Chailly, Riccardo

    Enciclopedie on line

Chailly, Riccardo . - Musicista italiano (n. Milano 1953), figlio di Luciano. Ha esordito nel 1974 a Chicago e nel 1978 alla Scala. Direttore stabile dell'orchestra della Radio di Berlino (1982-88) e del Concertgebouw di Amsterdam (1988-2004). È stato anche direttore ospite principale della London Philarmonic Orchestra (1982-85), direttore musicale dell'Orchestra sinfonica G. Verdi di Milano (1999-2005) e del teatro dell'Opera di Lipsia (2005-2008). Dall'ag. 2005 è direttore principale dell’orchestra del Gewandhaus di Lipsia. Nel 2003 gli è stato conferito il premio Antonio Feltrinelli dell'Accademia dei Lincei.

Approfondimenti

CHAILLY, Riccardo > Enciclopedia Italiana - V Appendice (1991)

CHAILLY, RiccardoDirettore d'orchestra, nato a Milano il 20 febbraio 1953.Ha studiato composizione col padre Luciano e con B. Bettinelli, pianoforte con L. De Barberiis e direzione d'orchestra con P. Guarino a Perugia, F. Caracciolo a Milano e soprat... Leggi

Argomenti correlati

Chailly, Luciano

Chailly ‹šai̯ì›, Luciano. - Musicista italiano (Ferrara 1920 - Milano 2002). Ha studiato al conservatorio di Milano, perfezionandosi poi a Salisburgo con P. Hindemith. Direttore artistico del Teatro alla Scala (dal 1968 al 1971) e poi del Regio di Torino, insegnò composizione al Conservatorio di Milano

Fellegara, Vittorio

Fellegara, Vittorio. - Musicista italiano (Milano 1927 - ivi 2011). Ha studiato al conservatorio di Milano con R. Bossi e L. Chailly. Dopo i primissimi lavori ha adottato un più intimo e raccolto lirismo in opere come Epitaphe per due voci e strumenti (1964) su testo di P

Otterloo, Willem van

Otterloo ‹òtërloo›, Willem van. - Direttore d'orchestra olandese (Winterswijk 1907 - Melbourne 1978). Dal 1938 direttore dell'orchestra municipale di Utrecht, nel 1949 passò a quella della residenza dell'Aia e nel 1974 alla sinfonica di Düsseldorf. Tra gli autori a lui più congeniali, Debussy, Ravel e Bruckner.

Serafìn, Tullio

Serafìn, Tullio. - Musicista (Rottanova, Cavarzere, 1878 - Roma 1968). Studiò al conservatorio di Milano (dal 1889) e fece parte dell'orchestra della Scala come violinista e violista. Esordì come direttore d'orchestra a Ferrara nel 1903, divenendo ben presto celebre come uno dei più puntuali interpreti del repertorio operistico. Diresse al Metropolitan di New York (1924-34) e fu direttore artistico della Scala di Milano e dell'Opera di Roma. È ricordato come uno dei più grandi scopritori di talenti (M. Callas, A. Stella, N. Rossi Lemeni).

Invia articolo Chiudi