1. Enlil

    Dio cittadino di Nippur («signore del vento»). Presiede alla regione posta tra il cielo, dominio di Anu, e la terra, dominio di Enki e mantiene una posizione di primato nella mitologia mesopotamica almeno fino alla fine del 2° millennio. Leggi

    enlil si trova anche nelle opere:
    Enciclopedia dell' Arte Antica (1960)

    Divinità principale della città sumerica di Nippur, divenne il dio più importante dei Sumeri

  2. Nippur

    Antica città sumera, situata a E dell’Eufrate presso l’odierno villaggio di Nuffar (Iraq). Ebbe importanza eminentemente religiosa, in quanto sede del culto del dio Enlil. Il primo insediamento è anteriore al 3° millennio a.C. Su una tavoletta databile al 1300 a.C. è incisa una mappa precisa della città: l’area urbana era attraversata da un canale; nel settore orientale si trovava il santuario di Enlil (che include una ziqqurat e il tempio), a O del quale era il tempio di Inana di... Leggi

    Categoria: Geografia Storica
    Tags:
    iraq,
    santuario
  3. Ènlil-nīrārī

    Sovrano medio-assiro (1327-1318 a. C.), inflisse presso Sugagi una grave sconfitta all'esercito cassita guidato da Kurigalzu II, ampliando i confini del proprio stato.... Leggi

    Categoria: Biografie
  4. Ènlil-bāni

    Re della città di Isin (1860-1837 a. C.), rifondatore di Nippur. Gestì con il proprio regno la decadenza del piccolo stato cittadino, in cui solo per tradizione i suoi sovrani continuarono a portare il titolo di "re di Sumer e di Accad".... Leggi

    Categoria: Biografie
    Tags:
    nippur
  5. Ea

    Grande divinità che con Anu ed Enlil costituisce la triade divina che sta a capo del pantheon babilonese. Appartiene, come le altre, già alla religione sumerica e domina il regno delle acque profonde, sulle quali poggia la terra. In quanto re delle profondità abissali partecipa ed è signore della sapienza nascosta nelle acque primordiali; come tale è la divinità saggia per eccellenza, guaritrice, dotata di poteri magici, padre delle arti, inventore della scrittura. Padre di Marduk, aveva il... Leggi

  6. Ningirsu

    Divinità sumera, signore (nin) di Girsu, la zona nord-occidentale del territorio di Lagash; in età neo-sumerica è detto figlio di Enlil e di Ninhursagga e condivide numerosi tratti con Nimurta. Connesso con la guerra e la vegetazione, è noto soprattutto dall’inno celebrativo composto per l’inaugurazione del suo tempio a Lagash (fine del 3° millennio a.C.).... Leggi

  7. Nimurta

    (o Ninurta) Divinità babilonese connessa con la guerra e la vegetazione; partecipa largamente alla natura del sumerico Ningirsu; nel corso della storia religiosa mesopotamica è stato esaltato in una figura che comprende anche il padre Enlil e la madre Ninlil. Oggetto di culto a Nippur, in Babilonia gli era dedicato un tempio, l’Epatutila.... Leggi

  8. Ninlil

    Antica divinità mesopotamica, consorte di Enlil, il cui culto aveva centro principale in Nippur. Di origine sumerica, rimase in età accadica, specie sotto il nome di Bēlit («signora»); il suo culto era diffuso in Assiria.... Leggi

  9. Zu

    Nella mitologia babilonese e assira, personificazione divina della procellaria. Secondo il racconto mitologico, rubò al dio Enlil le tavole del destino, emblema del potere supremo, e solo il dio Marduk riuscì a recuperarle.... Leggi

  10. Nusku

    Dio del fuoco e della luce del pantheon babilonese e assiro, messaggero di Enlil e intermediario fra gli uomini e gli dei. Come dio del fuoco consumava il sacrificio d’incenso, facendolo ascendere al cielo.... Leggi

  11. Poliade

    Nella storia delle religioni, divinità che ha un legame più stretto con una città rispetto a quello che la lega alle altre e perciò è da essa venerata con un culto particolarmente importante e solenne.Nelle grandi religioni politeistiche dell’ambiente mediterraneo (ma anche altrove, per es., nell’America precolombiana, nell’Africa occidentale ecc.) si nota frequentemente che le singole città, pur venerando tutte le divinità del pantheon, per una di esse hanno un culto particolare, considerandosi protette da essa... Leggi

  12. Sumeri

    Antica popolazione della Mesopotamia meridionale, di incerta origine; nelle iscrizioni cuneiformi si definiscono Sag-gi (teste nere). Non autoctoni, appaiono insediati nella regione già nel 5° millennio a.C., quando diedero origine alle culture di Eridu e Obeid, caratterizzate da ceramica lavorata a tornio. La loro presenza diventa più incisiva nel periodo storico di Uruk con la comparsa delle prime città, di un nucleo statale e della scrittura cuneiforme, che li pone come artefici della ‘rivoluzione urbana’... Leggi

  13. RISULTATI DALL'ENCICLOPEDIA ITALIANA

    • BABILONIA E ASSIRIA

      BABILONIA E ASSIRIA. - Nella storia politica e della civiltà dell'Asia anteriore antica nessuna nazione ha lasciato orma sì profonda e durevole come quella tracciata dai Babilonesi e dagli Assiri. La civiltà babilonese - in minor misura quella assira, che in moltissime sue manifestazioni non è che un riflesso di quella babilonese - ha agito fortemente su tutti i popoli che vennero in contatto diretto o indiretto con la Valle dei due fiumi. Leggi

    • SUMERI

      SUMERI (XXXII, p. 990). - L'origine dei S. è tuttora avvolta nel mistero. Immigrati dal di fuori, si è pensato che siano giunti nella bassa Mesopotamia dal sud (Golfo Persico), ovvero da oriente (Īrān), oppure ancora dal nord (Caucaso). Gli elementi di giudizio (lingua, archeologia, antropologia, storia) non sono sufficienti a chiarire il problema. La lingua è tuttora isolata, non attribuibile a nessun gruppo con certezza (vol. XXXII, p. 990). L'archeologia (v. mesopotamia, in questa App.) serve a determinare l'inizio della loro presenza in Babilonia, ma tace sul luogo d'origine. Leggi

    • COSMOGONIA

      COSMOGONIA (dal gr. κόσμος "mondo" e γονή "generazione". - Con questo nome s'intende quel complesso di miti, di teorie che ogni popolo ha elaborato nelle fasi successive della sua cultura, per rendersi ragione dell'origine dell'universo.I miti cosmogonici.Le cosmogonie dei primitivi. - Bisogna accogliere con una certa prudenza tutto quello che viene riferito sulle fantasie cosmogoniche dei primitivi, perché spesso esse hanno subito l'influsso di correnti culturali arrivate fino a loro, come p. es. Leggi

    • NIPPUR

      NIPPUR (XXIV, p. 841). - L'importanza religiosa di questa città sumerica, testimoniata dalla grande ricchezza di materiale epigrafico rinvenuto in essa (circa 50.000 tavolette) e dall'imponenza degli edifici sacri, primo fra tutti il tempio di Enlil, l'é-kur ("la casa della montagna"), ha fatto sì che se ne riprendesse lo scavo. Leggi

    • MARI

      MARI. - Antica città del Vicino Oriente (v. siria, in App. II, 11, p. 836) la cui determinazione geografica precisa fu data nel 1933 da W. F. Albright e fu confermata subito dopo dal ritrovamento casuale d'una statua sul Tell Ḥarīri, 11 km a NNO di Abū Kemal e a 2,5 km dall'Eufrate. I Francesi, sotto la direzione di A. Leggi

    • BABELE

      BABELE. - La città di Babele, detta anche Babilonia (con nome identico a quello che significa la regione che le sta d'intorno e qualche volta comprende nell'intenzione di chi parla tutto quel tratto di territorio tra l'Eufrate e il Tigrì, che circa dal punto dove questi due fiumi hanno tra loro minore distanza si estende fino alle sponde del Golfo Persico), fu la più grande, importante e bella metropoli dell'Asia anteriore antica per più di due millennî. Leggi

    • ELAM

      ELAM. - Il tratto di territorio che si estende alla sinistra del corso inferiore del Tigri prima che questo fiume sbocchi nel Golfo Persico e che comprende anche per la maggior parte la pianura dei fiumi che si gettano in mare a oriente della Mesopotamia, portava nell'antichità un nome che nella forma babilonese e assira suonava Elamtu o Elammat, mentre i Sumeri lo chiamavano Nim ("alto"). Nell'Antico Testamento esso è detto ‛Elām e perciò ancora oggi lo si chiama con questo nome. Leggi

    • HITTITI

      HITTITI. - Popolo che, con centro nell'Asia Minore, sviluppò nel terzo e secondo millennio a. C. una propria civiltà accanto all'egiziana e alla sumero-accada e costituì un grande impero, che dalle coste del Mar Nero arrivava fino alla Palestina. Il nome di Hittiti deriva dalla parola ebraica Hittīm, con cui l'Antico Testamento designa quel ramo degli Hittiti che insieme con gli Amoriti, Hivviti e altre stirpi formava la popolazione non ebraica della Palestina, e indirettamente dalla parola Khatti con la quale essi stessi si designavano e i Mesopotamici li chiamavano. Leggi

    • NIPPUR

      NIPPUR. - Antichissima città della Babilonide, che risale ancora al periodo preistorico e godette grande prestigio religioso, e forse anche politico, durante la prevalenza della civiltà sumera nella Valle dei Due Fiumi. Essa è situata quasi nel centro della Babilonide, e attualmente un piccolo villaggio che si trova non lontano dalle sue rovine porta il nome di Niffer. Leggi

    • TRIADE

      TRIADE divina. - Nei sistemi religiosi politeistici è abbastanza diffusa la tendenza a riunire le divinità, così nel mito come nel culto, in gruppi di tre. Questo numero, sacro per eccellenza (cfr. numero, XXV, p. 37), esprime la perfezione: esso è anche espressione della potenza divina concepita come collettiva o pluralistica. Per quanto la speculazione teologica influisca considerevolmente su ciò, la costituzione delle triadi divine, senza essere un fenomeno primitivo, appare tuttavia molto presto in parecchie grandi religioni.Il principio secondo cui avviene il raggruppamento varia assai. Leggi

Argomenti correlati