Postiglióne, Salvatore

    Enciclopedie on line

Postiglióne, Salvatore. - Pittore (Napoli 1861 - ivi 1906); allievo del padre Luigi (1812-1881), e poi di D. Morelli, dipinse di preferenza ritratti e quadri storici che trattò con gusto realista (S. Pier Damiani, 1888, Roma, Galleria d'arte moderna; Ritratto di giovane paggio, 1890, Trieste, Museo civico Revoltella). Abile decoratore (affreschi nel salone della Borsa di Napoli, nel castello Miramare a Trieste, ecc.) si volse, nelle opere più tarde, a intonazioni simboliste.

Argomenti correlati

Ducis, Jean-Louis

Ducis, Jean-Louis. - Pittore (Versailles 1775 - Parigi 1847); allievo e imitatore diJ.-L. David, al cui gusto classicheggiante rimase sempre fedele, dipinse quadri di soggetto mitologico, allegorico, storico, e varî ritratti. Lavorò anche a Napoli. Molti suoi quadri rappresentano episodî delle opere e della vita del Tasso.

Zòna, Antonio

Zòna ‹Ʒ-›, Antonio. - Pittore (Gambarare, Mira, 1814 - Roma 1892). Legato alla tradizione pittorica veneziana, dipinse, secondo il gusto dell'epoca, quadri storici, ma anche scene di genere e paesaggi, oltre ai ritratti che sono le sue cose migliori.

Cammarano, Michele

Cammarano, Michele. - Pittore italiano (Napoli 1835 - ivi 1920), figlio di Salvatore; allievo di G. Smargiassi e di F. Palizzi, esordì con grandi quadri storici, uno dei quali, I massacri di Altamura (1863), ebbe grande successo. Passò poi a temi più attuali, quali la Carica dei bersaglieri a Porta Pia, 1871 (Mus. di Capodimonte), Il 24 giugno a S Martino, 1883, e la Battaglia di Dogali, 1893 (ambedue nella Gall. naz. d'arte moderna di Roma). Migliori i paesaggi e le vedute di forte accento veristico quali la Piazza San Marco (1869; Roma, Gall. naz. d'arte moderna).

Aprèa, Giuseppe

Aprèa, Giuseppe. - Pittore (Napoli 1876 - ivi 1946). Allievo di F. Palizzi e D. Morelli, decorò, con R. Armenise, il teatro Petruzzelli di Bari; eseguì numerosi quadri di soggetto religioso per le chiese di Napoli, Ravello, Avellino, ecc. e ritratti. Partecipò a numerose esposizioni; insegnò dal 1908 al 1927 all'Accademia di Napoli

Invia articolo Chiudi