aere

Enciclopedia Dantesca (1970)

(aire; are). - È la forma normale della lingua dantesca, con lo stesso valore di ‛ aria ' (di cui si ha un solo esempio in D.: Vn XXVII 5 cfr. anche Detto [...] nuotando Gerione (XVI 130; e cfr. ancora VI 11 e IX 6. Anche nel terzo girone del Purgatorio l'aere è reso amaro e sozzo dal fumo che avvolge gl'iracondi, e che ha tolto a D. e a ... ... Leggi

aria

Enciclopedia Dantesca (1970)

. - Il termine ricorre una volta nella Vita Nuova (XXIII 5) e due nel Detto (242 e 245). Normale è la forma ‛ aere '; nella sola Commedia appare anche [...] III, 330a 30-36, 330b 1-9, e quanto dice D.: Io veggio l'acqua, io veggio il foco, / l'aere e la terra e tutte lor misture, Pd VII 124-125) o corpora simplici (Cv III III 2), ed è ... ... Leggi

piorno

Enciclopedia Dantesca (1970)

. - In Pg XXV 91 l'aere... ben pïorno, cioè " piovorno ", " piovoso ", " pieno di nuguli acquosi " (Buti). ... Leggi

Le riforme amministrative di Costantino

Enciclopedia Costantiniana (2013)

      Sommario: Aurum pro aere. Riforme monetarie o innalzamento delle imposte? ▭ Riforme tributarie ▭ Il quaestor sacri palatii e il praepositus [...] vilia commercia. Di conseguenza nell’Anonimo e in Zosimo l’espressione Aurum pro aere potrebbe riferirsi all’imposizione della Collatio lustralis, perché nel corso del IV secolo ... ... Leggi

nebbia

Enciclopedia Dantesca (1970)

. - Nel senso proprio, come vapor che l'aere stipa, secondo la definizione che D. stesso ne dà, il termine ricorre in If XXXI 34 (e cfr. anche il v. 36), e Pg V 117; anche in Rime C 18, dov'è spiegata l'origine del fenomeno (Levasi de la rena d'Etiopia / lo vento ... / e passa il mare, onde conduce ... Leggi

aura

Enciclopedia Dantesca (1970)

(òra). - Significa " aria "; ha una bassa frequenza in D., che usa normalmente ‛ aere ' (v.). Nell'Inferno il termine si alterna ad ‛ aere ' (non sembra [...] altre occorrenze del Purgatorio il sostantivo indica, similmente a quanto si è visto per ‛ aere ', una certa zona dell' " aria " genericamente intesa - Già era l'aura [del girone ... ... Leggi

illustrare

Enciclopedia Dantesca (1970)

. - Significa " illuminare ", in senso sia proprio (Cv II XV 5 l'aere da li raggi meridiani purgato e illustrato) che figurato: Pd IV 125 già mai non si sazia / nostro intelletto, se 'l ver non lo illustra / di fuor dal qual nessun vero si spazia, e XVIII 85 O diva Pegasëa... / illustrami di te, " ... Leggi

folto

Enciclopedia Dantesca (1970)

. - È usato una volta nel senso di " denso ", in If IX 6 per l'aere nero e per la nebbia folta. Tre volte ha invece il significato di " fitto ": Non han sì aspri sterpi né sì folti / quelle fiere selvagge che 'n odio hanno / ... i luoghi cólti, XIII 7; discese... / tra 'l folto pelo [di Lucifero] e ... Leggi

purgare

Enciclopedia Dantesca (1970)

. - In senso proprio per " purificare ", " detergere ", " liberare da impurità e da scorie ", in Cv II XV 5 l'aere da li raggi meridiani purgato e illustrato, [...] e in Pd XXVIII 82 Come rimane splendido e sereno / l'emisperio de l'aere, quando roffia / Borea da quella guancia ond'è più leno, / per che si purga e risolve la roffia ( ... ... Leggi

infermo

Enciclopedia Dantesca (1970)

. - Nel senso proprio di " ammalato ", in If XXIX 59, riferito al popolo di Egina tutto infermo / quando fu l'aere sì pien di malizia, di germi pestilenziali (cfr. Ovid. Met. VII 523 ss.); Fiore CVIII 2, e, sostantivato, Pg VI 149 (l'inferma cui è paragonata Firenze). In senso figurato, de la vista ... Leggi
Pubblicità
pagina 1