Scienze naturali e matematiche

Fisica

Termine giapponese («onde sul porto») adottato internazionalmente come denominazione ufficiale di serie di onde provocate da qualsiasi evento in grado di muovere verticalmente una grande colonna d’acqua: movimenti tettonici sottomarini, eruzioni vulcaniche, frane, esplosioni o caduta di meteoriti. In mare aperto le onde di uno tsunami si propagano in tutte le direzioni mantenendo inalterato il loro carico energetico, con una modesta altezza e un’elevata velocità che, dove la profondità è di 4-5000 m, può raggiungere gli 800 km/h.

Biologia

Le sue ricerche si sono focalizzate sullo studio dei meccanismi genetici che provocano l’invecchiamento cellulare, individuando nella dieta alimentare uno dei fattori in grado di contrastare e ritardare l'insorgenza di importanti patologie attraverso la stimolazione programmata del rinnovamento del sistema immunitario. Segnatamente, la privazione periodica di alcuni nutrienti condotta attraverso brevi cicli di digiuno ripetuti varie volte nel corso dell’anno costituirebbe una valida strategia preventiva contro l’insorgenza del cancro, determinando l'attivazione delle cellule staminali e riprogrammando cellule e organi in modo da rallentare i processi di invecchiamento e prevenire i tumori.

Geologia

Accumulo di detriti diversi (frammenti di rocce, detriti biologici), depositati da corsi impetuosi d’acqua nella fase in cui la corrente diminuisce di velocità, il che si manifesta soprattutto nelle anse o in prossimità della foce dei fiumi. La deposizione avviene in modo non omogeneo e discontinuo: dapprima vengono abbandonati i materiali più voluminosi e pesanti, poi via via quelli più minuti.