LOREDAN, Pietro

    Dizionario Biografico degli Italiani - Volume 65 (2005)

di Roberto Zago

LOREDAN, Pietro. - Terzogenito di Alvise di Polo di Francesco, del ramo di S. Pantalon della Frescada, i cui membri erano soprannominati "campanoni" (duri d'orecchio), e di Elisabetta Barozzi di Pietro del ramo di S. Moisè, più tardi confluito in quello di S. Ternita, nacque a Venezia presumibilmente nel 1481 (nel novembre del 1502 estrasse la balla d'oro comprovando il compimento dei ventun anni).

Il L. - da non confondere con gli omonimi figli di Alvise di Polo di Pietro, di Lorenzo, di Marco e di Alessandro - ebbe una carriera intensa ma non prestigiosa, che accompagnò alla cura degli interessi mercantili secondo la tradizione familiare. Presente nel 1509 e nel 1510 alla difesa di Padova e di Treviso, esordì nella vita pubblica nel 1510 come sopracomito. Nell'aprile del 1511 fu eletto tra i senatori ordinari, si candidò a capitano sul Po, entrando successivamente, secondo il Sanuto, nella Quarantia criminale e nel 1512, in piena emergenza bellica, si propose per l'incarico di provveditore in diverse località della Terraferma. Intervenne in Senato - scrive Sanuto - chiedendo la riduzione della somma che gli ebrei dovevano versare per la loro "condotta" e si pronunciò in favore di una lega con la Francia, disposto anche a cedere Cremona e la Ghiara d'Adda in cambio di altri territori. Nel 1513 partì nuovamente alla difesa di Padova e Treviso e, disponibile a ruoli di natura militare, si offrì per ricoprire gli incarichi di provveditore degli Stradioti, pagador in campo e di provveditore in Are (oggi Adria). Rifiutata nel 1516 la nomina a console ad Alessandria, intensificò, invece, l'attività imprenditoriale: armò nel 1517, insieme con i fratelli - quattro, secondo alcune fonti, sei secondo il Barbaro -, una nave per il trasporto dei pellegrini in Terrasanta e allestì l'anno seguente una galea da mercato sulla rotta di Alessandria. Gli affari non lo distolsero, tuttavia, dal servizio pubblico, come attestano le varie candidature e la nomina nel Collegio dei venti savi sopra gli estimi (1524), mentre la fortuna finanziaria gli consentì di entrare nel comitato dei garanti del banco Priuli. Nel 1526, dopo essere stato nella zonta del Consiglio dei dieci, fu eletto massaro alla Zecca dell'argento. Nel corso dell'incarico, accusato di avere sottratto denaro dei depositanti della Zecca, fu incarcerato fino alla restituzione della somma. L'evento non pregiudicò la sua carriera e già nel 1528 il L. fu eletto provveditore sopra Uffici. Continuò con le nomine a senatore ordinario (1533 e 1534) e della zonta del Senato (1535, 1536, 1538) e nel 1534 dei Dieci soprintendenti sopra la revisione dei privilegi. Senatore ordinario e savio alla Mercanzia (1542), della zonta del Senato nel 1543, pose, in quell'anno, la prima candidatura al Consiglio dei dieci, rinnovandola nel 1544, quando fu eletto "sopra atti" e senatore. Nel 1545 fece parte dei nove elettori del doge Francesco Donà; tra il 1546 e il 1549 si candidò più volte al Consiglio dei dieci, nel quale, dopo un'altra permanenza nella zonta del Senato (1549), entrò all'inizio del 1550, divenendone capo. Vi ritornò come aggiunto alla fine dell'anno, per passare consigliere ducale per il sestiere di Dorsoduro.

Negli anni Cinquanta il L., consolidato il prestigio personale, sedette assiduamente nella zonta del Senato (1551, 1552, 1554, 1556, 1557), nel Consiglio dei dieci - della zonta (1551, 1553, 1554, 1557) ed effettivo nel 1557 -, oltre che nella Signoria come consigliere ducale (1555, 1556, 1559). Nel 1559 fu inserito tra i quarantuno elettori del doge Girolamo Priuli.

Tra il 1560 e il 1562 continuò a ricoprire cariche di tutto rilievo. Ripresentata, senza successo, la candidatura per la Procuratoria di S. Marco (de citra nel 1563 e de ultra nel 1565), il 29 nov. 1567 fu inaspettatamente eletto doge. Fu una soluzione di ripiego per risolvere il lungo braccio di ferro tra i candidati più quotati, che per 14 giorni e 76 scrutini erano stati in equilibrio, finché il favorito Alvise Mocenigo - che succederà al L. - non potendo prevalere, fece convergere sul L. i suoi voti. "Homo di 85 anni", scriveva di lui il nunzio Antonio Facchinetti, "ma assai prosperoso, il quale nella Republica non è mai stato savio grande". Considerato una figura di scarso rilievo politico, il suo dogato fu ritenuto il più idoneo perché transitorio e politicamente innocuo.

Religioso e moralmente integro, non incolto, benché non fosse uomo di lettere, di saggezza non comune, il L., riluttante agli esordi, nei due anni e mezzo di dogato mostrò riconosciute doti di equilibrio e di prudenza. Sebbene si sapesse che era "di buona volontà ma poco intendente di cose di governo pubblico" (Sivos), qualche cronista rilevò che se fossero stati ascoltati i suoi consigli nei frangenti drammatici di quegli anni, lo Stato ne avrebbe tratto beneficio.

Dopo la sua elezione crebbero sempre più le minacce turche contro Cipro, tanto da sopire momentaneamente le controversie di carattere giurisdizionale tra Venezia e la S. Sede, in particolare quella relativa alla pubblicazione nello Stato veneto della bolla In coena Domini di papa Pio V. Il L., pur manifestando in privato comprensione per molte posizioni della S. Sede, nell'esercizio delle sue funzioni non si pose mai in contrasto con la linea assunta dal gruppo dirigente della Repubblica. Si occupò, invece, attivamente della diversione del Po presso Porto Viro, annosa questione risolta solo allo scadere del secolo. Forte impegno mostrò, inoltre, per fronteggiare la carestia che colpì Venezia nell'ultimo scorcio del suo principato, funestato anche da un incendio, ritenuto doloso, che devastò l'Arsenale. Nella primavera del 1570 gli Ottomani avevano intensificato i preparativi di guerra contro Cipro, che Venezia si preparò a difendere.

Il clima di tensione venutosi a creare debilitò il fisico del L. che, colpito da malore al solenne vespro della vigilia di S. Marco, ammalatosi di "catarro et febre", morì dopo nove giorni, il 3 maggio 1570.

La notizia fu tenuta nascosta per qualche giorno - "perché i negotii de stato non patiscano", scriveva il nunzio - e il Senato, in via eccezionale, si riunì, assente il doge, per affrontare le emergenze e, con inconsueta procedura, affrettare la nomina del successore, che fu eletto il 9 maggio. Celebrate il giorno 7 le esequie di Stato a S. Marco, anziché ai Ss. Giovanni e Paolo, a causa del maltempo, il corpo del L., tra i beffardi insulti di una folla di popolani che lo riteneva responsabile delle recenti disgrazie, fu portato nel chiostro di S. Giobbe e inumato nell'arca di famiglia. Le fattezze del L. sono state ritratte in palazzo ducale da Domenico Tintoretto per il quadro votivo posto nella sala del Senato, e da Jacopo Tintoretto per uno dei tondi della sala dello Scrutinio.

Dal matrimonio, celebrato nel 1517, con Lucrezia di Lorenzo Cappello, del ramo di S. Maria Mater Domini - lo stesso della celebre Bianca - era nato un solo figlio maschio, Alvise (1521-93), che, sposata Elena di Giovanni Emo, continuò la discendenza con numerosa prole. La non disprezzabile fortuna, immobiliare e fondiaria, in Venezia e nei territori di Padova e Treviso, fu suddivisa per testamento tra i numerosi discendenti che continuarono a usare come abitazione in nuclei separati la dimora avita di rio della Frescada.

Fonti e Bibl.: Arch. di Stato di Venezia, Misc. codd., I, St. veneta, 20: M. Barbaro - A.M. Tasca, Arbori de' patritii veneti, IV, cc. 317, 337; Avogaria di Comun, Balla d'oro, reg. 165, c. 232v; ibid., Cronaca matrimoni con notizie dei figli (schedari); Contratti, 6, c. 227v; Segretario alle Voci, Elezioni in Maggior Consiglio, regg. 1, c. 184v; 3, cc. 2v, 3v; 4, c. 1v; ibid., Elezioni in Pregadi, regg. 1, cc. 17v, 73; 2, cc. 4v, 7v, 9v, 36, 52, 64; ibid., Misti, regg. 8, c. 110; 11 (anni 1525 e 1559); Notarile, Testamenti, b. 1224, n. 18; Giudici di petizion, Inventari, b. 440, n. 38; Dieci savi alle decime in Rialto, bb. 56, n. 58 (redecima del 1514); 125, n. 976 (redecima del 1566); 171, n. 835 (redecima del 1582); Venezia, Biblioteca naz. Marciana, Mss. it., cl. VII, 815-816 (=8894-8895), Consegi, cc. 20, 225; 817 (=8896), cc. 163, 168, 194, 287, 308, 329; 818 (8897), cc. 60, 197, 218, 241, 293; 819 (=8898), cc. 182, 233, 256v, 308v; 820 (=8899), cc. 48v, 135, 171, 177, 206, 300, 314, 342; 821 (=8900), cc. 34, 107, 166, 171, 232; 822 (=8901), cc. 35, 85, 91, 104, 123, 127, 158v, 200, 207, 232, 242v, 322; 823 (=8902), cc. 4, 39, 144, 162, 212, 246, 274, 285v, 324, 333, 334v; 824 (=8903), cc. 24, 28, 32, 41, 43, 75, 110, 173, 189v, 222, 224, 244v, 318; 825 (=8904), cc. 5, 77v, 95v, 113v, 124, 163v, 192, 208, 242v, 250, 261, 336, 339, 344; 826 (=8905), cc. 9v, 42v, 98, 100, 121v, 166v, 191, 205v, 227, 237, 270v, 329, 337v; 827 (=8906), cc. 24v, 103, 104, 268; 831 (=8910), c. 137; Ibid., Biblioteca del Civico Museo Correr, Codd. Cicogna, 3782: G. Priuli, Li pretiosi frutti…, II, c. 154; 2853, cc. 92v, 101, 113, 142, 149v, 153, 158, 187; 3115, n. 51; 2120: G.C. Sivos, Cronaca, III, c. 92; Codd. Donà delle Rose, b. 66; M. Sanuto, I diarii, IX-XVII, XXI-XXII, XXV, XXVIII, XXXIV-XXXVI, XL-XLI, XLIII, XLV-XLVIII, L, Venezia 1879-94, ad indices; I Libri commemoriali…, a cura di R. Predelli, VI, Venezia 1903, ad ind.; D. Falconetto, Oratione nella creazione del principe…, Venetia 1568; F. Quero, Oratione…, Venetia 1568; L. Groto, Oratione…, Venetia 1568; G.B. Guarini, Oratio ad Venetiarum principem Petrum Lauretanum pro duce Ferrariae habita…, Venetiis 1568; F. Sansovino, Venetia città nobilissima et singolare(con le aggiunte di G. Martinoni) (1663), Venezia 1968, pp. 386, 608; A. Morosini, Historiae Venetae, in Degli istorici delle cose veneziane, VI, Venezia 1718, pp. 240, 284; E.A. Cicogna, Saggio di bibliografia veneziana, Venezia 1847, pp. 323, 331; Id., Delle inscrizioni veneziane, VI, Venezia 1853, pp. 531, 639-644; G. Soranzo, Bibliografia veneziana, Venezia 1885, ad ind.; B. Cecchetti, Una lettera diretta al doge di Venezia, in Archivio veneto, XXXI (1886), p. 211; Nunziature di Venezia, VIII, a cura di A. Stella, Roma 1965, ad ind.; IX, ibid. 1972, ad ind.; A. Da Mosto, I dogi di Venezia, Milano 1966, pp. 202, 333-337, 602; G. Piamonte, Venezia vista dall'acqua. Guida dei rii e delle isole, Venezia 1966, p. 224; L'opera completa del Tintoretto, apparati critici e filologici di P. De Vecchi, Milano 1970, p. 112, fig. 181abc; P. Rossi, J. Tintoretto, I, I ritratti, Venezia 1973, ad ind.; I dogi, a cura di G. Benzoni, Milano 1982, ad indicem.

Approfondimenti

LOREDAN, Pietro > Dizionario Biografico degli Italiani (2005)

LOREDAN, Pietro. - Nacque a Venezia nel 1372, nella parrocchia di S. Canciano, dal futuro procuratore Alvise e da una Giovanna che dal testamento del 1404 appare assai ricca. Il L. si sposò presto, probabilmente nel 1395, con Campagnola Lando di Vita... Leggi

LOREDAN, Pietro > Enciclopedia Italiana (1934)

LOREDAN, Pietro. - Figlio del procuratore Luigi, nel periodo più splendido della vita politica veneziana, fu giudicato, e fu effettivamente, l'eroe della patria sua e della sua casa per la brillante carriera militare da lui compiuta. Provveditore in ... Leggi

Argomenti correlati

Loredàn, Antonio

Loredàn, Antonio. - Ammiraglio veneziano (n. 1420 circa - m. Padova 1482). Difese Scutari contro i Turchi di Maometto II (1474), obbligandoli a togliere l'assedio; nel 1478 difese con le sue galere Lepanto contro gli Ottomani, impedendo loro di conquistarla. Fu nominato, nel 1482, provveditore presso l'esercito nella guerra di Venezia contro il duca di Ferrara.

Giustiniani, Orsato

Giustiniani, Orsato (o Orso). - Ammiraglio veneziano (m. Modone 1464); già noto per aver combattuto contro i Genovesi a Rapallo, nel 1463 fu nominato capitano generale contro i Turchi. Attaccò allora due volte Mitilene, ma, costretto a desistere per le gravi perdite, si ritirò con la sua flotta a Modone, ove morì.

Loredàn

Loredàn (o Loredano). - Famiglia patrizia veneziana, di cui si ha ricordo dal sec. 11º. La sua importanza cominciò con Pietro (v.) e da allora la famiglia dette alla Serenissima valorosi militari, come: Paolo, "generale da mar" (1453), vittorioso sui Turchi nel 1469; Antonio (v.), l'eroico difensore di Scutari (1474); Andrea, l'eroe della battaglia del 1499 presso l'isola di Sapienza, e tre dogi: Leonardo (v.), Pietro, il cui dogato (1567-70) coincise con l'inasprimento dei rapporti tra Venezia e Roma, e Francesco (1752-62). Sopravvive il ramo di S. Vio.

Loredàn, Leonardo

Loredàn, Leonardo. - Doge di Venezia (Venezia 1438 - ivi 1521), dopo aver ricoperto varie cariche amministrative, nel 1492 fu eletto procuratore di S. Marco e nel 1501 doge. Successore di Agostino Barbarigo, portò a conclusione la guerra contro i Turchi. Dopo aver conquistato Faenza e Rimini nel 1503, subì la reazione di Giulio II che promosse contro di lui la lega di Cambrai (1508). Sconfitto ad Agnadello, L. concluse la pace nel 1510. Alleato di Luigi XII e di Francesco I, ricevette da questi nel 1517 la città di Verona.

Invia articolo Chiudi