Petitum

    Enciclopedie on line

Petitum

Nel diritto processuale civile, uno degli elementi identificativi oggettivi dell’azione proposta.

Se con il termine causa petendi si suole indicare l’insieme delle ragioni in fatto e in diritto poste a fondamento della domanda, con il petitum si intende portare l’attenzione sul contenuto della domanda stessa, ovvero sul suo oggetto.

La domanda di tutela giurisdizionale è rivolta sia nei confronti del giudice, sia nei confronti della parte convenuta, sicché per tradizione si suole distinguere tra petitum immediato e petitum mediato a seconda che si guardi al fenomeno in riferimento al giudice o al convenuto. Con il termine petitum immediato ci si riferisce al contenuto del provvedimento richiesto al giudice, ovvero alla natura della tutela richiesta (mero accertamento, condanna ecc.). Con il termine petitum mediato, invece, ci si riferisce alla cosa oggetto della domanda, ovvero al bene della vita che si vuole ottenere dalla parte convenuta (pagamento del prezzo, consegna del bene mobile ecc.). Parte della dottrina a tal riguardo preferisce distinguere tra petitum processuale e petitum sostanziale. Si contrappone, così, l’oggetto processuale, costituito dal contenuto della tutela richiesta, all’oggetto sostanziale, ovvero il diritto soggettivo fatto valere in giudizio.

Voci correlate

Azione. Diritto processuale civile

Causa petendi

Cosa giudicata. Diritto processuale civile

Domanda

Argomenti correlati

Interrogatorio. Diritto processuale penale

Interrogatorio. Diritto processuale penaleAtto tipico della fase delle indagini preliminari finalizzato all’accertamento della sussistenza degli elementi idonei a fondare la decisione del pubblico ministero in ordine all’esercizio dell’azione penale. L’art. 64 c.p.p. stabilisce che, salvo le cautele necessarie per prevenire il pericolo di fuga o di violenze, la persona sottoposta alle indagini (Indagato) interviene libera all’interrogatorio anche se in stato di custodia cautelare o detenuta per altre cause

Azione costitutiva

Azione costitutiva Nel diritto, una delle tre forme dell'azione civile di cognizione. Essa è finalizzata ad ottenere dal giudice la costituzione, modificazione o estinzione di un rapporto giuridico o di uno status (art. 2908 c.c.), previo accertamento dei presupposti individuati dal legislatore per ottenere la produzione di un simile effetto. Al pari delle altre sentenze, anche nella sentenza costitutiva vi è un accertamento

Parte civile. Diritto processuale penale

Parte civile. Diritto processuale penale Nel diritto processuale penale la parte civile è il danneggiato del reato (Vittima del reato) che decide di esercitare nel processo penale l’azione civile tendente a ottenere il risarcimento del danno. L’azione civile è facoltativa e disponibile, nel senso che in ogni momento del processo penale il danneggiato può revocare la costituzione di parte civile

Rinuncia. Diritto processuale civile

Rinuncia. Diritto processuale civile Atto di disposizione compiuto dalla parte relativamente a una posizione processuale di vantaggio. La legge processuale annovera vari tipi e forme di rinuncia: la rinuncia all’eccezione di nullità degli atti (art. 157), la rinuncia agli atti (art. 306, 608 bis e 629), la rinuncia all’audizione dei testi (art. 245), la rinuncia all’impugnazione e alle domande non riproposte in appello (art. 329 e 346), la rinuncia al ricorso per cassazione (art. 390 e 391)

Invia articolo Chiudi