Società delle Nazioni

Società delle Nazioni

Enciclopedie on line

Società delle Nazioni

Unione di Stati istituzionalizzata (Organizzazioni internazionali), il cui atto costitutivo (Covenant o Patto della SdN), incorporato nei trattati conclusivi della prima guerra mondiale, entrò in vigore il 10 gennaio 1920. Fu il primo ente internazionale con fini politici generali. Suoi principali organi erano l’Assemblea, costituita dai rappresentanti degli Stati membri; il Consiglio, inizialmente formato da 14 Stati, di cui 5 a titolo permanente; il Segretariato, con funzioni amministrative.

Sorta soprattutto per volere del Presidente degli Stati Uniti W. Wilson, ebbe quale finalità il mantenimento della pace, inteso soprattutto come conservazione dell’assetto politico-territoriale sancito dai trattati di pace, e lo sviluppo della cooperazione internazionale in campo economico e sociale. In base al Patto, gli Stati membri si impegnavano a rispettare e mantenere l’integrità territoriale e l’indipendenza politica dei membri della S.d.N. contro ogni aggressione esterna (art. 10) (Aggressione. Diritto internazionale) e a non ricorrere alle armi in caso di controversie prima di avere esperito mezzi di soluzione pacifica, compreso il deferimento agli organi societari (artt.11-15) (Controversia internazionale); per le violazioni, era prevista l’applicazione di sanzioni economiche ed eventualmente militari (Sanzioni internazionali), rispetto alle quali il Consiglio esercitava un potere di raccomandazione (art. 16).

L’estinzione della SdN. - Fonte di grandi aspettative circa l’instaurazione di un nuovo ordine mondiale, la SdN fu indebolita ab initio dalla mancata partecipazione degli Stati Uniti e, pur costituendo, nel periodo tra le due guerre mondiali, un punto di riferimento della politica internazionale, non riuscì a fronteggiare i conflitti dell’epoca (come quello cino-giapponese del 1931, l’aggressione all’Etiopia da parte dell’Italia nel 1935, la guerra civile di Spagna del 1936-39), né a scongiurare la seconda guerra mondiale.

Estintasi il 18 aprile 1946, è considerata, malgrado il suo insuccesso, il predecessore dell’Organizzazione delle Nazioni Unite, che ne costituisce il perfezionamento e la continuazione ideale.

Voci correlate

Organizzazioni internazionali

Organizzazione delle Nazioni Unite

Pubblicità

Altri risultati per Società delle Nazioni

  • Società delle nazioni
    Dizionario di Storia (2011)
    Società delle nazioni Organizzazione internazionale istituita dalle potenze vincitrici della Prima guerra mondiale allo scopo di mantenere la pace e sviluppare la cooperazione internazionale in campo economico e sociale. L’idea di creare un sistema politico e giuridico capace di prevenire i conflitti ...
  • NAZIONI, SOCIETÀ DELLE
    Enciclopedia Italiana - II Appendice (1949)
    NAZIONI, SOCIETÀ DELLE (XXIV, p. 473). - Già nel 1938 l'attività della Società delle nazioni era ridotta a un'attività puramente teorica e priva di qualsiasi possibilità d'intervento effettivo. In occasione della crisi del settembre di quell'anno, essa si limitava a proclamare che il ricorso alla guerra ...
  • NAZIONI, SOCIETÀ DELLE
    Enciclopedia Italiana (1934)
    NAZIONI, SOCIETÀ DELLE. - La Società delle nazioni è un'associazione di stati, dominions o colonie che si governano liberamente. Suo scopo è quello di mantenere la pace mediante la risoluzione delle controversie internazionali e di organizzare, nei campi più varî, la collaborazione dei popoli per il ...