Pellisson-Fontanier, Paul

Enciclopedie on line

Pellisson-Fontanierpelisõ´ fõtané›, Paul. - Apologista e storiografo (Béziers 1624 - Parigi 1693). Pubblicò, nel 1653, una Relation contenant l'histoire de l'Académie Française, che fu continuata dall'abbé d'Olivet (1729). Segretario di Luigi XIV, protetto da Fouquet, fu poi coinvolto nella caduta di quest'ultimo fino ad essere rinchiuso alla Bastiglia (1661), e in prigione continuò a difendere il suo protettore coraggiosamente con tre Discours. Rientrato poi nelle grazie del re e divenuto storiografo di corte, egli abiurò, per questo motivo, il protestantesimo nel 1670. Frutto di questa sua attività è l'Histoire de Louis XIV (3 voll., 1749, uscita postuma) e opere di propaganda religiosa quali le Réflexions sur les différends de la religion (4 voll., 1686-91) e il Traité sur l'Eucharistie (1694). Fu inoltre legato da affettuosa amicizia a M. de Scudéry.

Argomenti correlati

Mezeray, Francois-Eudes

Mézeray , François-Eudes. - Storico (Houay, Bassa Normandia, 1610 - Parigi 1683). Storiografo del re, accademico di Francia, fu assai noto per l'Histoire de France (3 voll., 1643-51) e per l'Abrégé chronologique ou extrait de l'histoire de Fra

La Force, Auguste de Caumont duca di

La Force, Auguste de Caumont duca di. - Storico francese (Dieppe 1878 - castello di Saint-Aubin-de-Locquenay, Sarthe, 1961), dal 1925 membro dell'Académie française. Collaborò con G. Hanotaux alla Histoire du Cardinale de Richelieu (per i voll. III-V

Guichenon ‹ġišnõ´›, Samuel

Guichenon ‹ġišnõ´›, Samuel. - Storico ed erudito (Mâcon 1607 - Bourg 1664); di famiglia calvinista, ma convertitosi al cattolicesimo, si rese assai noto per una Histoire de Bresse et de Bugey (4 voll., 1650), che gli valse la nomina a storiografo di

Asselineau ‹aslinó›, Charles

Asselineau ‹aslinó›, Charles. - Critico, erudito, bibliofilo e novelliere (Parigi 1820 - Châtelguyon 1874). Oltre a un'Histoire du sonnet pour servir à l'histoire de la poésie française (2a ediz. 1856), a studî su Jean de Schelandre (1854) e su A. Fu

Invia articolo Chiudi