Pàscoli, Lione

Pàscoli, Lione

Enciclopedie on line

Pàscoli, Lione. - Scrittore d'arte ed economista (Perugia 1674 - Roma 1744), autore delle Vite de' pittori, scultori ed architetti moderni (1730-36), fonte importantissima, benché non sempre attendibile. Quale studioso di problemi economici subì l'influenza degli scrittori francesi, soprattutto di P. Le Pesant de Boisguilbert; si ispirò essenzialmente al protezionismo agrario, pur conservando un notevole grado di indipendenza e non rinunciando a un moderato mercantilismo. Il suo Testamento politico di un accademico fiorentino (pubbl. anonimo, 1733) può dirsi un trattato di politica sociale con particolare riguardo alle condizioni economiche dello stato pontificio. Le sue proposte precorsero le riforme finanziarie tentate poi da Pio VI e realizzate in Toscana da Pietro Leopoldo.

Altri risultati per Pàscoli, Lione

  • PASCOLI, Lione
    Dizionario Biografico degli Italiani - Volume 81 (2014)
    (Leone). – Nacque a Perugia il 3 maggio 1674, da Giandomenico e Maria Ippolita Mariottini, entrambi appartenenti a «onorate famiglie perugine» (Comolli, 1788, p. 121). Della numerosa prole, diciassette fratelli di cui cinque morti prematuramente, Lione fu il quarto, oltre a Celso, Giovan Battista, ...
  • PASCOLI, Lione
    Enciclopedia Italiana (1935)
    Scrittore d'arte ed erudito, nato a Perugia nel 1674, morto a Roma il 20 luglio 1744. Autore di varie opere su argomenti politici ed economici; nel campo artistico l'opera sua più importante sono le Vite de' Pittori, Scultori, ed Architetti moderni, pubblicate a Roma in due volumi (1730 e 1736), le ...