Ozono

    Enciclopedia dei ragazzi (2006)

di Marina Carpineti

ozono

Un gas nocivo per noi, prezioso per la Terra

L’ozono è un gas le cui molecole sono formate da tre atomi di ossigeno. Sebbene la sua composizione chimica sia molto simile a quella dell’ossigeno che respiriamo, formato invece da molecole di due atomi, si tratta di un gas con proprietà molto diverse. L’ozono è fondamentale per la vita sulla Terra, ma può rivelarsi anche tossico

Una barriera protettiva

L’ozono, formato da tre atomi di ossigeno (O3), è un gas altamente tossico, a differenza dell’ossigeno presente nell’aria che respiriamo, le cui molecole contengono solo due atomi di ossigeno (O2). In condizioni ambientali l’ozono ha colore azzurrognolo e un odore pungente e irritante. Da qui il suo nome, che deriva dal verbo greco òzo, il cui significato è proprio «mandare odore».

L’ozono è presente nell’atmosfera terrestre in quantità che variano, specialmente al variare dell’altitudine. In particolare, l’ozono è presente in concentrazioni piuttosto elevate nella regione della stratosfera che si estende da circa 20 a circa 50 km di altitudine. Qui forma uno strato protettivo in grado di bloccare buona parte delle radiazioni ultraviolette provenienti dal Sole. Se le radiazioni ultraviolette potessero raggiungere indisturbate la superficie terrestre, come accade invece alla radiazione visibile (la luce), causerebbero danni gravissimi alla salute dell’uomo oltreché di moltissimi animali e vegetali, rendendo addirittura impossibile la vita sulla Terra.

Il buco nell’ozono

Lo spessore della fascia di ozono stratosferico varia per cause naturali a seconda della stagione e della zona. Tuttavia, a partire dalla metà degli anni Settanta del Novecento si ebbero le prime avvisaglie di un progressivo assottigliamento della fascia di ozono, specialmente nelle regioni sovrastanti i Poli. Il fenomeno, chiamato buco nell’ozono, generò un grandissimo allarme e spinse i ricercatori di tutto il mondo a cercarne le cause. L’ipotesi più accreditata è ancora oggi quella che la distruzione dell’ozono sia dovuta al rilascio nell’atmosfera di alcune sostanze chimiche, i clorofluorocarburi (CFC), largamente impiegate come refrigeranti nei frigoriferi e nei condizionatori d’aria, nei solventi per la pulitura a secco o come propellenti negli spray (fluoro). Questi composti poco reattivi possono raggiungere intatti gli strati alti dell’atmosfera dove si alterano per azione della luce e reagiscono chimicamente con l’ozono distruggendone le molecole. Dalla fine degli anni Ottanta a oggi l’impiego di CFC è stato largamente ridotto secondo le direttive di un accordo firmato nel 1987 a Montreal, in Canada, da diversi paesi, tra i quali l’Italia.

Un pericoloso inquinante

In anni recenti si è cominciato a parlare dell’ozono anche in altri termini, ossia come di un pericoloso inquinante.

Negli strati bassi dell’atmosfera l’ozono è presente normalmente in concentrazioni molto piccole e si forma spesso per azione delle scariche elettriche durante i temporali: il caratteristico odore pungente che si sprigiona nell’aria in seguito a un temporale è dovuto proprio alla presenza di questo gas.

Tale concentrazione può aumentare notevolmente in presenza di alcuni inquinanti chimici, provenienti generalmente dalle emissioni delle auto. Dopo che è stata dimostrata l’elevata tossicità dell’ozono, la sua concentrazione è ormai costantemente monitorata in tutte le grandi città e costituisce uno dei principali indici per valutare il livello di inquinamento. È tuttavia molto difficile attuare provvedimenti in grado di ridurre l’inquinamento da ozono perché esso è un inquinante secondario, in quanto non ha una sorgente propria controllabile dall’uomo: viene infatti prodotto tramite reazioni chimiche complesse con altri inquinanti, in quantità non direttamente proporzionate alla loro concentrazione.

La presenza di ozono è anche influenzata da fattori climatici e meteorologici, ed è particolarmente elevata nei mesi estivi quando è maggiore l’intensità della radiazione solare, che svolge un ruolo fondamentale nelle reazioni fotochimiche che producono ozono. Per lo stesso motivo le ore calde della giornata sono quelle in cui si registra il picco nella concentrazione di tale gas ed è pertanto sconsigliato alle persone più a rischio, quali anziani e bambini, di svolgere attività fisiche all’aperto in quelle ore di maggiore esposizione.

Approfondimenti

Ozono > Dizionario delle Scienze Fisiche (1996)

ozòno [Der. del fr. ozone, che è dal gr. ózo "emanare odore"] Forma allotropica dell'ossigeno, di simb. O3, peso molecolare 48; è un gas di colore blu, di odore caratteristico pungente; a temperatura ordinaria si decompone molto lentamente in o... Leggi

OZONO > Enciclopedia Italiana (1935)

OZONO. - Stato allotropico dell'ossigeno, corrispondente alla formula O3.Varî autori sulla fine del sec. XVIII avevano notato l'odore caratteristico prodotto dalle scariche elettriche nell'aria; un odore analogo notò H. Davy durante l'elettrolisi del... Leggi

Ozono > Dizionario di Medicina (2010)

ozono Forma allotropica dell’ossigeno, di formula O3; gas di colore bluastro e di odore pungente. L’o. ha proprietà disinfettanti e battericide: viene impiegato nella sterilizzazione e deodorizzazione dell’acqua potabile e delle acq... Leggi

Argomenti correlati

Crutzen, Paul

Crutzen 〈krùzën〉, Paul. - Chimico e meteorologo olandese (n. Amsterdam 1933). Dopo aver completato gli studi di ingegneria civile e aver lavorato per alcuni anni in questo settore, si è trasferito (1959) presso il dipartimento di meteorologia dell'Università di Stoccolma

Atmosfera

atmosfera fisicaInvolucro gassoso che circonda o sovrasta un corpo solido o liquido; in particolare quello che circonda la Terra (a. terrestre) e altri pianeti (a. planetarie). Talora si parla di a. anche per il Sole e per le stelle, che sono corpi completamente gassosi: in tal caso s’intendono per a. gli strati più esterni e meno densi. La massa dell’a. terrestre è un milionesimo di quella della Terra; il 99% si trova al di sotto di 50 km di quota e il 90% al di sotto di 17 km. 1. L’a. terrestre primitivaLe teorie sulla formazione del sistema solare avvalorano l’ipotesi di un’a

Perfluoro-

perfluoro- Prefisso usato in chimica organica per indicare composti nella cui molecola sono stati sostituiti con fluoro tutti gli atomi d’idrogeno, eccetto quelli degli eventuali gruppi funzionali. Tra i p.-derivati degli idrocarburi aliciclici va citato il p.-ciclobutano, C4F8, gas non infiammabile usato come fluido refrigerante e facente parte dei fluorocarburi; tra le p.-olefine sono da ricordare il p.-etilene, C2F4, il p.-propilene, C3F6 e il p.-butadiene, C4F6, utilizzati nella preparazione di polimeri fluorurati, e il p

Carbonile

carbonile Radicale =C=O, caratteristico delle aldeidi e dei chetoni. Per la presenza del doppio legame carbonio-ossigeno possiede una spiccata reattività: può addizionare idrogeno, ossigeno, acqua, acido cianidrico, bisolfiti ecc., o dare prodotti di polimerizzazione o di condensazione. Si dicono carbonili o metallocarbonili alcuni composti dell’ossido di carbonio con metalli; il loro nome si forma premettendo a c. quello del metallo. I c

Invia articolo Chiudi