NUCA

    Enciclopedia Italiana (1935)

di Agostino Palmerini

NUCA (fr. nuque; sp. nuca; ted. Genick; ingl. back, nape, scruff of the neck). - In anatomia topografica è la parte del collo situata posteriormente alla colonna vertebrale, il segmento superiore della regione spinale.

I piani superficiali comprendono la cute (ricca di ghiandole sebacee, gravi: acne, foruncoli, favo), e il connettivo sottocutaneo (denso, solidamente connesso da trabecole al piano sottoposto) nel quale decorrono i vasi e i nervi superficiali; è sede frequente di lipomi. I piani profondi o muscolari sono schematicamente quattro: il 1° occupato dalla parte superiore del muscolo trapezio; il 2° dai muscoli splenio, angolare, romboide, piccolo dentato posteriore-superiore; il 3° dai muscoli grande complesso, piccolo complesso, trasversario del collo; il 4° dai muscoli grande e piccolo retto posteriore della testa, dal grande e piccolo obliquo, dal muscolo trasverso spinoso, dai muscoli interspinosi e intertrasversarî posteriori del collo. Il piano scheletrico comprende in alto la squama dell'osso occipitale, in basso il piano dorsale della colonna vertebrale cervicale (e quindi le articolazioni atlanto-occipitale, atlanto-epistrofea, atlanto-odontoidea). Una robusta lamina fibrosa triangolare con la base corrispondente alla protuberanza e alla cresta occipitale esterna, l'apice al processo spinoso della settima vertebra cervicale e il margine anteriore alle apofisi spinose delle vertebre cervicali, costituisce il legamento della nuca o legamento cervicale posteriore notevolmente ridotto nell'uomo in confronto del robusto legamento elastico del collo nei quadrupedi, che ha funzione essenziale di sostegno della testa. Le arterie della nuca provengono dalle arterie cervicale profonda, cervicale trasversa e vertebrale e le vene sboccano nelle vene occipitali e nella vena giugulare posteriore; le linfoghiandole sotto-occipitali ricevono i linfatici della parte posteriore della testa (s'ingorgano frequentemente nelle lesioni del cuoio capelluto); i linfatici superficiali della nuca vanno alle linfoghiandole ascellari, i profondi alle cervicali. La nuca è attraversata dai rami posteriori degli otto nervi cervicali (nervi misti: muscolari e cutanei); il secondo ramo (n. occipitalis maior o grande nervo occipitale di Arnold) può essere causa della nevralgia occipitale; in questo caso si provoca un vivo dolore premendo il punto dove detto nervo perfora il muscolo grande complesso (tre centimetri sotto la linea superiore della nuca e 15 millimetri lateralmente alla linea mediana).

V. anche i cenni generali di morfologia, di fisiopatologia, d'anatomia comparata dati alla voce collo.

Le lesioni patologiche della nuca possono essere assai diverse in rapporto ai varî elementi anatomici che costituiscono la regione. Abbiamo accennato a quelle dei piani superficiali. Sono state descritte rotture dei muscoli (mouton) in facchini che portavano pesanti carichi sulla nuca. X. Delore descrisse un "torcicollo posteriore" per contrattura o retrazione di uno o più muscoli della nuca. Ph. Ricord segnalò l'importanza patognomonica dell'ingorgo delle ghiandole sotto-occipitali nella sifilide (il cosiddetto "polso della sifilide"). Notevole importanza pratica hanno le lesioni della colonna cervicale (v. vertebrale, colonna) specialmente per le localizzazioni cervicali del morbo di Pott (atlante ed epistrofeo nel "morbo di Pott sotto-occipitale"); in seguito a lussazione patologica si può avere morte improvvisa per schiacciamento del midollo allungato. Più rare sono le lesioni traumatiche, fratture, lussazioni se si fa eccezione delle ferite da arma da fuoco in tempo di guerra. Notevolissima importanza ha in medicina legale il fatto che sono larghi gli spazî fra l'osso occipitale e l'atlante come fra l'atlante e l'epistrofeo e a testa fortemente flessa giungono in rapporto con le parti molli della nuca, di modo che si può far penetrare una sottile arma da punta producendo lesioni mortali dei quasi traccia della lesione. Nella pratica zootecnica della macellazione (v. macello) si pratica in questo modo il cosiddetto "colpo sulla nuca". In tempi più recenti, invece, questi rapporti anatomici sono stati utilizzati per la puntura alta dello speco vertebrale a scopo diagnostico o curativo (puntura sotta-occipitale).

Approfondimenti

Nuca > Enciclopedia Dantesca (1970)

nuca. - Ricorre solo in If XXXII 129 'l sovran li denti a l'altro pose / là 've 'l cervel s'aggiugne con la nuca.Diverso dal significato oggi corrente (cioè " parte posteriore del collo ") è quello originario della parola (dal latino medievale nucha,... Leggi

Nuca  > Dizionario di Medicina (2010)

nuca  Regione cervicale posteriore, a forma quadrilatera, delimitata in alto dalla protuberanza occipitale esterna, in basso dall’apofisi spinosa della 7ª vertebra cervicale (vertebra prominente). La sua impalcatura scheletrica è costituit... Leggi

Argomenti correlati

Prominente, vertebra

prominente, vertebra In anatomia umana, la settima vertebra cervicale così detta per l’evidenza della sua apofisi spinosa; è il punto di riferimento per stabilire il passaggio tra colonna cervicale e dorsale.

Uncovertebrale, articolazione

uncovertebrale, articolazione Articolazione che si stabilisce a livello della colonna cervicale tra le apofisi semilunari di una vertebra e le corrispondenti faccette articolari della superficie inferiore della vertebra soprastante. Uncoartrosi Processo artrosico a carico dell’articolazione u.; si chiama uncodiscoartrosi se associata a degenerazione del corrispondente disco intervertebrale

Occipite

occipite In anatomia, la regione posteriore, media e inferiore del cranio, corrispondente all’osso occipitale, osso piatto, impari, mediano, simmetrico, di forma irregolarmente losangica; suoi elementi descrittivi importanti sono: il foro occipitale, che fa comunicare la cavità cranica con il canale vertebrale; la protuberanza occipitale esterna (o inion); l’eminenza crociata che divide la superficie interna in quattro fosse: due inferiori, dette cerebellari, e due superiori, dette cerebrali, corrispondenti al polo occipitale degli emisferi cerebrali; i due condili occipitali che concorrono a

Cervice

cervice Parte posteriore del collo; in ostetricia, il collo dell’utero; in urologia, il collo vescicale.Arteria cervicale ascendenteRamo dell’arteria tiroidea inferiore; irrora i muscoli della regione paravertebrale e i corpi delle vertebre.Arteria cervicale profondaArteria che origina dalla succlavia, passa tra la prima costa e l’apofisi trasversa della settima cervicale e irrora i muscoli della regione nucale. Colonna cervicale Tratto della colonna vertebrale che comprende le prime sette vertebre.Linfonodi cervicaliSono distinti in due gruppi: latero-c. e retro-c

Invia articolo Chiudi