Cavalièr d'Arpino, Giuseppe Cesari detto il

Enciclopedie on line

Cavalièr d'Arpino, Giuseppe Cesari detto il. - Pittore (Arpino 1568 - Roma 1640). Tipico rappresentante delle tendenze naturalistiche tardo manieriste, [...] termini controriformati, dei modelli raffaelleschi. Ebbe una vastissima produzione sia di pale d'altare, per le quali elaborò una efficace formula pietistica, sia di quadretti da ... Leggi
CATEGORIA: BIOGRAFIE

Arpino, Cavalier d'

Enciclopedie on line

Arpino, Cavalier d'. - Soprannome del pittore Giuseppe Cesari: v. Cavalier d'Arpino. Leggi

ARPINO

Enciclopedia Italiana (1929)

(A. T., 24-25-26). - Gia comune della provincia di Caserta, ora incluso in quella di Frosinone: sito a 450 m. s. m. Ha 10.194 ab., per la maggior parte [...] i natali a Mario, il rivale di Silla, a Cicerone e a Giuseppe Cesari, detto il Cavalier d'Arpino, è ricca di avanzi dell'età preromana e medievale. Poco discosta dalla città è l ... Leggi

FARNESE, Odoardo

Dizionario Biografico degli Italiani - Volume 45 (1995)

FARNESE, Odoardo. - Nacque a Parma l'8 dic. 1573, da Alessandro - poi duca di Parma e Piacenza - e da Maria di Portogallo. Era il terzogenito, dopo Margherita [...] il Carracci si guastarono così seriamente che, forse verso il 1602, egli contattò il Cavalier d'Arpino ed anche Cherubino e Giovanni Alberti per la decorazione a stucco ed a fresco ... Leggi

Caravàggio, Michelangelo Merisi detto il

Enciclopedie on line

Caravàggio, Michelangelo Merisi (o Amerighi) detto il. - Pittore (Milano 1571 - Porto Ercole 1610), detto Caravaggio, Michelangelo Merisi detto il dal [...] al 1592 andò a Roma, dove il Cavalier dArpino lo avrebbe applicato «a dipingere fiori e frutta stata richiesta una seconda versione della pala d’altare) e avviò la celebrità dell ... Leggi
CATEGORIA: BIOGRAFIE
TAGS: PORTO ERCOLE CARDINALE IMMANENZA SICILIA BACCO

manierismo

Enciclopedie on line

Il complesso di esperienze artistiche elaborate tra il secondo e l’ultimo decennio del 16° sec.; nato con particolare riferimento alle arti figurative [...] , Salviati, Vasari, P. Tibaldi (cui fecero seguito Taddeo e Federico Zuccari, il Cavalier dArpino); e così per il cosiddetto manierismo al di là delle Alpi, a Fontainebleau con ... Leggi

Rèni, Guido

Enciclopedie on line

Rèni, Guido. - Pittore (Bologna 1575 - ivi 1642). Tra i maggiori artisti del tempo, molto apprezzato dai contemporanei, operò a Roma, a Napoli ma soprattutto [...] Dal 1608 iniziò l'attività per la famiglia Borghese a Roma, per tramite del Cavalier d'Arpino (affreschi nella Sala delle nozze Aldobrandini e nella Sala delle Dame in Vaticano; S ... Leggi

Cerquòzzi, Michelangelo, detto Michelangelo delle Battaglie

Enciclopedie on line

Cerquòzzi ‹-zzi›, Michelangelo, detto Michelangelo delle Battaglie. - Pittore (Roma 1602 - ivi 1660). Frequentò lo studio del Cavalier d'Arpino e di Jacob de Hase (1575-1634), un fiammingo pittore di battaglie, ma determinante fu il suo incontro con P. van Laer e la cerchia dei Bamboccianti. Si Leggi
CATEGORIA: BIOGRAFIE

Ruschi, Francesco

Enciclopedie on line

Ruschi, Francesco. - Pittore (Roma 1610 circa - Treviso 1661). Si formò a Roma, dove risentì del Cavalier d'Arpino, di F. Albani e di Pietro da Cortona, e fu in contatto con gli artisti postcaravaggeschi. Prima del 1629 si stabilì a Venezia, dove fu amico di artisti e di letterati come G. F. Loredan Leggi

Fiasèlla, Domenico, detto il Sarzana

Enciclopedie on line

Fiasèlla ‹-ʃ-›, Domenico, detto il Sarzana. - Pittore (Sarzana 1589 - Genova 1669). Fu a Genova con A. Lomi e poi con G. B. Paggi. In seguito andò a Roma [...] (1607-17), studiando Raffaello e l'antico, e lavorando come aiuto del cavalier d'Arpino e del Passignano. A Roma subì fortemente l'influsso caravaggesco, come mostrò al suo ritorno ... Leggi
CATEGORIA: BIOGRAFIE
TAGS: PASSIGNANO RAFFAELLO GENOVA ROMA
Pubblicità
pagina 1