Casnédi, Raffaele

    Enciclopedie on line

Casnédi, Raffaele. - Pittore italiano (Runo, Dumenza, 1822 - Milano 1892). Allievo dell'Accademia di Brera, vi insegnò, poi, dal 1856. Si dedicò soprattutto all'affresco (numerose composizioni religiose nelle chiese della Brianza). Con G. Bertini decorò (1861-63) il sipario del teatro alla Scala.

Approfondimenti

CASNEDI, Raffaele > Dizionario Biografico degli Italiani (1978)

CASNEDI, Raffaele. - Pittore, nacque a Runo di Dumenza (Luino, prov. di Varese) il 24 sett. 1822 da Pietro e da Angelina Spaini. Mostrò una assai precoce attitudine alla pittura, tanto che già nel 1831 affrescò, secondo il Reggio... Leggi

CASNEDI, Raffaele > Enciclopedia Italiana (1931)

CASNEDI, Raffaele. - Pittore, nato a Runo (Como) il 26 settembre 1822, morto a Milano il 29 dicembre 1892. Studiò all'accademia di Brera, dove poi fu insegnante dal 1856 fino al termine dei suoi anni. Ebbe esordî felici; il Prigioniero di Chillon, es... Leggi

Argomenti correlati

Cavenaghi, Luigi

Cavenaghi, Luigi. - Pittore italiano (Caravaggio 1844 - Milano 1918). Allievo di G. Bertini a Brera, si dedicò allo studio delle varie tecniche pittoriche. Eseguì affreschi in varie chiese lombarde (a Monza, Milano, Gallarate, ecc.). In seguito svolse soprattutto lavori di restauro con ottimi risultati (Cenacolo di Leonardo). Fu direttore della scuola d'arte applicata all'industria, di Milano, ed ebbe numerosi allievi e seguaci.

Fontana, Roberto

Fontana, Roberto. - Pittore e incisore italiano (Milano 1844 - ivi 1907), allievo di G. Bertini all'Accademia di Brera. Visse a Firenze e poi a Venezia, dipingendo quadri storici e paesaggi. Nei suoi ritratti è evidente l'influenza di T. Cremona.

Paolétti, Pietro

Paolétti, Pietro. - Pittore e incisore (Belluno 1801 - ivi 1847). Allievo di V. Camuccini, si dedicò con gusto purista soprattutto all'affresco (basilica di Montecassino; duomo di Rieti; S. Maria Formosa a Venezia; villa Torlonia a Roma, ecc.).

Longóni, Emilio

Longóni, Emilio. - Pittore italiano (Seveso 1859 - Milano 1932). Allievo a Brera di R. Casnedi e G. Bertini, fu amico di G. Segantini. Dipinse dapprima nature morte e quadri di spunto sociale (Contrasti sociali, 1893, Biella, Museo Civico) per poi dedicarsi a ricerche divisioniste incentrate sul paesaggio alpino (Trasparenze alpine, 1910, Milano, Galleria d'arte moderna).

Invia articolo Chiudi