MARGHERITA Aldobrandini, duchessa di Parma e Piacenza

    Dizionario Biografico degli Italiani - Volume 70 (2008)

di Raissa Teodori

MARGHERITA Aldobrandini, duchessa di Parma e Piacenza. – Nacque nel 1588 nel castello di Capodimonte, nel ducato farnesiano di Castro, dove il padre Gian Francesco prestava servizio dall’anno precedente. La madre era Olimpia Aldobrandini, nipote prediletta del cardinale Ippolito, il futuro Clemente VIII.

Ippolito aveva dato in sposa Olimpia a un nipote fiorentino, esponente di un ramo secondario della famiglia, al fine di perpetuare il cognome degli Aldobrandini in Roma e permettere al fratello di lei, Pietro, di prendere i voti e consolidare la propria ascesa in Curia, come avvenne con la nomina a cardinale nel 1593. La giovane coppia si trasferì a Roma subito dopo l’ascesa al soglio pontificio di Ippolito Aldobrandini, Clemente VIII, e beneficiò della politica nepotistica del papa, ottenendo ricchezze e privilegi paragonabili a quelli indirizzati al cardinale Pietro. Olimpia, donna di polso e abile amministratrice delle proprie sostanze, godette di cospicue rendite e di grande considerazione a corte. Gian Francesco ebbe consistenti elargizioni in denaro e fu insignito di diverse e spesso redditizie cariche: governatore di Borgo (1592), governatore di Ancona (1593), comandante della guardia pontificia, generale della Chiesa (1594); ottenne le contee di Sarsina e Meldola e conquistò, come amministratore e nelle armi, la stima e la fiducia del pontefice che gli affidò anche importanti missioni diplomatiche. La coppia ebbe dodici figli, cui Clemente VIII non fece mancare la propria benevolenza: al primogenito Silvestro riservò la porpora (1603) e per le nipoti, in particolare le maggiori, M. ed Elena, dispose rendite adeguate e ricercò unioni matrimoniali di prestigio.

Per M., Clemente VIII progettò, fin dai primi anni, nozze di altissimo rango. Si tentò, sembra, perfino la strada del matrimonio con Enrico IV di Francia e, fallito il tentativo, con i rampolli del granduca di Toscana Ferdinando I e di Carlo Emanuele di Savoia. Già dal 1598, tuttavia, erano iniziate le trattative per unire gli Aldobrandini con i Farnese, duchi di Parma e Piacenza; con questi la famiglia papale era legata da un controverso rapporto, fatto di antica sudditanza ma anche, con il potere politico ed economico assunto dopo l’elezione di Clemente VIII, di conclamata rivalità.

Le trattative per il matrimonio di M. con il duca Ranuccio I furono lunghe e complesse. Ostacolo a una rapida conclusione dell’accordo fu, tra l’altro, la questione della dote, che i Farnese pretesero altissima (si arrivò a parlare di 300.000 scudi) per giustificare un matrimonio di rango tanto inferiore, seppure con una nipote del papa. D’altra parte diversi elementi favorirono il successo dell’iniziativa: i falliti tentativi di Ranuccio di contrarre matrimoni di rilevante prestigio, con Maria de’ Medici e in seguito con una figlia del duca di Baviera Guglielmo V; le difficoltà finanziarie del Ducato, che sarebbero state in parte ammortizzate da possibili nuove rendite e, nell’immediato, dalla cospicua dote papale; la prospettiva di consolidare il potere sui possedimenti di Castro, pur sempre sotto il dominio eminente della Chiesa; le aspettative che dall’unione sarebbero derivati vantaggi per la carriera del cardinale Odoardo Farnese, fratello minore del duca, e il rafforzamento della presenza farnesiana in Curia; la convenienza mai secondaria di un’alleanza politica con la S. Sede; infine l’urgenza che il duca contraesse matrimonio per assicurare la continuità dinastica.

Spinto da tali considerazioni e fortemente incoraggiato dal fratello, alla fine del 1599 Ranuccio acconsentì a sposare l’appena undicenne Margherita. Con il sostegno attivo della corte spagnola, l’accordo matrimoniale fu siglato; la dote, secondo lo spregiudicato nepotismo clementino, uscì per la parte maggiore dalle casse papali e, il 7 maggio 1600, lo stesso pontefice celebrò le nozze a Roma.

Il matrimonio è stato letto come un successo della politica familiare del cardinal nipote, Pietro Aldobrandini e del cardinale Odoardo Farnese. L’aperto sostegno di quest’ultimo all’unione ha alimentato la questione sulla interpretazione, non ancora pacifica, del programma iconografico della galleria dei Carracci a palazzo Farnese, a Roma, secondo molti da considerarsi come celebrazione allegorica delle nozze stesse. Le nozze di Ranuccio e M., sebbene fossero celebrate, sembra per volontà dello stesso papa, senza eccesso di pompa, suscitarono una discreta produzione artistico-celebrativa, spesso allegorica, in forma di raccolte di madrigali, poesie, epitalami; inoltre i festeggiamenti svoltisi nelle città ducali sono stati considerati come una significativa realizzazione di quell’effimero barocco che caratterizzò l’autocelebrazione delle corti italiane in Età moderna.

Il 4 giugno, preceduta da Ranuccio che aveva lasciato Roma nei giorni successivi al matrimonio, M. partì alla volta di Parma accompagnata da un corteo giunto appositamente da Parma e scortata dalle milizie del Ducato. Il corteo fece tappa nella villa dei Farnese a Caprarola, a Pesaro da Vittoria Farnese, zia di Ranuccio, a Imola, a Bologna alla fine di giugno, a Modena, a Reggio, e giunse il 1° luglio al ponte di Lenza dove fu accolto da una rappresentanza di ambasciatori della corte e della comunità. Il duca aspettava M. al castello di Torchiara, dove trascorsero l’estate in attesa che fossero ultimati i lavori di ristrutturazione del palazzo ducale di Parma: all’inizio di ottobre M. fece il suo ingresso solenne in città.

I primi dieci anni di matrimonio di M. furono funestati dalla sua impossibilità a dare a Ranuccio un erede: M. non riusciva infatti a portare a termine le gravidanze iniziate o partoriva neonati destinati a sopravvivere solo poche ore.

I biografi ricordano che Ranuccio, particolarmente superstizioso e sensibile all’idea di malefici e sortilegi, si convinse di essere vittima di una maledizione e, dopo aver tentato il ricorso alle arti mediche, si rivolse ad astrologi ed esorcisti, fece voti e ingenti donazioni in denaro, e da ultimo finì per abbandonarsi ad accuse di stregoneria; viene ricordata in particolare Claudia Colla, bella fanciulla di buona famiglia, che era stata amante di Ranuccio anni prima e che, con la madre Elena, fu accusata di maleficio e, sembra, rinchiusa nel carcere della Rocchetta di Parma.

Le difficoltà di M. nel diventare madre erano dovute a difetti fisici che le erano costati, già prima del matrimonio, più di un intervento chirurgico. È probabile peraltro che il problema di una possibile sterilità di M. fosse ben presente agli Aldobrandini al momento delle trattative per l’intesa matrimoniale. Alcuni ritengono inoltre che la notizia, trapelata in Curia e in diverse corti italiane, fosse giunta alla orecchie del cardinale Odoardo, che avrebbe volontariamente omesso di riferire a Ranuccio la diceria: sperando nella sterilità della cognata, Odoardo avrebbe così giocato una carta per tentare di succedere sul trono di Parma al fratello qualora questi fosse rimasto privo di eredi legittimi. A ogni modo Ranuccio non prese in considerazione l’idea di lasciare il campo libero al fratello e, pur mantenendo la speranza di un erede legittimo, fin dalle prime gravidanze fallite di M. cominciò a porre le basi per garantire la continuità dinastica attraverso un proprio discendente diretto, ancorché illegittimo, nella persona di Ottavio, avuto nel 1598 da Briseide Ceretoli, figlia di un capitano morto in Fiandra al seguito di Alessandro Farnese.

Furono anni difficili per M., sottoposta, oltre che alla prostrazione per le mancate nascite, alla convivenza a corte con la prole illegittima del duca. A Ottavio, infatti, fu riservata l’educazione adeguata a fare di lui un futuro duca, gli furono assegnati congrue rendite, donazioni e titoli feudali, e fu legittimato, nel 1605, con grande contrarietà del cardinale Odoardo. Nel 1610 M. riuscì finalmente a partorire un bimbo che non morì, cui fu dato il nome di Alessandro, e la cui nascita risollevò momentaneamente le speranze della corte; tuttavia ben presto ci si accorse che il bimbo era sordomuto e che sarebbe stato inabile al governo. Nonostante le cure e gli espedienti per guarire il figlio, Ranuccio dovette arrendersi e, intorno al 1618, dichiarò ufficialmente la sua inabilità a salire sul trono ducale. Questo atto aprì la strada alla successione del secondogenito, il piccolo Odoardo, nato sano il 28 apr. 1612. Dopo la nascita di Alessandro infatti i problemi di M. legati alla maternità si erano risolti: mentre Ottavio usciva di scena (per aver ordito trame contro il padre trascorse gli ultimi 21 anni della sua vita nel carcere della Rocchetta), e Odoardo cresceva con l’educazione di un principe sotto la guida dell’aio piacentino Cremona Visdomini (o Vicedomini) e la severa supervisione del padre, M. dava alla luce Maria (febbraio 1615), poi sposa a Francesco I d’Este, Vittoria (aprile 1618), che sposò Francesco dopo la morte della sorella, e Francesco Maria (agosto 1619), futuro cardinale.

Per Odoardo fu subito avviata la ricerca di una conveniente unione matrimoniale, destinata inizialmente al primogenito prima che fosse dichiarato inabile alla successione. L’accordo fu trovato, non senza qualche difficoltà, nel 1620 con Cosimo II de’ Medici, granduca di Toscana, che avrebbe dato in sposa al futuro duca, appena fosse stato in età da matrimonio e da governo, la prima della proprie figlie, Maria Cristina de’ Medici.

Il 5 marzo 1622 Ranuccio morì.

Lasciava uno Stato politicamente consolidato, rinnovato nella struttura fiscale e amministrativa, che centralizzò, e in una situazione finanziaria apparentemente meno critica; principe al passo con il suo tempo, del duca si ricordano la violenza nella repressione della feudalità, la costanza nelle alleanze politiche, con la Spagna e la S. Sede, la riorganizzazione della milizia locale, una politica ecclesiastica fortemente interventista e di ispirazione controriformistica, un robusto programma di politica culturale. Durante il suo governo Piacenza, ormai in secondo piano rispetto a Parma, tentò di riconquistare il ruolo perduto di capitale anche onorando il duca con due monumenti equestri, dedicati a lui e al padre Alessandro. Viene ricordata in proposito una visita di M. a Piacenza nel 1620, anno in cui dopo alcuni tentennamenti il duca accettò che si scoprisse la statua, e sembra che fosse la prima volta in vent’anni di matrimonio che M. rendeva visita ufficiale alla città.

Al momento della morte di Ranuccio, l’erede designato aveva solo dieci anni, e la reggenza fu attribuita, secondo le leggi ducali, al cardinale Odoardo e a M.; nel febbraio 1626 morì anche il cardinale Odoardo, per cui M. fu, per i successivi due anni, unica reggente del Ducato di Parma e Piacenza.

In anni difficili, in cui i piccoli Stati italiani non potevano non subire i riflessi della grande crisi europea culminata nella guerra dei Trent’anni, il periodo della reggenza fu caratterizzato da una relativa stabilità, in sostanziale continuità con la politica di Ranuccio. A M., che le fonti spesso ingenerose ricordano soprattutto per le difficoltà nell’avere figli e per la pinguedine, vanno però riconosciute una discreta saggezza di governo e la non banale capacità di mantenere il Ducato in una situazione di neutralità di fronte alle tensioni politiche che potevano coinvolgerlo. Questa abilità risultò evidente nella complessa questione della successione del vicino Ducato di Mantova, in occasione della quale M. ricevette da Carlo I Gonzaga-Nevers la richiesta di sostenere i suoi diritti al governo del Ducato e l’appoggio in quella che fu la seconda guerra del Monferrato.

Nel 1628, non appena Odoardo ebbe raggiunto i sedici anni necessari per assumere in prima persona il governo dello Stato, M. decadde dalla reggenza. Nell’ottobre dello stesso anno il giovane duca sposò Margherita de’ Medici, sorella di Maria Cristina, a favore della quale il 14 febbr. 1627 era stata rettificata la promessa di matrimonio. Le nozze fastose furono celebrate da poeti tra cui Claudio Achillini, che alla corte di Parma sembra godesse della protezione di M., la quale lo aveva chiamato a occupare una cattedra all’Università di Parma con un lauto stipendio.

Concluso il compito di madre e di reggente dello Stato farnesiano, della vita di M. in quegli anni non si hanno notizie; sappiamo però che continuò a vivere a corte a Parma. Qui morì il 9 ag. 1646, seguita, il 12 settembre, dal figlio Odoardo.

Scarne sono le descrizioni della personalità di M.: la si dice di carattere mite, in contrapposizione al collerico marito, ne vengono esaltate la pietà, la dedizione ai poveri e agli infermi, e la forte religiosità; in particolare si ricorda il suo legame con i teatini, che volle insediare a Parma, nella chiesa di S. Cristina, nel 1629. Come altre donne di casa Farnese, sembra infine che contribuisse attivamente al mecenatismo proprio della politica ducale, e che fosse sensibile al piacere dell’arte e della poesia.

Fonti e Bibl.: G. Bentivoglio, Memorie, in Opere storiche del cardinal Bentivoglio, a cura di L. Barotti, V, Milano 1807, pp. 199-207; E. Costa, Spigolature storiche e letterarie, Parma 1887, pp. 41-62; U. Benassi, I natali e l’educazione del duca Odoardo Farnese, in Arch. stor. per le provincie parmensi, IX (1909), pp. 100, 103-107, 136, 197, 201 s., 208-211; Id., Pareri politici intorno alle nozze di Ranuccio I, ibid., pp. 229-244; L. von Pastor, Storia dei papi, XI, Roma 1929, pp. 42, 79; G. Guerrieri, Il mecenatismo di casa Farnese, in Arch. stor. per le provincie parmensi, s. 2, VII-VIII (1942-43), pp. 139, 146; E. Ottolenghi, Storia di Piacenza, dalle origini sino all’anno 1918, II, Piacenza 1947, pp. 141, 146; G. Drei, I Farnese, grandezza e decadenza di una dinastia italiana, Roma 1954, pp. 169, 199, 201, 205, 216, 236; A. Archi, Il tramonto dei principati in Italia, Rocca San Casciano 1962, pp. 105 s., 113; R. Lefevre, Gli ultimi Aldobrandini di Clemente VIII, in Studi romani, XIV (1966), pp. 21, 27, 36; Le corti farnesiane di Parma e Piacenza (1545-1622), I, a cura di M.A. Romani, Roma 1978, p. 216; II, a cura di A. Quondam, ibid. 1978, p. 270; G. Tocci, Il Ducato di Parma e Piacenza, Torino 1987, pp. 41, 52; R. Zapperi, Eros e Controriforma. Preistoria della galleria Farnese, Torino 1994, pp. 28-36, 70, 77, 81-83, 102, 123; E. Nasalli Rocca, I Farnese. Storia di una grande dinastia italiana, Milano 1995, pp. 138, 159 s., 172; I Farnese. Corti, guerra e nobiltà in antico regime. Atti del Convegno, Piacenza… 1994, a cura di A. Bilotto - P. Del Negro - C. Mozzarelli, Roma 1997, pp. 42, 72, 126, 132; S. Ginzburg Carignani, Annibale Carracci a Roma, Roma 2000, pp. 83, 90, 118 s., 131-151, 157 s.; A. Cirinei, Conflitti artistici, rivalità cardinalizie e patronage a Roma fra Cinque e Seicento, in La nobiltà romana in Età moderna. Profili istituzionali e pratiche sociali, a cura di M.A. Visceglia, Roma 2001, pp. 276, 392.

R. Teodori

Argomenti correlati

Odoardo Farnese duca di Parma e di Piacenza

Odoardo Farnese duca di Parma e di Piacenza. - Figlio (Parma 1612 - ivi 1646) del duca Ranuccio I e di Margherita Aldobrandini. Successo al padre (1622) sotto la reggenza della madre e dello zio cardinale Odoardo, liberato dalla reggenza nel 1626, vagheggiò il possesso della Lombardia e la corona regia; strinse pertanto, sotto l'influsso del suo confidente J. Gaufrido, un'intesa segreta con la Francia, perfezionata poi col trattato di Rivoli (1635)

Ranùccio I Farnese duca di Parma e Piacenza

Ranùccio I Farnese duca di Parma e Piacenza. - Figlio (Parma 1569 - ivi 1622) di Alessandro e di Maria di Portogallo. Reggente del ducato per il padre, poi (1592) duca, emanò (1594) le costituzioni farnesiane, che diedero allo stato la sua organizzazione definitiva; rinnovò urbanisticamente Parma e Piacenza, elargì ampî privilegi all'univ. di Parma (1601). Le sue pretese sul feudo di Colorno in possesso della marchesa Barbara Sanseverino, inasprendo la tensione tra il principe e i feudatarî, provocarono una congiura (1611), spietatamente repressa

Francésco Farnese duca di Parma e Piacenza

Francésco Farnese duca di Parma e Piacenza. - Figlio cadetto (Parma 1678 - ivi 1727) del duca Ranuccio II; essendo premorti il fratello Edoardo e il nipote Alessandro Ignazio, successe al padre nel 1694. Mantenne la tradizionale politica filofrancese e, nella guerra di successione spagnola, ebbe per questo il ducato devastato dalle truppe austriache. Non avendo avuto figli dalla moglie Dorotea Sofia di Neuburg, con una serie di atti internazionali fu stabilita la successione - dopo la morte di F

Farnése, Odoardo, detto Odoardo II

Farnése, Odoardo, detto Odoardo II. - Figlio (Colorno 1666 - Parma 1693) del duca di Parma Ranuccio II e della sua seconda moglie Isabella d'Este. Destinato ad ereditare lo stato paterno per la morte del figlio di primo letto di Ranuccio II, sposò nel 1690 Dorotea Sofia di Neuburg. Premorì al padre e nello stesso anno si spense ancor bambino l'unico figlio maschio natogli, Alessandro Ignazio; si andò così preparando l'estinzione della casa Farnese a beneficio della prole della figlia dello stesso Odoardo, Elisabetta, futura regina di Spagna.

Invia articolo Chiudi