PH

    Enciclopedie on line

pH In chimica, notazione che significa propriamente ‘potenza (nel significato matematico, cioè esponente) d’idrogeno (simbolo H)’; si usa per indicare la grandezza che misura l’acidità o la basicità di una soluzione acquosa, espressa dal cologaritmo decimale della concentrazione (o, più propriamente, dell’attività) degli ioni idrogeno. Pertanto: pH =−log[H+]. Questa relazione analitica deriva dalla tecnica potenziometrica (introdotta da S.P.L. Sörensen nel 1909) con cui sono state effettuate le prime accurate misure della concentrazione idrogenionica, per la quale il valore misurato del potenziale è funzione del logaritmo delle concentrazioni. Nell’acqua pura e nelle soluzioni neutre, in cui la concentrazione degli ioni idrogeno è uguale a quella degli ioni idrossido, dal prodotto ionico dell’acqua [H+][OH]=10−14 si ha che [H+]=10−7; di conseguenza il pH è uguale a 7, mentre nelle soluzioni acide, in cui [H+]>10−7, il pH risulta minore di 7 e in quelle basiche maggiore di 7. Per es., a una soluzione di acido cloridrico 10−3 N, acido forte, completamente dissociato, corrisponde un pH uguale a 3. Il pH di una soluzione si può determinare in modo approssimativo facendo uso di indicatori o, in modo più accurato, utilizzando un tipo di potenziometro (pH-metro) avente di norma la scala graduata direttamente in valori di pH.

Il pH determina molte caratteristiche della struttura e dell’attività delle macromolecole (enzimi, proteine, DNA) e influenza direttamente la respirazione, l’attività renale, la funzionalità eritrocitaria ecc. Le attività vitali sono compatibili solo con minime variazioni del pH dei liquidi biologici intra- ed extracellulari (v. fig.). Questi fluidi posseggono particolari sistemi, detti sistemi-tampone ( tampone), che operano attenuando le brusche variazioni di pH dovute ad alterazioni metaboliche, o respiratorie, o al contatto diretto con acidi e basi. Ne è un chiaro esempio il sangue, il cui valore di pH (in individui sani) è strettamente mantenuto a 7,4 da vari sistemi-tampone; quando questo valore è più basso si dice che l’organismo si trova in uno stato di acidosi, quando è più alto si parla di alcalosi. Il pH influenza le reazioni enzimatiche ( enzima/" target="_blank">enzima).

Foto su PH

Approfondimenti

PH  > Dizionario di Medicina (2010)

pH Misura dell’acidità (o della basicità) di una soluzione acquosa. Il suo valore corrisponde al cologaritmo decimale della concentrazione attiva degli ioni idrogeno, ossia pH=-log[H+]. Nell’acqua pura e nelle soluzioni neutre, in c... Leggi

PH > Dizionario delle Scienze Fisiche (1996)

pH [Sigla di potenza (nel signif. matematico) di idrogeno (simb. H), usata anche come s.m.] Sigla con cui s'indica il logaritmo decimale dell'inverso della concentrazione degli ioni idrogeno in una soluzione acquosa, pH=-log1[H+]; la ... Leggi

Argomenti correlati

Acidità

acidità chimicaIndica la presenza in una soluzione acquosa di un eccesso di ioni idrogeno rispetto a quelli ossidrilici. Quantitativamente viene espressa mediante il pH, definito da: pH=log10(1/H+), ovvero dal cologaritmo della loro concentrazione molare, CH+, in una soluzione acquosa. Nel caso dell’acqua il pH è uguale a 7 e questo valore viene assunto per rappresentare la neutralità. Se è inferiore a 7 la sostanza è acida, se è superiore è basica (➔ acido-base, sistemi)

PK

pK Notazione con cui in chimica si esprime il cologaritmo in base 10 della costante di equilibrio di una reazione chimica reversibile. L’impiego del pK è particolarmente utile, fra l’altro, quando è riferito agli indicatori, per stabilire il campo di viraggio dei medesimi.

Perfluoro-

perfluoro- Prefisso usato in chimica organica per indicare composti nella cui molecola sono stati sostituiti con fluoro tutti gli atomi d’idrogeno, eccetto quelli degli eventuali gruppi funzionali. Tra i p.-derivati degli idrocarburi aliciclici va citato il p.-ciclobutano, C4F8, gas non infiammabile usato come fluido refrigerante e facente parte dei fluorocarburi; tra le p.-olefine sono da ricordare il p.-etilene, C2F4, il p.-propilene, C3F6 e il p.-butadiene, C4F6, utilizzati nella preparazione di polimeri fluorurati, e il p

Monovalente

monovalente In chimica, si dice di elemento, di ione, di radicale avente una sola valenza, cioè capace di unirsi a un solo atomo d’idrogeno o di altro elemento a questo equivalente. Sono, per es., m. i metalli alcalini (sodio, potassio ecc.) e gli alogeni (fluoro, cloro ecc.).

Invia articolo Chiudi