1. Francescanesimo

    Il movimento religioso iniziato da s. Francesco d’Assisi (➔ frati minori). Scuola francescana Orientamento filosofico e teologico sviluppatosi tra il 13° e il 14° sec. in seno all’ordine francescano. La nascita della scuola può essere fatta risalire al 1232, allorché il francescano Alessandro di Hales ottenne la cattedra di teologia nell’università di Parigi. In opposizione all’aristotelismo e al tomismo, i filosofi francescani si richiamarono soprattutto al pensiero di Agostino Leggi

    francescanesimo si trova anche nelle opere:
    Enciclopedia dell' Arte Medievale (1995)

    Movimento religioso originato dalla testimonianza spirituale di s. Francesco d'Assisi

    Enciclopedia Dantesca (1970)

    Iniziato da s

    Enciclopedia Italiana (1932)

    Si è spesso osservato che, anche a prescindere dal problema delle fonti francescane (v. francesco, santo), costituiscono grave difficoltà alla comprensione del programma religioso di S

  2. Sabatier, Paul

    Studioso del francescanesimo (Saint-Michel-de-Chabrillanoux, Ardèche, 1858 - Parigi 1928). Pastore calvinista, si dedicò soprattutto allo studio della storia francescana e promosse la fondazione, in Assisi, di una Societé internationale des études franciscaines (1902); dal 1919 prof. di storia ecclesiastica alla facoltà teologica protestante di Strasburgo; socio straniero dei Lincei (1899). Molti sono i contributi recati da S... Leggi

    Categoria: Biografie
    Tags:
    assisi,
    strasburgo
  3. Assisi

    Comune della prov. di Perugia (186,8 km2 con 26.720 ab. nel 2007).Antica città umbra, A. fu in età romana fiorente municipio; presa e distrutta da Totila (545), fino al 12° sec. fu dominio dei duchi di Spoleto e acquistò floridezza economica e liberi istituti comunali, divenendo poi culla del francescanesimo. Passò sotto la dominazione perugina dal 1321 al 1367, allorché si diede spontaneamente al cardinale Albornoz, che le restituì le franchigie comunali. Nel 15° sec. fu teatro di lotte... Leggi

  4. Rieti

    Comune del Lazio (206,5 km2 con 47.617 ab. nel 2008, detti Reatini), capoluogo di provincia. È situata a 405 m s.l.m. nell’angolo SE di una vasta piana (conca di R.), sulle due rive del fiume Velino, ai piedi di una serie di colline. La conca è dominata a NE dal gruppo del Terminillo. Il nucleo primitivo della città sorge su un’altura di travertino alla destra del Velino. La prima espansione dell’insediamento al di fuori della cerchia murata romana risale all’epoca medievale, e si è verificata verso S, lungo la direttrice della Via Salaria. Contenuto fino agli inizi del 20° sec... Leggi

  5. Valdismo

    Movimento religioso originato in Francia nel 12° sec. e confluito successivamente nella Riforma protestante. 1. Le originiIl movimento valdese trae origine dall’attività di un mercante lionese, Valdo (o Valdesio), nato verso il 1140. Nel 1176 un avvertimento celeste avrebbe indotto Valdo alla conversione: avendo chiesto a un teologo quale fosse la via perfetta alla salvezza, si sentì ripetere la consegna di Gesù al giovane ricco: «se vuoi essere perfetto, vendi ciò che hai e dallo ai poveri, e avrai un tesoro nei cieli; poi vieni e seguimi» (Matteo 19-21)... Leggi

  6. Elìa da Cortona

    Secondo ministro generale dei francescani (Assisi intorno al 1180 - Cortona 1253). Dotato di indubbie doti di governo e di organizzazione, frate E. ebbe il torto di non valutare esattamente le più vere forze spirituali del francescanesimo, prima, e la esatta portata della lotta tra Papato ed Impero poi. Nella successiva tradizione ebbe anche nome di alchimista e poeta didattico di tale scienza.Vita e attivitàCompiuti buoni studi giuridici, fu tra i primi seguaci... Leggi

  7. Psicologia

    Scienza che studia i processi psichici, coscienti e inconsci, cognitivi (percezione, attenzione, memoria, linguaggio, pensiero ecc.) e dinamici (emozioni, motivazioni, personalità ecc.). Il termine sembra sia stato usato per la prima volta dall’umanista dalmata M. Marulo nell’opera Psychologia de ratione animae humanae (ca. 1511-18) e successivamente anche da F. Melantone, ma fu diffuso specialmente da R. Goclenio, che nel 1590 diede a un suo trattato il titolo di Ψυχολογία, hoc est de hominis perfectione. Affermatosi poi definitivamente nell’uso con G.W... Leggi

  8. Benz, Ernst

    Teologo luterano e storico tedesco (Friedrichshafen 1907 - Costanza 1978); professore a Marburgo (1937); si è occupato di filosofia e di mistica cristiana, occidentale e orientale, da Mario Vittorino a Swedenborg e Nietzsche; noti soprattutto i suoi studî sull'ecclesiologia e la concezione della storia nel francescanesimo e nel gioachimismo e la loro influenza sulla spiritualità medievale (Ecclesia spiritualis, 1934)... Leggi

  9. Capitani, Ovidio

    Storico italiano (n. Il Cairo 1930 - Bologna 2012); prof. univ. dal 1967, ha insegnato storia medievale a Bologna. Presidente onorario del Centro italiano di studi sull'Alto Medioevo di Spoleto, presidente del Centro studi sulla spiritualità medievale di Todi, socio corrispondente dei Lincei dal 1990 e collaboratore dell'Istituto della Enciclopedia Italiana, si è occupato in special modo di storia della spiritualità e delle idee... Leggi

    Categoria: Biografie
    Tags:
    cairo,
    spoleto,
    ecclesiologia
  10. Marcellino da Civezza

    Poligrafo francescano (Civezza, Imperia, 1822 - Livorno 1906); professore di filosofia, teologia ed eloquenza nelle scuole dell'ordine, è autore di molti studî sulla storia del francescanesimo, alcuni ancor oggi utili, anche se spesso raccolgono acriticamente notizie e documenti: Storia universale delle missioni francescane (11 voll., 1857-95); Saggio di bibliografia sanfrancescana (1879). Importante edizione della Translatio et... Leggi

  11. Giovanni da Capistrano, santo

    Predicatore (Capistrano, od. Capestrano, L'Aquila, 1386 - Ilok, Croazia, 1456). Dottore di diritto civile e canonico, giudice di un rione di Perugia, lasciò professione e cariche pubbliche per entrare (1416) nel noviziato dei francescani osservanti della città. Amicissimo di s. Bernardino da Siena, diffuse e organizzò il ramo riformato dell'ordine francescano detto della "Osservanza", di cui fu più volte commissario generale... Leggi

  12. Ubertino da Casale

    Francescano (n. Casale Monferrato 1259 circa - m. dopo il 1329); entrato nell'ordine nel 1273, subì fortemente l'influsso di P. Olivi a Firenze, poi quello della b. Angela da Foligno e del b. Giovanni da Parma, e fu conquistato alle idee degli spirituali francescani. Relegato alla Verna (1304), vi terminò l'Arbor vitae (1305). Cappellano del card. N. Orsini, fu (1310-12) alla corte pontificia per difendere gli spirituali... Leggi

  13. RISULTATI DALL'ENCICLOPEDIA ITALIANA

    • FRANCESCANESIMO

      FRANCESCANESIMO. - Si è spesso osservato che, anche a prescindere dal problema delle fonti francescane (v. francesco, santo), costituiscono grave difficoltà alla comprensione del programma religioso di S. Francesco, gli sviluppi che esso subì nell'ordine francescano, attraverso cioè il fissarsi di un'esperienza straordinariamente intensa, ma per questo stesso eccezionale, e strettamente legata alle condizioni religiose e sociali del tempo, come fu quella di S. Francesco, in una regola. Leggi

    • ITALIA

      ITALIA (A. T., 22-23, 24-25-26, 24-25-26 bis, 27-28-29, 29 bis).Il nome. - Secondo Antioco di Siracusa (Dion. Halic., I, 35), il nome d' Italia derivava da quello di un potente principe di stirpe enotrica, Italo, il quale avrebbe cominciato col ridurre sotto di sé il territorio estremo della penisola italiana, compreso tra lo stretto di Messina e i golfi di Squillace e di Sant'Eufemia, e, chiamata questa regione da sé stesso Italia, avrebbe poi conquistato molte altre città. Leggi

    • FRANCESCO d'Assisi, Santo

      FRANCESCO d'Assisi, Santo. - Nacque in Assisi nel settembre 1182 (o, secondo altri, 1181). Pare che il padre, Pietro di Bernardone, ricco mercante di panni - da alcuni storici tardivi ritenuto, senza prove sicure, oriundo della famiglia dei Moriconi di Lucca - solito a recarsi in Francia per il suo commercio, conducesse dalla Provenza in Assisi la sposa madonna Pica. Al piccolo, nato durante un'assenza paterna, la mamma fece imporre il nome di Giovanni, che il babbo, al ritorno, volle mutato in quello, allora non comune, di Francesco (francese). Leggi

    • STORIOGRAFIA

      STORIOGRAFIA(v. storia, XXXII, p. 771; App. III, II, p. 846; storiografia, App. IV, III, p. 492)Preistoria. La paletnologia (v. in questa Appendice), essenzialmente la ricostruzione della storia e della cultura dei popoli prima della scrittura, si è sviluppata dall'Ottocento a oggi nel susseguirsi di teorie interpretative fondate sui concetti di evoluzione, diffusione, cultura e adattamento all'ambiente, che determinano l'interpretazione dei dati archeologici e sono innegabilmente influenzate dal condizionamento sociale, economico e politico. Leggi

    • BACCHELLI, Riccardo

      BACCHELLI, Riccardo(V, p. 780; App. II, I, p. 348; IV, I, p. 219)Scrittore, morto a Monza l'8 ottobre 1985. Nelle sue ultime opere riaffiora l'ispirazione moralistico-fantastica che aveva improntato tanta parte della produzione precedente.Nel romanzo Il sommergibile (1978) il tono apocalittico delle riflessioni filosofiche è temperato dal registro ironico dominante nei discorsi dei protago nisti che costituiscono il nerbo di questo apologo dialogato, che si distende a volte in compiaciuti indugi descrittivi. Leggi

    • MARCELLINO da Civezza

      MARCELLINO da Civezza. - Storico del francescanesimo, nato a Civezza, presso Porto Maurizio (Imperia), il 23 maggio 1822; nel 1838 si fece francescano e il 7 maggio 1845 fu ordinato sacerdote. Viaggiò molto all'estero in cerca di documenti per le sue pubblicazioni storiche. Morì a Genova il 29 marzo 1906.Scrisse fra altro: Storia univ. delle Missioni francescane, voll. 11, Roma, Prato, Firenze, 1857-1895; Cronaca delle Missioni francescane, voll. 6, Roma 1860-66; Saggio di bibliografia. Leggi

    • GIACOMO di Vitry

      GIACOMO di Vitry (Iacobus de Vitriaco). - Nato tra il 1160 e il 1170 in uno dei numerosi Vitry della Francia, studiò poi insegnò a Parigi, indi entrò a Oignies (Belgio) nell'ordine dei canonici regolari. Consacratosi alla predicazione, v'ebbe grande successo. Predicò la crociata contro gli Albigesi, e vi partecipò (1213); predicò la crociata di Terrasanta, e, come vescovo di S. Giovanni d'Acri (1216), partecipò alla spedizione di Damietta con Giovanni di Brienne (1218-21). Nominato cardinal vescovo di Tuscolo (1229), rimase presso la curia papale sino alla morte (1240). Leggi

    • GIOVANNI Buralli da Parma

      GIOVANNI Buralli da Parma. - Settimo ministro generale dei frati minori, nacque verso il 1208 e verso il 1233 entrò nell'ordine. Lettore a Bologna e a Napoli, professore di teologia (1245) a Parigi al posto di Alessandro di Hales, nel 1247 (capitolo di Lione) fu chiamato a succedere nel generalato a Crescenzio da Iesi. Si recò allora a visitare le case dell'ordine in Inghilterra, Francia e Spagna e, in seguito, fu da Innocenzo IV inviato in missione in Grecia per la riunione di quella chiesa con Roma. Leggi

    • SEGARELLI

      SEGARELLI (o Segalelli), Gherardo (Ghirardinus Segalellus). - Fondatore degli Apostolici (v.). Nato ad Alzano (Parma) di umile condizione, animato da fervente fede religiosa cercò invano di essere ammesso tra i francescani di Parma. L'avvicinarsi del 1260, indicato dalle profezie gioachimite come l'anno che avrebbe visto la manifestazione dello Spirito, lo indusse a dar forma concreta alle sue idee di rinnovamento religioso. Venduta la sua casa e distribuito ogni suo avere ai poveri, si diede a predicare la necessità di rinnovare la vita di povertà e di penitenza degli apostoli di Cristo. Leggi

    • POVERTA ECCLESIASTICA

      POVERTÀ ECCLESIASTICA. - Nei suoi termini più precisi la questione della povertà ecclesiastica, che viene designata anche come della "povertà evangelica" o della "povertà teoretica" (in contrapposizione alla "povertà pratica"), verte intorno alla proposizione che Cristo e gli apostoli non avrebbero posseduto nulla, né singolarmente né collettivamente, per diritto di proprietà: questione dibattuta nell'ordine francescano specialmente al tempo del generalato di Michele da Cesena (v. Leggi

Argomenti correlati