LIBERIO

    Enciclopedia Italiana (1934)

di Mario Niccoli

LIBERIO papa. - Pontificò dal 17 (?) maggio 352 al 24 settembre 366, data della sua morte. Romano, eletto vescovo alla morte di Giulio I, l'inizio del suo pontificato segue di appena un anno l'inizio della politica di Costanzo II intesa a imporre l'arianesimo a tutto l'Occidente. L. si rifiutò energicamente di sottoscrivere alla condanna di Atanasio, estorta prima al concilio di Arles (353) e poi a quello di Milano (355) soprattutto dagli abili maneggi dei due vescovi illirici - veri ispiratori della politica religiosa di Costanzo II - Valente di Mursa e Ursacio di Singiduno.

Quando Costanzo che, debellato Magnenzio e insediatosi a Milano, era allora l'unico signore di tutto l'impero, ebbe esiliato Lucifero di Cagliari, Paolino di Treviri, Eusebio di Vercelli e Ilario di Poitiers, L. rimase solo con il vecchio Osio di Cordova a dividere l'onore di difensore della fede nicena. Ma Costanzo, da Milano, aveva oramai modo di premere direttamente anche su Roma che, stretta intorno al suo vescovo, rappresentava oramai l'unico punto di resistenza al piano di unione politica e religiosa perseguito dell'imperatore: L., preso e condotto a forza davanti all'imperatore, si rifiutò - come è verosimile - di sottoscrivere la condanna di Atanasio e fu esiliato a Berea in Tracia. Fu sostituito dall'arcidiacono Felice. Solo nel 358 poté riprendere possesso della sua sede.

Oggi, dopo le magistrali ricerche del padre J. Feder S.J. sulle quattro famose lettere attribuite a L. nella Collectanea antiariana parisina, è difficile dubitare che il ritorno sul suo seggio vescovile sia stato guadagnato da L. a prezzo della condanna di Atanasio e dell'accettazione pubblica di una o due formule implicanti il ripudio della fede nicena. Ma l'esatta portata di quella che è stata definita la "caduta" di papa L., dipende dalla valutazione di molte circostanze sulle quali gravano, non certo con vantaggio della chiarezza storica, l'incerta situazione delle nostre fonti, la taccia di eretico attribuita nel Medioevo a L. in conseguenza di un'apocrifa tradizione ricollegantesi alle polemiche fra Damaso, successore di Liberio, e Ursino; le discussioni svoltesi fra studiosi pro e contro l'autenticità delle citate lettere. Hanno per riflesso aggravato il problema storico la questione - più teologica che storica - della valutazione dell'atteggiamento di L. agli effetti del dogma dell'infallibilità pontificia e l'altra della validità canonica del pontificato di Felice II.

L. fu inviato a Roma col patto che governasse la Chiesa a fianco di Felice II, ma la volontà del popolo romano fu più forte e dopo alterne vicende (v. felice 11) L. rimase unico vescovo della città. Intanto l'incerta situazione creata a Roma dallo scisma aveva vietato a L. di partecipare al concilio di Rimini. E del resto il vescovo di Roma non ebbe, in seguito, che una parte del tutto secondaria nell'azione svolta da Eusebio di Vercelli, Ilario di Poitiers e Atanasio per risollevare le sorti dell'ortodossia così gravemente compromesse a Rimini. A L. risale la fondazione della Basilica liberiana.

Bibl.: Oltre quella citata da E. Amann, in Dictionnaire de théologie catholique, coll. 631-659 (con diligente discussione di tutte le fonti e ottima storia della questione; l'articolo è, per il resto, insoddisfacente), v. E. Caspar, in Zeitschr. f. Kirchengesch., XLVI (1927), pp. 346-355; B. Botte, Les origines de Noël et de l'Épiphanie, Lovanio 1931, pp. 32-29, che sono i due più recenti scritti sulla questione, che sembra vada risolta in senso negativo, del contributo di L. alla istituzione in Roma della festa del Natale il 25 dicembre; v. inoltre: A. De Santi, L'origine delle feste natalizie, in Civiltà Cattolica, 1907.

Approfondimenti

LIBERIO > Dizionario Biografico degli Italiani (2005)

LIBERIO (Pietro Marcellino Felice Liberio). - Nacque intorno al 465. La data di nascita è ricavabile da indizi sparsi: nella prammatica sanzione emanata da Giustiniano nell'agosto 554 L. è considerato in vita; il suo epitaffio, necessariamente poster... Leggi

LIBERIO > Enciclopedia dei Papi (2000)

LiberioIl Liber pontificalis, nr. 37, la cui informazione, per altro, risulta in complesso largamente inattendibile, lo dice "natione Romanus, ex patre Augusto". Quando venne a mancare papa Giulio (12 aprile 352), fu eletto a succedergli il... Leggi

Argomenti correlati

Onòrio, Flavio

Onòrio, Flavio (lat. Flavius Honorius). - Imperatore romano d'Occidente (n. 384 - m. Ravenna 423). O. ebbe il titolo di Augusto nel 393 e, a soli undici anni, divenne erede dell'Impero Romano di Occidente, che resse sotto la tutela di Stilicone. Nel 398 sposò la figlia di lui, Maria, e, dopo la morte di lei, la sorella Termanzia. Sotto il suo regno si verificarono l'invasione dei Visigoti e il sacco di Roma. Dovette trasportare la capitale a Milano e, dopo un effimero ritorno e un trionfo a Roma, la stabilì a Ravenna, dove morì nel 423.Vita e attività

Romano-barbàrici, régni

romano-barbàrici, régni Reami nati dall'insediamento (fra il 5° e il 6° sec. d.C.) di popolazioni germaniche nelle province dell'Impero romano d'Occidente. le originiI primi r.r.-b. nacquero all'inizio del 5° sec.: la data convenzionale è il 31 dic. 406, quando le popolazioni barbariche, vinta la resistenza romana lungo il fiume Reno, si riversarono in Gallia (dove si stanziarono franchi, burgundi e visigoti) e in Iberia (occupata da vandali e svevi). Seguirono diversi spostamenti: i visigoti si trasferirono in Spagna, i vandali in Africa settentr

Medioevo

Medioevo Età intermedia tra l’antica e la moderna. Secondo l’accezione più diffusa è il periodo compreso fra la caduta dell’Impero Romano d’Occidente (476) e la scoperta dell’America (1492). 1. Il giudizio sul MedioevoLa sequenza di questi 10 secoli è stata per la prima volta considerata come un periodo a sé stante dagli umanisti italiani del 14° sec

Eugènio

Eugènio (lat. Flavius Eugenius). - Usurpatore dell'Impero romano d'Occidente negli anni 392-394. Fu proclamato imperatore, dopo la morte di Valentiniano II, per volere di Arbogaste, ma non fu riconosciuto da Teodosio; cercò l'appoggio dell'elemento pagano suscitando in esso speranze di rinascita. La lotta con Teodosio, che assunse il carattere di guerra di religione, si concluse con la battaglia presso il fiume Frigido, dove E. fu fatto prigioniero e ucciso dai soldati.

Invia articolo Chiudi