Benini, Rodolfo

    Enciclopedie on line

Benini, Rodolfo. - Statistico ed economista italiano (Cremona 1862 - Roma 1956); prof. nelle univ. di Bari, Perugia, Pavia e Roma (1908-35); socio nazionale dei Lincei (1921), accademico d'Italia (1932). Ai suoi lucidi Principî di demografia (1901) e Principî di statistica metodologica (1905), aggiunse originali Lezioni di economia politica (1936). Partendo da applicazioni demografiche ed economiche riuscì a fare della statistica una disciplina autonoma ed organica arricchendola di strumenti metodologici sempre validi (indici di attrazione, scomposizione di serie con termini raggruppati, legge dei patrimonî, ecc.). Sistemazione della materia e contributi a singoli problemi caratterizzano pure il suo apporto alla demografia. Coltivò anche gli studî danteschi (Dante tra gli splendori dei suoi enigmi risolti ed altri saggi, 1952).

Approfondimenti

BENINI, Rodolfo > Dizionario Biografico degli Italiani (1966)

BENINI, Rodolfo. - Nacque a Cremona l'11 giugno 1862 da Angelo e Luigia Anelli. Fin dall'inizio i suoi interessi di studioso furono rivolti ad argomenti commerciali e finanziari (nel 1888 comparvero le prime opere); e appunto di storia del commercio ... Leggi

BENINI, Rodolfo > Enciclopedia Italiana (1930)

BENINI, Rodolfo. - Economista e statistico, nato a Cremona l'11 giugno 1862; professore di economia politica nell'università di Roma. Fra i suoi scritti principali ricordiamo: Principii di demografia (Firenze 1901); Principii di Statistica metodologi... Leggi

Benini, Rodolfo > Dizionario di Economia e Finanza (2012)

Benini, Rodolfo  Statistico ed economista (Cremona 1862 - Roma 1956). Professore nelle Università di Bari, Perugia, Pavia e Roma tra il 1908 e il 1935, fu socio nazionale dei Lincei (1921) e accademico d’Italia (1932). Partendo da applicazioni demogr... Leggi

BENINI, Rodolfo > Enciclopedia Italiana - III Appendice (1961)

BENINI, Rodolfo (VI, p. 646; App. I, p. 263). - Economista e statistico, morto a Roma il 13 febbraio 1956.Bibl.: C. Gini, G. Mortara, F.P. Cantelli, L. Livi, F. Savorgnan, A. Uggé, R. Bachi, M. Boldrini, A. Spallanzani, G. Del Vecchio, G. Pietra, G. ... Leggi

Argomenti correlati

Marcolòngo, Roberto

Marcolòngo, Roberto. - Matematico italiano (Roma 1862 - ivi 1943). Professore di meccanica razionale nelle università di Messina (1895) e di Napoli (1908); socio nazionale dei Lincei (1921) e dal 1942 accademico d'Italia. Ha lasciato numerosi studî di meccanica classica e di teoria dell'elasticità; nel campo della relatività, studiò la forma generale delle trasformazioni di H. A. Lorentz che successivamente H. Minkowski pose a fondamento della propria interpretazione geometrica della teoria della relatività ristretta. Con C

De Mèo, Giuseppe

De Mèo, Giuseppe. - Statistico italiano (Roma 1906 - ivi 1996). Prof. univ. dal 1939, insegnò statistica economica a Roma e ricoprì la carica di presidente dell'Istituto centrale di statistica (1961-80). Socio nazionale dei Lincei (1979). Scrisse opere di demografia, sociologia e statistica economica. Tra i suoi principali lavori: Distribuzione della ricchezza e composizione demografica in alcune città dell'Italia meridionale alla metà del sec

Peròzzi, Silvio

Peròzzi ‹-zzi›, Silvio. - Giurista (Vicenza 1857 - Bologna 1931), prof. di diritto romano nelle univ. di Perugia (1885), Macerata (1886), Messina (1887), Parma (1891), Bologna (dal 1902). Socio nazionale dei Lincei (1928), accademico d'Italia (1930). Ha apportato contributi personali alla scienza romanistica: le sue Istituzioni di diritto romano (2 voll., 2a ed. 1928) costituiscono un'opera scientificamente originale; di grande interesse è anche l'altra sua opera, Le obbligazioni romane (1903)

Amoróso, Luigi

Amoróso 〈-so〉, Luigi. - Economista e matematico (Napoli 1886 - Roma 1965), prof. di matematica finanziaria nelle univ. di Bari e Napoli (1914-21) e quindi di economia politica a Napoli (1921) e a Roma (1926-61); socio nazionale dei Lincei (1956). Ha dato un grande contributo agli studî di economia matematica e, ricollegandosi alla formulazione paretiana, ha dato impulso e assetto razionale alla dinamica econ0mica. Tra le sue opere: Lezioni di economia matematica, 1921; Lezioni di matematica finanziaria, 2 voll

Invia articolo Chiudi