BURCHIELLO, Domenico di Giovanni, detto

Poeta e barbiere fiorentino, nacque di povera famiglia (suo padre era legnaiuolo e monna Antonia, sua madre, tessitrice) nel 1404. Animoso fautore degli Albizzi, dovette lasciar la patria nel 1434 e scrisse contro Medici, allora trionfanti, alcuni robusti sonetti in tenzone con Leon Battista Alberti. Dopo aver vagato in più luoghi, riparò con altri fuorusciti a Siena, dove la sua condotta scapestrata e le sue bizzarrie gli tirarono addosso, nel 1439... Leggi

Burchièllo, Domenico di Giovanni detto il

Poeta (Firenze 1404 - Roma 1449), di professione barbiere. Nemico dei Medici, dovette lasciar Firenze nel 1434. A Siena per la sua condotta scapestrata subì nel 1439 il carcere; si trasferì a Roma nel 1445. Gli si attribuiscono circa 350 sonetti, quasi tutti caudati, ma solo circa 150 sono certamente suoi. Il B... Leggi

Rossèlli, Domenico di Giovanni di Bartolomeo

Scultore (Pistoia o nei pressi di Pistoia 1439 circa - Fossombrone 1497 circa). Si formò probabilmente nella bottega di A. Rossellino a Firenze (1463-69) e, dopo il 1472, fu attivo prevalentemente in Umbria e nelle Marche dove diffuse, seppur semplificati e più statici, i modi del maestro. Lavorò alle decorazioni del Palazzo Ducale di Urbino e per il duomo di Fossombrone realizzò una bella ancona scolpita (Madonna col Bambino e santi, 1480).... Leggi

DOMENICO di Giovanni, detto il Burchiello

Nacque a Firenze da un legnaiuolo, Giovanni, e da una tessitrice, Antonia, nel 1404.Una vecchia ipotesi collocava la sua nascita a Bibbiena, attribuendo a D. il vero nome di Michele Leonzi, o Lontri, e spiegando il soprannome con la piccola barca che lo avrebbe portato giovanetto da Bibbiena a Firenze: ma i documenti illustrati da V. Rossi collocano con esattezza le origini del poeta presso una modesta famiglia fiorentina che, nel 1427, risultava... Leggi

BANCHINI, Giovanni di Domenico

BANCHINI, Giovanni di Domenico (Giovanni Dominici, Banchetti Giovanni). - Nacque a Firenze tra il 1355 e il 1356 da Domenico di Banchino commerciante di sete (morto prima che il figlio venisse alla luce) e dalla nobildonna veneziana Paola Zorzi. Alla madre, che lo educò cristianamente, rimase sempre legato, e si deve a una lettera a lei indirizzata da Costanza nel 1416 se conosciamo qualche tratto della sua prima giovinezza già inclinata verso lo stato religioso: "Avete uno figliuolo il quale... Leggi

GIOVANNI di Domenico da Gaiole

Nacque a Gaiole in Chianti nel 1407 circa da Domenico di Francesco, di cui non è nota la professione, probabilmente legata al commercio e alla lavorazione del legname, dato che la zona di provenienza era una delle più boscose (in particolare alberi di castagno, querce e cerri) dell'intera Toscana.Non si è in grado di stabilire attraverso quali percorsi avvenne la formazione di G. come legnaiolo; non è improbabile un suo apprendistato presso le celebri botteghe... Leggi

PARTENIO, Giovanni Domenico

PARTENIO (Parteneo, Partenico), Giovanni Domenico (Giandomenico). – Nacque a Venezia, figlio di Caterina e di Angelo quondam Domenico Partenio, e fu battezzato il 5 giugno 1633 nella chiesa di S. Giovanni in Bràgora.Nel 1643 fu ammesso al seminario patriarcale. Studiò poi diritto civile e canonico presso l’Università di Padova, addottorandosi il 30 giugno 1655. A Venezia, il 28 novembre 1656, venne affiliato come suddiacono alla chiesa di S. Martino... Leggi

Categoria:

MANSI, Giovanni Domenico

Nacque a Lucca il 16 febbr. 1692, da Giuseppe e da Maria Rosa Torre, in un ramo collaterale della famiglia patrizia dei Mansi, quello di San Donnino, primo di tre fratelli (gli altri furono Francesco e Filippo Antonio). A sedici anni, nel 1708, entrò nella Congregazione dei chierici regolari della Madre di Dio e fu inviato nel collegio di Napoli per il noviziato, al termine del quale, il 15 ag. 1710, pronunciò i voti religiosi. Rientrò quindi a Lucca, dove continuò... Leggi

MARALDI, Giovanni Domenico

Nacque a Perinaldo (Pec Rignault), presso San Remo, allora nella Contea di Nizza il 17 apr. 1709, da Giovanni Domenico e da Angela Francesca Allavena; ebbe almeno un fratello, Giacomo Francesco, che divenne medico e rimase nel paese natale.Con gli Allavena e i Cassini, i Maraldi erano tra le famiglie più in vista e facoltose del luogo. Trasferitisi a Perinaldo dalla zona di Oneglia nel secolo precedente, avevano superato le due altre fino ad acquisire il palazzo... Leggi

MOLINARI, Giovanni Domenico

MOLINARI, Giovanni Domenico. – Nacque a Caresana (Vercelli) il 19 luglio 1721 da Giovan Giacomo e tale Margherita.Dal 1736 il M. è documentato a Torino (Schede Vesme, p. 705), presso l’Accademia del disegno presieduta dal primo pittore di corte, Claudio Francesco Beaumont. Dal 1740 ricevette sussidi a sostegno degli studi e fu impegnato nella traduzione dei bozzetti del maestro su cartoni utilizzati per la Regia manifattura degli arazzi... Leggi

OTTONELLI, Giovanni Domenico

OTTONELLI, Giovanni Domenico. – Nacque il 22 aprile 1581 a Fanano, in provincia di Modena. Nipote del letterato Giulio Ottonelli e di famiglia nobile ormai caduta in disgrazia, quella dei conti di Tregnano, fu paggio del granduca di Firenze Ferdinando I de’ Medici fino al 1603. Entrato nel noviziato dei gesuiti di Roma il 3 ottobre di quell’anno, studiò retorica, filosofia, scienze naturali e matematica. Prima di iniziare il corso quadriennale di teologia insegnò per due anni retorica e per... Leggi

Categoria:

LOMBARDI, Giovanni Domenico

Figlio di Andrea, nacque a Lucca nel 1682. Il Supplemento all'Abecedario pittorico di P.A. Orlandi (1776) riferisce che il L. studiò con Giovanni Marracci e si recò in seguito in Lombardia; mentre L. Lanzi (p. 204) aggiunge che soggiornò a Venezia. Nel 1706 il L. era di nuovo a Lucca, dove sposò Maria Caterina Domenici (Martini, 1992-93, p. 37). L'anno seguente portò a termine l'affresco del catino absidale della chiesa di Gallicano, in Lucchesia, con L... Leggi