacques

Enciclopedie on line

Garelli-lì⟩, Jacques. - Poeta e saggista francese (n. Belgrado 1931). Rappresenta con la sua opera la negazione della missione del poeta che Ch. Baudelaire aveva affermato con forza; per G. il poeta non può scoprire o interpretare nulla poiché tutto ruota intorno al linguaggio, al gioco delle parole, e la poesia può rilevare solo la presenza delle cose. Tale poetica, esposta nel saggio La gravitation poétique (1966), ha avuto un coerente svolgimento nelle raccolte di versi (Brèche, 1966; Lieux précaires, 1972; L'ubiquité d'être: suivi de Difficile séjour, 1986) e nella successiva produzione saggistica (Le recel et la dispersion: essai sur le champ de lecture poétique, 1978; Artaud et la question du lieu, 1982; Le temps des signes, 1983; Poétique et ontologie, 1985); Rythmes et mondes: au revers de l'identité et de l'alterité, 1991; De l'entité à l'événement: la phénoménologie à l'épreuve de la science/">science et de l'art contemporaines, 2004), La mort et le songe (2006).