Tournes ‹turn›, Jean de (o J. Detournes)

Enciclopedie on line

Tournesturn›, Jean de (o J. Detournes). - Tipografo, editore e libraio (Lione 1504 - ivi 1564), imprimeur du roi dal 1559. Iniziò la sua attività nel 1542, associandosi nel 1547 con Guillaume Gazeau. Erudito e umanista, secondo la migliore tradizione dell'editoria lionese, T. diede autori antichi e moderni in edizioni accuratamente stampate e filologicamente corrette (Dante, 1547; Margherita di Navarra, 1547; Vitruvio, 1552; Froissart, 1559-61). Per le edizioni illustrate T. si valse dapprima dell'opera di Georges Riverdy, poi (dal 1547) di Bernard Salomon, uno dei maggiori incisori del Cinquecento francese (Emblemata di A. Alciati, 1547; Esopo, 1547; Quadrins historiques de la Bible, 1553, e 1554 con versi italiani; La métamorphose d'Ovide figurée, 1557, e 1559 con versi italiani). Gli succedette nell'attività editoriale e tipografica il figlio Jean II, traduttore di opere filosofiche, imprimeur du roi per Lione (1564). Nel 1585 Jean II, per sfuggire alla persecuzione religiosa, trasferì la stamperia a Ginevra, dove i suoi successori furono attivi fino al 1727. In quell'anno i T. tornavano a stabilirsi a Lione. Ai T. si possono far risalire le Imprimeries réunies lionesi, costituite nel 1906.

Argomenti correlati

Tory ‹torì›, Geoffroy

Tory ‹torì›, Geoffroy. - Editore-libraio, calligrafo e disegnatore (Bourges 1480 circa - Parigi 1533), "imprimeur du Roi" dal 1530. Umanista, conoscitore dell'arte italiana e dell'Italia, T. deve considerarsi uno degli iniziatori del

Màyda, Antonio

Màyda, Antonio. - Tipografo (n. Palermo seconda metà sec. 15º - m. 1542 circa), attivo dal 1511 al 1542 in società con il concittadino Giovanni Pasta. Gli successe il figlio Giovanni Matteo (m. 1578). La stamperia proseguì l'attività fino al 1582.

Bischoff (o Bischop; latinizz. Episcopius), Nikolaus

Bischoff (o Bischop; latinizz. Episcopius), Nikolaus. - Tipografo-editore tedesco (Rittershofen 1501 - Basilea 1564). Espertissimo filologo classico, sposò la figlia dello stampatore basileese Johann Froben e, alla morte di questo (1527), ne ereditò

Zoppino

Zoppino Soprannome del tipografo-editore e libraio originario di Ferrara ZoppinoNicolò Zoppinodi Aristotile de’ Rossi (o Rusci). Iniziò l’attività di stampatore a Bologna nel 1503; nel 1505 era a Venezia, dove stampò fino al 1541 circa.

Invia articolo Chiudi