pagina 1 di 3 - 25 risultati

Minturno, Antonio

Enciclopedie on line

Umanista (m. Crotone 1574). Figlio di Antonio Sebastiani, trasse il nome da quello che aveva anticamente la sua patria, Traetto, e che era anche cognome della sua ava materna. Maestro (1521) nello studio pisano, fu poi a Roma. Vescovo nel 1559, prima di Ugento e poi di Crotone, partecipò al Concilio di Trento. Compose un trattato di retorica in latino (De poëta, 1559) e, in volgare, Arte poetica (1563 circa), secondo Aristotele, interpretato nello spirito della Controriforma. È suo anche il trattato De officiis ecclesiae praestandis (1564).... Leggi

ALTRI RISULTATI PER Antonio Minturno

MINTURNO, Antonio

Enciclopedia Italiana (1934)

Umanista. Figlio di Antonio Sebastiani, si disse Minturno dall'antico nome del paese nativo, Traetto: che poi coincideva con quello della famiglia dell'avola materna. Fu avviato alla filosofia da A... Leggi

Risultati relativi a Antonio Minturno

Minturno

Enciclopedie on line

Comune della prov. di Latina (42,1 km2 con 18.801 ab. nel 2008), situato alle falde sud-orientali degli Aurunci, a pochi kilometri dalla riva destra del Garigliano. Marina di M.si trova a circa 2 km, sulle rive del Tirreno. L’antica Minturnae sorgeva lungo il Garigliano, a 2 miglia circa dalla foce. Città degli Aurunci, divenne romana nel 314 a.C. e colonia nel 295. In età cristiana e bizantina fu sede di vescovado. Devastata e quasi distrutta nel 590 dai Longobardi, il vescovado di M. fu da Gregorio Magno aggregato a quello di Formia... Leggi

MINTURNO

Enciclopedia Italiana (1934)

Cittadina della provincia di Roma, che dista dalla capitale 154 km.; si stende sul declivio meridionale dei M. Aurunci, a 140 m. s. m.; il suo nome di Traetto (ad Traiectum, da un traghetto sul Garigliano) fu mutato nel 1879 in quello dell'antica Minturno (v. appresso), che era un po' più a S. Il territorio del comune (kmq. 42,07), ben coltivato, produce principalmente cereali, vino e olio.Il comune, nel 1931, aveva 12.356 ab. (10.369 nel 1921), distribuiti nel centro... Leggi

Poeti del Cinquecento, Tomo I, Poeti lirici, burleschi satirici e didascalici - Introduzione

I Classici Ricciardi – Introduzioni (2001)

L'introduzione a questi Poeti del Cinquecento deve farsi carico di una storia editoriale travagliata. Più che a scusante dei curatori, che vedono stampato il loro lavoro a molti anni dalla scadenza contrattuale e dalla consegna dei materiali, è per collocare il libro nel tempo, in una vicenda esterna, ma non estranea al suo destino, che lo ha condizionato strettamente. Di là da puntuali inadempienze o ritardi nella stampa, ci si può chiedere perché una silloge di poeti del Rinascimento sia stata di così lunga realizzazione... Leggi

ODE

Enciclopedia Italiana (1935)

Antichità classica. - Nel suo vero significato è canto, concomitanza di poesia e di musica, parola e melodia fuse insieme, compagine di parole e d'inflessioni meliche: è lirica. La composizione strofica è inerente a questo genere di poesia: strofe più brevi, ordinariamente di quattro versi, ha la lirica monodica, a una sola voce; strofe più lunghe e complicate la lirica corale. Le forme metriche sono svariatissime; Pindaro, ad esempio, per ogni ode ha una forma diversa, se si eccettuano la terza e la quarta istmica... Leggi

PINDARO

Enciclopedia Italiana (1935)

Fu dagli antichi comunemente giudicato come il maggiore dei lirici greci; il primo nel canone dei "nove lirici" composto dai grammatici alessandrini. La tradizione lo ha poi anche favorito di conseguenza, conservando buona parte dell'opera sua... Leggi

EPIGRAMMA

Enciclopedia Italiana (1932)

Epigramma, secondo il valore della parola greca, vuol dire iscrizione, e dallo scopo poetico di lasciare il ricordo d'una vita, d'un'impresa, d'un'offerta, ecc., nacque questo breve componimento letterario che poi ebbe tanta fortuna per tutta l'età classica. Il significato che prese poi la parola epigramma, quale piccolo componimento mordace, appare solo in età romana, e pare derivi da influsso dello spirito satirico dei Latini; certo nel periodo romano si fanno più frequenti in greco tali epigrammi, veramente epigrammatici, che sono nel periodo anteriore rarissimi... Leggi

LAZIO

Enciclopedia dell' Arte Medievale (1996)

(lat. Latium)  Il nome L. nella sua accezione moderna risale ai secc. 15°-16°, quando venne rimesso in uso dai geografi per designare un territorio meno vasto dell'attuale, che escludeva cioè il settore meridionale, incluso nei territori del regno di Napoli e ricondotto all'interno dei confini regionali solamente tra il 1927 e il 1934... Leggi

Olimpiadi estive: Parigi 1900

Enciclopedia dello Sport (2004)

Numero Olimpiade: IIData: 20 maggio-28 ottobreNazioni partecipanti: 24Numero atleti: 1233 (1211 uomini, 22 donne)Numero atleti italiani: 25 Discipline: Atletica, Calcio, Canottaggio, Ciclismo, Cricket, Equitazione, Ginnastica, Golf, Nuoto, Pelota basca, Polo, Rugby, Scherma, Tennis, Tiro, Tiro con l'arco, Tiro alla fune, Vela Numero di gare: 95Già nel congresso della Sorbona del 1894, de Coubertin aveva proposto che il ripristino dei Giochi partisse dal 1900, da Parigi e dall'Esposizione Universale che vi era programmata... Leggi

Impulsi riformatori del mondo di fuori: dal Rinascimento all'Illuminismo

Cristiani d'Italia (2011)

Impulsi riformatori del mondo di fuori: dal Rinascimento all’Illuminismo Sommario:  Idee per una religione civile ▭ Proposte panteistiche e magiche ▭ Variazioni del concetto di superstizione ▭ Il compromesso illuminista ▭ Giurisdizionalismo e polizia Al volgere del Quattrocento si parlava molto di riforma. La denuncia dei mali della società italiana e della Chiesa, a essa tanto intimamente connessa, era così comune da costituire un luogo retorico dietro il quale si celavano idee profondamente diverse tra loro... Leggi

La riorganizzazione amministrativa dell'Italia. Costantino, Roma, il Senato e gli equilibri dell'Italia romana

Enciclopedia Costantiniana (2013)

La riorganizzazione amministrativa dell’Italia Costantino, Roma, il Senato e gli equilibri dell’Italia romana Sommario: L’Italia romana tra la Guerra sociale (90 a.C.) e la crisi del III secolo d.C. ▭ L’Italia e le riforme di Diocleziano (293-305 d.C.) ▭ Costantino e l’amministrazione dell’Italia ▭ Costantino, le città e la società italica Il rapporto tra Costantino e l’Italia deve essere letto nella prospettiva dell’assenza programmatica del sovrano da Roma e dalla penisola... Leggi