Interscalenico, spazio

    Enciclopedie on line

interscalenico, spazio In anatomia, lo spazio triangolare che, nella regione sopraclaveare, è interposto fra i muscoli scaleni anteriore e posteriore, i quali inferiormente si inseriscono alla prima costa (che forma la base del triangolo).

Argomenti correlati

Scaleno

scaleno matematica In geometria, triangolo s., triangolo avente tutti e tre i lati disuguali (e quindi anche tutti e tre gli angoli disuguali). anatomia e medicina S. anteriore, medio e posteriore, muscoli profondi della regione laterale del collo. In determinate condizioni innalzano le coste e contribuiscono ai movimenti inspiratori. In altre (azione degli s. di un solo lato) inclinano la colonna cervicale dal lato in cui si contraggono, oppure (azione contemporanea degli s. dei due lati) rendono rigida la colonna.Sindrome dello s

Glottide

glottide Lo spazio della laringe delimitato dalle corde vocali vere e dalle cartilagini aritenoidi: la porzione anteriore, o vocale, ha forma di triangolo isoscele con l’apice diretto in avanti, e il suo diametro, di 5-8 mm, varia a seconda dello stato di dilatazione o di restringimento; la porzione posteriore, o respiratoria o interaritenoidea, ha forma rettangolare. L’edema della g. è una particolare forma di edema della laringe; può essere di varia natura: infiammatorio (laringiti, traumi ecc

Surale, regione

surale, regione In anatomia topografica, la regione posteriore della gamba; ha per limiti, in alto, un piano ideale passante per la tuberosità anteriore della tibia, in basso un piano passante per la base dei malleoli, medialmente il margine mediale della tibia e lateralmente il solco di separazione dei muscoli peronei dal soleo. I muscoli della regione s. danno luogo alla caratteristica prominenza del polpaccio e sono rappresentati da gastrocnemio, plantare, soleo, dal popliteo, flessore lungo delle dita del piede, flessore lungo dell’alluce e tibiale posteriore

Romboide

romboide In anatomia, piccolo e grande muscolo r., muscoli del dorso, così denominati per avere approssimativamente forma di rombo; si inseriscono medialmente sulle ultime vertebre cervicali e sulle prime dorsali e lateralmente sulle scapole. Sono innervati da un ramo collaterale del plesso brachiale (nervo del r.). Contraendosi spostano la scapola medialmente.

Invia articolo Chiudi