Foster, Norman

Foster, Norman

Enciclopedie on line

Foster, Norman. - Architetto inglese (n. Manchester 1935). Tra i maggiori e più celebrati eredi della grande tradizione razionalista del "moderno" in architettura, F. ha trovato la sua cifra stilistica in realizzazioni in vetro e acciaio dalle superfici levigate.

Vita e opereHa completato la sua formazione alla Yale University; dal 1963 al 1967 ha lavorato in collaborazione con R. Rogers. Dopo il 1967 il suo studio ha elaborato, con particolare attenzione all'alta tecnologia, alcuni dei progetti più significativi dell'architettura contemporanea: edifici per l'IBM a Cosham, Hampshire (1971) e a Greenford, Middlesex; Sainsbury Center for visual arts, East Anglia University, Norwich (1978); il centro Renault, Swindon (1983); Hong Kong and Shangai Bank, Hong Kong (1985); edificio per uffici B3 a Stockley Park, Heathrow (1989). Nominato baronetto nel 1990, nel 1994 ha ricevuto la Gold medal for architecture da parte dell'American institute of architects e nel 1996 ha preso parte alla 6ª Mostra internazionale di architettura di Venezia. Nel 1999 gli è stato attribuito il prestigioso Pritzker architecture prize e nel 2007 l'Aga Khan award for architecture. Lo studio Foster & Partners ha realizzato a partire dall'ultimo decennio del sec. 20º alcune delle sue opere più significative, sia per complessità di programma (il grattacielo della Commerzbank a Francoforte sul Meno, 1991-97; la stazione Canary Wharf della Jubilee Line a Londra, 1991-99; l'aeroporto internazionale Chep Lap Kok di Hong Kong, 1992-98; l'ampliamento del Joslyn art museum a Omaha, 1992-94; il Mikroelektronikpark a Duisburg, 1988-95; il centro congressi a Valencia, 1996-98; il viadotto di Millau, 1993-2004; il SECC, Scottish exhibition and conference centre, a Glasgow, 1995-97), sia per l'alto valore simbolico che hanno assunto all'interno dei contesti di appartenenza (la torre per telecomunicazioni a Barcellona, 1988-92; il Carré d'art a Nîmes, 1984-93; le stazioni della metropolitana a Bilbao, 1988-95 e 1997-2004, linea 2; il rinnovamento del Reichstag a Berlino, 1992-99; il Millennium Bridge, 1996-2000, la Great Court nel British Museum, 1994-2000, il National Police Memorial 1996-2005 e la Hearst Tower di New York, 2006).

Pubblicità

Categorie

Altri risultati per Foster, Norman

  • FOSTER+PARTNERS
    Enciclopedia Italiana - IX Appendice (2015)
    Studio internazionale di architettura fondato nel 1990 a Londra dall’architetto inglese Norman Foster, nato a Manchester il 1° giugno 1935. Considerato tra i principali esponenti dell’architettura hightech, nel 1990 Foster è stato nominato baronetto dalla corte britannica e insignito dalla regina del ...
  • Foster, Norman
    Lessico del XXI Secolo (2012)
    Architetto inglese (n. Manchester 1935), considerato uno dei massimi esponenti dell’architettura high-tech. I suoi progetti, dalla scala architettonica a quella urbana, hanno trasformato interi paesaggi urbani in tutto il mondo, con soluzioni innovative e sostenibili, apprezzate dal punto di vista sia ...
  • FOSTER, Norman
    Enciclopedia Italiana - V Appendice (1992)
    Architetto inglese, nato a Manchester il 1° giugno 1935. È membro di numerose istituzioni nazionali e internazionali, tra cui: Royal College of Art, Royal Academy, Royal Institute of British Architects, American Institute of Architects, Bund Deutscher Architekten, Ordre des Architects francese. Nel ...