Mali

Mali

Enciclopedie on line

Mali Stato dell’Africa nord-occidentale; confina a N con l’Algeria, a E con il Niger, a S con la Repubblica di Guinea, la Costa d’Avorio e il Burkina Faso, a O con la Mauritania, il Senegal e la Repubblica di Guinea.

1. Caratteristiche fisiche

I principali caratteri distintivi dell’ambiente fisico consistono nella varietà di zone morfologiche e climatiche, legata alla grande estensione del paese, e nella presenza del corso del fiume Niger, che attraversa il M. per 1800 km, impaludandosi nella depressione centrale in un ampio sistema di laghi, di rami secondari e bracci morti, denominato correntemente ‘delta interno del Niger’. Il rilievo è costituito da tre grandi elementi morfologico-strutturali, che si susseguono in direzione SO-NE. Il primo, al confine sud-occidentale, è rappresentato dalle propaggini settentrionali dell’altopiano guineano, da cui trae origine il Niger; subentra poi una zona di altopiani, sulla destra del medio Niger; infine un’area di bassopiani a N, sovrastata, al confine con l’Algeria, dal vasto massiccio dell’Adrar des Ifoghas (942 m). In complesso il 65% del territorio è desertico o semidesertico. La rete idrografica, essenzialmente costituita dai fiumi Senegal e Niger (che riceve da destra il tributo del Bani), esercita un ruolo fondamentale, specie attraverso il secondo, la cui piena annuale rappresenta una risorsa fondamentale per lo sviluppo agricolo e che ha sempre attratto agricoltori e pescatori. Quanto al clima, si passa da caratteristiche subequatoriali all’estremo S (dove le precipitazioni sono superiori a 1300 mm) a condizioni di sempre maggiore aridità procedendo verso N: in gran parte del paese il clima è di tipo tropicale steppico, poi, a settentrione del corso del Niger, di tipo predesertico saheliano, o addirittura desertico. Parallelamente alla diminuzione delle piogge va accentuandosi l’escursione termica annua, che da valori minimi (1-2 °C) nelle aree più a S sale a quasi 20 °C all’estremo Nord. La vegetazione spontanea è formata da savane nelle aree meridionali, mentre procedendo verso N assume caratteri steppici e desertici sempre più marcati.

2. Popolazione

La densità media di popolazione (10,2 ab./km2) è molto bassa. I tre quarti degli abitanti e quasi tutta la popolazione urbana si concentrano nella regione centro-meridionale, il cosiddetto M. utile, in termini di potenzialità agricola. La rarefazione demografica è massima nelle plaghe sahariane, che occupano più della metà del territorio e costituiscono l’ambito dei popoli pastori, essenzialmente i Tuareg, i quali nomadizzano tra il massiccio dell’Adrar e l’ansa del Niger. I Tuareg non hanno mai accettato di sottostare al dominio politico esercitato dal gruppo etnico più consistente, i Mandingo, e si sono ribellati a più riprese contro il potere di Bamako. Il gruppo mandingo forma il 40% della popolazione e comprende i Bambara (30%), la cui lingua tende a diventare l’idioma veicolare del M., i Malinke e i Soninke. Nella parte centrale del bacino del Niger sono presenti anche i Peul (10%). Le altre etnie fanno parte di famiglie voltaiche, come i Senufo, o sudanesi, come i Dogon. L’incremento demografico (2,7% annuo nel 2008) è molto sostenuto (per effetto di un quoziente di fecondità che supera i 6 figli per donna) e alimenta intensi flussi migratori, sia stagionali verso i paesi contermini sia stabili verso l’Europa (Francia soprattutto). Le condizioni di vita sono precarie per la maggior parte della popolazione, come attesta la posizione di retroguardia (173° posto su 177) occupata dal M. nella graduatoria mondiale (2005) dell’indice di sviluppo umano delle Nazioni Unite (speranza di vita alla nascita: 53,1 anni; tasso di alfabetizzazione: 24%; reddito effettivo pro capite: 1033 dollari).

Lingua ufficiale resta il francese, ma il bambara ha carattere di lingua nazionale, e coesiste con un’altra decina di idiomi parlati dai gruppi più numerosi; i nomadi del Nord parlano idiomi arabi o berberi.

La quasi totalità della popolazione è musulmana sunnita; il resto è animista, con un’esigua minoranza cristiana.

3. Condizioni economiche

Lo sviluppo delle strutture legate all’economia di tratta, favorito dal collegamento con il porto senegalese di Dakar (la costruzione della ferrovia Dakar-Bamako risale al 1924), consentì al paese di emergere tra quelli dell’interno. Dopo l’indipendenza, il M. credette di trovare una via allo sviluppo adottando un’organizzazione economico-sociale di tipo collettivista, che finì per provocare una paralisi dell’attività economica, a vantaggio unicamente di un pletorico apparato burocratico. Il quadro economico è migliorato a partire dagli anni 1990, dopo l’adozione di riforme con il supporto delle istituzioni finanziarie internazionali. Ma lo sviluppo del M. è ostacolato da più elementi di debolezza: l’isolamento, la carenza di infrastrutture, e soprattutto l’aridità dell’ambiente, legata alla progressiva desertificazione del Sahel. Gravi e prolungati episodi di siccità, protrattisi anche per parecchi anni di seguito, hanno fra l’altro innescato conflitti tra coltivatori e allevatori per l’utilizzazione delle acque del Niger e accelerato l’esodo verso le città di moltitudini rimaste senza risorse. L’agricoltura, praticabile peraltro solo nelle aree rivierasche del Niger (il 5% di tutto il territorio), rappresenta, insieme con l’allevamento, la principale risorsa del paese. Alle colture di cereali (miglio, riso, sorgo e mais) destinate all’alimentazione locale, si affiancano quelle commerciali: soprattutto cotone (300.000 t di semi e 160.000 t di fibra nel 2006; il M. è il terzo produttore africano dopo il Burkina Faso e l’Egitto), arachidi e canna da zucchero. Il delta interno del fiume Niger è sede di uno dei più annosi e importanti progetti di irrigazione dell’Africa a S del Sahara, l’Office du Niger, avviato dai Francesi nel 1932, con il duplice obiettivo di provvedere ai fabbisogni di cotone dell’industria tessile francese e di assicurare l’autosufficienza alimentare locale dando impulso alla risicoltura irrigua. Notevole importanza ha l’allevamento (7,7 milioni di bovini e oltre 20 milioni di capi tra caprini e ovini). Tra le risorse del sottosuolo si segnala in particolare l’oro, la cui produzione, in sensibile crescita, è arrivata a rappresentare la più importante fonte di proventi delle esportazioni. Il M. è particolarmente vulnerabile alle fluttuazioni dei prezzi del cotone sui mercati mondiali, e ha un elevato grado di dipendenza dagli aiuti esteri. La produzione manifatturiera si limita essenzialmente alla lavorazione di prodotti agricoli e a qualche altra modesta attività (impianti tessili, meccanici, chimici, cementifici, calzaturifici ecc.). La bilancia commerciale è cronicamente passiva, ed è appesantita dalla dipendenza dall’estero per forniture energetiche e prodotti industriali. Le strade (15.000 km, di cui 3000 asfaltati) sono in gran parte percorribili solo stagionalmente. Gli aeroporti principali sono quelli di Bamako e di Mopti.

storia

Lo Stato africano che, con l’indipendenza nel 1960, fu chiamato M. si era formato con il nome di Sudan nell’Africa Occidentale Francese. Il M. antico era popolato e dominato dai Malinke o Manding. Secondo la leggenda, il fondatore dell’impero fu Sundiata Keita (o Marj-Diada), autore della distruzione del potere residuo del Ghana, che avrebbe regnato dal 1230 al 1255. La dinastia si convertì all’islam e le principali città del M. divennero sedi di arte e cultura musulmana, anche se rimase in vigore il principio della discendenza matrilineare e, nel complesso, la popolazione continuò a professare culti pagani. La compattezza dell’impero fu scossa dai Tuareg che conquistarono Tombouctou (1435), dai Mossi e dai Songhai; l’ultima dinastia sudanese con centro a Gao fu quella degli Askia.

Dopo un lungo periodo di semianarchia, la penetrazione commerciale e coloniale vide come protagonisti i Francesi; nel 1880 una missione, comandata da J.-S. Gallieni, rivelò la via del Niger, nel 1883 fu stabilita una piazzaforte a Bamako, fra il 1888 e il 1898 furono conquistate Timbuctù e Gao, dando vita all’Africa Orientale Francese, che era imperniata su Dakar e il Senegal. Nel 1958 un referendum istituì la V Repubblica in Francia e la Comunità franco-africana, cui il Sudan aderì. Nel 1960 Sudan e Senegal proclamarono la loro indipendenza formando la Federazione del M., ma ben presto il Senegal se ne distaccò e il Sudan decise di conservare per sé la denominazione di M., proclamandosi indipendente (22 settembre). L’Union soudanaise e il presidente M. Keita avviarono un esperimento ispirato al ‘socialismo africano’, alleandosi a Ghana e Guinea. Ma l’uscita dalla zona del franco provocò gravi problemi economici che condussero a un colpo di Stato militare (19 novembre 1968). Il generale M. Traoré fu eletto presidente nel 1979 e di nuovo nel 1985 in un crescendo di instabilità, autoritarismo e corruzione, sotto l’egida di un partito unico (Union démocratique du peuple malien).

Il regime militare precipitò fra il 1990 e il 1991. Dopo una sommossa finita nel sangue i militari intervennero arrestando lo stesso presidente. L’assestamento del potere avvenne mediante una Conferenza nazionale, la Costituzione e l’elezione di un presidente e dell’Assemblea nazionale (1992). Alla presidenza salì A.O. Konaré, leader dell’Alliance pour la démocratie en Mali-Parti panafricain pour la liberté, la solidarité et la justice (ADEMA). La profonda fragilità delle alleanze fra i partiti, la sospensione degli aiuti finanziari da parte del Fondo monetario internazionale e della Banca Mondiale e, infine, nel gennaio 1994, la svalutazione del 50% del franco CFA, accompagnarono il fallimento di varie coalizioni governative guidate dall’ADEMA. Nonostante l’accordo dell’agosto 1994 con cui il governo centrale aveva sottoscritto l’impegno a proteggere i diritti della minoranza tuareg, solo nella primavera del 1995 si giunse all’abbandono della lotta armata da parte dei gruppi più estremisti e all’avvio di una reale integrazione dei Tuareg. Il primo turno delle elezioni legislative (aprile 1997) registrò una netta vittoria dell’ADEMA in un clima di disordini e irregolarità. In seguito i risultati furono invalidati. Ciononostante, le consultazioni per l’elezione del presidente, svoltesi nel maggio, confermarono Konaré. Boicottate dalle principali forze politiche e ulteriormente rimandate, le nuove elezioni generali si svolsero in un clima di grave tensione politica. Mentre alcuni importanti esponenti delle opposizioni venivano arrestati, nel settembre 1997 I.B. Keita formò un nuovo governo con l’appoggio di gruppi dell’opposizione moderata. Ma lo scontro politico, le tensioni sociali, le violenze tra gruppi etnici in diverse aree del paese, nonché i problemi di sicurezza ai confini settentrionali, portarono Keita a dimettersi dalla carica di primo ministro per essere sostituito da M. Sidibé. Nel 2002 divenne presidente A.T. Touré. Si formò un nuovo governo di ‘unità nazionale’, formula perseguita fino all’aprile 2004, quando venne costituito un nuovo esecutivo. I tentativi di migliorare le condizioni di vita della popolazione furono però affossati da gravi crisi alimentari. Inoltre permaneva il problema della guerriglia interna, alimentata dai Tuareg e da gruppi islamici integralisti. Nell’aprile 2007 Touré ha vinto nuovamente le elezioni presidenziali, ottenendo il suo terzo e ultimo mandato. Nel marzo 2012 un gruppo di militari ha deposto il presidente, accusato di non essere in grado di soffocare l'insurrezione organizzata nel gennaio precedente nel nord-est del paese dai Tuareg, che reclamano l'indipendenza e l'autodeterminazione politica e culturale. I militari hanno quindi formato un'autorità governativa provvisoria, il Comitato nazionale per il ripristino della democrazia e dello Stato (CNRDR), mentre i lealisti fedeli a Touré - sulle cui sorti sono circolate poche e contraddittorie notizie - hanno iniziato a mobilitarsi per organizzare un controgolpe. Il  10 aprile, dopo una complessa trattativa tra la giunta militare e l'Ecowas, la Corte costituzionale ha ratificato l'affidamento del mandato presidenziale al presidente del Parlamento D. Traoré; pochi giorni dopo i militari e la classe politica maliana hanno trovato un accordo sulla nomina del primo ministro del governo di transizione, incarico che è stato affidato a C.M. Diarra. A maggio i golpisti e gli inviati della Comunità economica degli Stati dell'Africa Occidentale hanno raggiunto un accordo definitivo sul periodo di transizione, che sarebbe dovuto durare dodici mesi, ma a dicembre, dopo essere stato arrestato dai militari, Diarra ha rassegnato le dimissioni. Nel gennaio 2013 Traoré ha chiesto e ottenuto un intervento aereo della Francia, in accordo con l'Ecowas, contro i ribelli del nord del Paese, a seguito del quale sono state liberate molte città che erano cadute in mano ai fondamentalisti islamici. Le consultazioni presidenziali tenutesi nel mese di agosto hanno registrato la vittoria dell'ex primo ministro I.B. Keita, eletto al secondo turno con il 77,61% dei voti contro il 22,39% dello sfidante S. Cissé, mentre la nomina a premier di M. Mara (aprile 2014) ha contribuito a rafforzare l’impegno pacificatore profuso dalle forze governative, affiancato tra l'altro dall’agosto 2014 dalla missione militare di counter-terrorism a guida francese Barkhane, avente l'obiettivo di contrastare il terrorismo militante nella fascia sahelo-sahariana. Nel luglio 2014 si sono aperti ad Algeri i negoziati per la pacificazione del Nord del Paese, i cui esiti sono stati alquanto compromessi dal mancato accordo sulla tipologia dell’autonomia da accordare ai territori settentrionali; l’apertura delle trattative è slittata al settembre 2014, e un primo accordo è stato prodotto nel febbraio 2015, contemplando una tregua immediata delle ostilità, la liberazione dei prigionieri e la partecipazione a un comitato per la sicurezza e la protezione dei civili. In un quadro sociopolitico interno comunque ancora tormentato dai conflitti etnici e agitato sul piano internazionale dall'inasprimento dell'offensiva islamica contro l'Occidente, cellule jihadiste hanno realizzato nel corso del 2015 numerosi attentati nel Paese - avendo generalmente come obiettivo strutture ricettive frequentate da stranieri -, il più grave dei quali è quello di Bamako del novembre 2015.

Pubblicità

Categorie

Altri risultati per Mali

  • Mali
    Atlante Geopolitico 2015 (2015)
    bandiera posizione mappa Informazioni principali Dati generali Il Mali appartiene alla fascia saheliana, una regione di scambi e attraversamenti in cui le entità statuali hanno sempre faticato a imporsi, caratterizzata da un complesso mosaico di popolazioni, con tratti ora semi-nomadi, ora stanziali. ...
  • MALI
    Enciclopedia Italiana - IX Appendice (2015)
    Demografia e geografia economica. Storia. Webgrafia Mali Demografia e geografia economica di Isabelle Dumont. – Stato interno dell’Africa nord-occidentale. La popolazione è stata di 15.768.227 ab. nel 2014, secondo una stima UNDESA (United Nations Departmentof Economic and Social Affairs), di cui ...
  • Mali
    Atlante Geopolitico 2014 (2014)
    bandiera posizione mappa Dati geografici Il Mali appartiene alla fascia saheliana, una regione di scambi e attraversamenti in cui le entità statuali hanno sempre faticato a imporsi, caratterizzata da un complesso mosaico di popolazioni, con tratti ora semi-nomadi, ora stanziali. Oltre ai Tuareg, ...
  • Mali
    Atlante Geopolitico 2013 (2013)
    bandiera posizione mappa Dati geografici Politica La vastità e l’inospitalità del territorio del Mali, per buona parte occupato dal deserto del Sahara, hanno da sempre segnato profondamente la politica interna e internazionale del paese. Il Mali è come tutti i paesi della fascia saheliana caratterizzato ...
  • Mali
    Atlante Geopolitico 2012 (2012)
    Bandiera Posizione Carta fisico-politica Dati geo-amministrativi Il Mali è un paese dell’Africa occidentale privo di sbocchi sul mare: confina a nord con l’Algeria, a nord-ovest con la Mauritania, ad ovest con il Senegal, a sud-ovest con la Guinea, a sud con la Costa d’Avorio e ad est con il Burkina ...
  • Mali, Repubblica del
    Dizionario di Storia (2010)
    Stato dell’Africa occid., confinante con Algeria, Niger, Burkina Faso, Costa d’Avorio, Guinea, Senegal e Mauritania. Prende idealmente il nome dell’antico impero del Mali, Repubblica del che nel periodo di massimo splendore (13°-14° sec.) si estendeva dalla costa atlantica attraverso il Sahara e il ...
  • MALI
    Enciclopedia Italiana - VII Appendice (2007)
    Mali Geografia umana ed economica di Riccardo Martelli   Stato interno dell'Africa nord-occidentale. La popolazione ammontava a 9.790.492 ab. al censimento del 1998 e a 13.518.000 secondo stime del 2005. Tale rilevante incremento è avvenuto nonostante un saldo migratorio fortemente negativo (−6,6% ...
  • MALI
    Enciclopedia del Cinema (2003)
    Cinematografia La cinematografia dell'ex colonia francese, indipendente dal 1960, è tra le più corpose del continente, sostenuta fin dalla sua nascita dal governo socialista dell'epoca, che comprese le potenzialità comunicative dell'industria cinematografica e investì nel settore creando una serie ...
  • MALI
    Enciclopedia Italiana - VI Appendice (2000)
    Mali (App. III, ii, p. 21; IV, ii, p. 379; V, iii, p. 300) Geografia umana ed economica di Paolo Migliorini Popolazione Con una popolazione di 10.694.000 ab., secondo una stima del 1998, il MALI ha visto crescere la sua consistenza demografica, durante il periodo 1990-98, a una media annua del ...
  • MALI
    Enciclopedia Italiana - V Appendice (1993)
    (App. III, II, p. 21; IV, II, p. 379) Il paese, la cui superficie è di 1.240.142 km2, dal 1991 è suddiviso in otto regioni amministrative (alle sette indicate in tabella, a partire dal 15 maggio 1991 è stata aggiunta la regione di Kidal per venire incontro alle pressanti esigenze della popolazione tuareg) ...
  • MALI
    Enciclopedia Italiana - IV Appendice (1979)
    (App. III, 11, p. 21). - Stato (1.240.142 km2 con 6.035.272 ab. nel 1976; cap. Bamako) dell'Africa occidentale, indipendente dal 1960. Il MALI, che faceva parte in precedenza del Sudan francese, dopo essere stato governato per i primi otto anni postcoloniali dal regime di Modibo Keita, è retto attualmente ...