1. Gandòlfi

    Famiglia di pittori, incisori e stuccatori bolognesi (sec. 18º-19º). Il più noto è Gaetano (S. Matteo della Decima, Bologna, 1734 - Bologna 1802), che nelle sue vaste decorazioni (cupola di S. Maria della Vita, saloni dei palazzi Berti e Davia-Bargellini a Bologna, ecc.) dimostra di derivare dal Tiepolo il cromatismo e il dinamismo delle composizioni. Ubaldo (S. Matteo della Decima 1748 - Ravenna 1781), suo fratello, fu anche incisore e scultore. Mauro (Bologna 1764 - ivi 1834), figlio di Gaetano, fu delicato incisore e acquerellista Leggi

    gandolfi si trova anche nelle opere:
    Enciclopedia Italiana (1932)

    Famiglia di artisti bolognesi che operarono nell'Emilia nei secoli XVIII e XIX

  2. Giani, Felice

    Pittore (San Sebastiano Curone 1758 - Roma 1823). Allievo di U. Gandolfi a Bologna e di P. G. Batoni a Roma, eseguì vasti cicli di decorazioni ad affresco a Roma (palazzo Doria, 1780; palazzo Altieri, 1789; palazzo di Spagna, con L. Coccetti, 1807 circa), Faenza (palazzo Laderchi, 1794), Parigi (palazzo delle Tuileries, castello di Malmaison, villa Aldini a Montmorency), ecc. Inoltre realizzò, con C. Unterperger, le grandi decorazioni a encausto per l'Ermitage (Roma, 1788... Leggi

  3. Castel Gandolfo

    Comune della prov. di Roma (14,7 km2 con 8706 ab. nel 2008). È uno dei cosiddetti Castelli Romani, situato a 426 m s.l.m. sull’orlo occidentale del cratere del Lago Albano (detto anche di C.). Località di soggiorno. Produzione di vino. Sorge nei pressi dell’arce di Alba Longa, di cui non resta traccia; a O è stata però rinvenuta una estesa necropoli della prima età del Ferro (9°-7° sec. a.C.). La cittadina trae il nome dalla famiglia romana Gandolfi, che fece costruire ai primi... Leggi

  4. Stacchini, Antonio

    Attore (Livorno 1824 - Firenze 1889); filodrammatico, lasciò gli studî di medicina per il teatro. Nel 1848 primo attor giovane con la compagnia Landozzi e Gandolfi, nel 1849-54 con L. Domeniconi, nel 1855 con Laura Bon, nel 1856 passò al capocomicato. Preferì i personaggi tragici che interpretava con una recitazione spesso magniloquente.... Leggi

  5. Tadolini, Francesco

    , pittore (Bologna 1758 - ivi 1823), figlio di Petronio e seguace dei Gandolfi.... Leggi

  6. RISULTATI DALL'ENCICLOPEDIA ITALIANA

    • GANDOLFI

      GANDOLFI. - Famiglia di artisti bolognesi che operarono nell'Emilia nei secoli XVIII e XIX. Il capostipite è Gaetano, il più famoso e il più notevole, pittore e incisore, nato a San Matteo della Decima (Bologna) il 30 agosto 1734, morto a Bologna il 30 giugno 1802. Dal fratello Ubaldo, pittore, ebbe la prima educazione artistica, che completò a Bologna presso il Lelli e il Menozzi. Più tardi a Venezia raffinò le sue doti innate di squisito colorista. Nel 1770 fece un breve viaggio in. Leggi

    • GANDOLFI, Antonio

      GANDOLFI, Antonio. - Generale, nato a Carpi il 20 febbraio 1835, morto-a Bologna il 20 marzo 1902. Già sottotenente nel genio modenese e passato nel 1859 all'esercito della Lega dell'Italia centrale (divenuto poi italiano), prese parte alle campagne del 1860-61, del 1866 e del 1870. Fu deputato al parlamento per sei legislature, indi dal 21 novembre 1901 senatore. Fu governatore civile e militare della Colonia Eritrea (dal 1890 al 1892), e in tale carica, seguendo le istruzioni del governo. Leggi

    • ACCADEMIA

      ACCADEMIA (fr. académie; sp. academia; ted. Akademie; ingl. academy).Accademia platonica.'Ακαδημία (Acadēmĭa) o 'Ακαδήμεια (Acadēmīa) o, ancora, secondo una forma più antica, ‛Εκαδήμεια, fu il nome che dall'eroe eponimo 'Ακάδημοσ p ‛Εκάδημος venne dato a una contrada a circa sei stadî a nord-ovest di Atene, dove si trovava un antico santuario di Minerva, coi dodici olivi sacri, stimati discendenti da quello fatto nascere per primo dalla dea nel luogo dove poi sorse l'Eretteo. Leggi

    • BOLOGNA

      BOLOGNA (A. T., 24-25-26).Sommario: Geografia, p. 326; Storia: L'età antica, p. 329; L'alto Medioevo, p. 330; Il comune bolognese, p. 331; Lo Studio di Bologna, p. 331; Le signorie locali e il dominio pontificio, p. 332; Il Seicento e il Settecento, p. 333; Il Risorgimento, p. 333; Arte: Architettura, p. 335; Scultura, p. 338; Pittura, p. 339; Arti minori, p. 341; Musica, p. 341; Teatri di musica e di prosa, p. 344; Letteratura dialettale, p. 346; Storia della stampa, p. 347; Istituti culturali e biblioteche: L'Università, p. 347; Altri istituti culturali, p. 348; Biblioteche, p. Leggi

    • RAFF, Joseph Joachim

      RAFF, Joseph Joachim. - Compositore, nato a Lachen (Zurigo) il 27 maggio 1822, morto a Francoforte sul Meno il 25 giugno 1882. Fu avviato dal padre agli studi classici, ma avendo inviato a F. Mendelssohn, nel 1843, alcune sue composizioni e avendone ricevuto parole d'incoraggiamento, abbandonò l'insegnamento e si dedicò interamente alla musica. Accompagnò F. Liszt in un giro di concerti, fermandosi per qualche tempo a Colonia, dove collaborò alla rivista Caecilia del Dehn. Nel 1854 pubblicò un pamphlet sull'opera di Wagner che suscitò discussioni. Leggi

    • FIORENTINO, Mario

      FIORENTINO, MarioArchitetto e urbanista, nato a Roma il 5 giugno 1918, morto ivi il 25 dicembre 1982. Nel 1945 è stato membro fondatore, assieme a B. Zevi, M. Ridolfi, L. Quaroni e L. Piccinato, dell'APAO (Associazione Per l'Architettura Organica, d'ispirazione wrightiana). In questo ambito ha partecipato alla redazione del Manuale dell'Architetto, a cura del CNR, e ha dato l'avvio alle sue collaborazioni professionali. Leggi

    • FET, Afanasij Afanas'evic

      FET, Afanasij Afanas′evič. - Poeta russo, nato il 23 novembre 1820 in una villa del governatorato di Orel, morto a Mosca il 21 novembre 1892. Il cognome F., sotto il quale è. generalmente noto era il cognome della madre, tedesca e protestante, da lui adottato, poiché ìl matrimonio del padre, Afanasii Šenšin, non era stato riconosciuto valido dalle autorità ortodosse. F. studiò a Mosca e divenne ufficiale. Nel 1858 si ritirò nei suoi possedimenti a fare l'agricoltore e il poeta, estraneo, o quasi, agli avvenimenti sociali e politici. I primi tentativi poetici del F. risalgono al 1840. Leggi

    • STRIGGIO

      STRIGGIO, Alessandro. - Musicista, nato a Mantova nella prima metà del '500, morto fra il 1587 e il 1596. Dal 1560 circa fu in Firenze alla corte di Cosimo de' Medici, al quale mantenne sempre profonda devozione e gratitudine; nel 1567 fece un viaggio in Francia, Inghilterra (a Londra si fermò 15 giorni) e Fiandre, al ritorno dal quale si fermò a Milano, e poco dopo fu di nuovo a Firenze. Leggi

    • NERAZZINI, Cesare

      NERAZZINI, Cesare. - Nato a Montepulciano (Siena) nel 1849; morto ivi nel 1912. Leggi

    • TJUTREV

      TJUTREV, Fedor Ivanovič. - Poeta russo, nato a Ostug, nel governatorato di Orlov, il 18 dicembre 1803, morto a Carskoe Selo il 27 luglio 1873. Dal suo precettore, S. E. Raič, il giovinetto Tj. apprese ad amare Orazio e ad avere in grande rispetto le viete forme poetiche e stilistiche del'700 russo: ne risentirono, e non poco, i suoi primi versi. Ma nell'università di Mosca, che cominciò a frequentare all'età di 15 anni, Tj. mostrò anche interesse per le nuove correnti poetiche, rappresentate allora da Zukovskij e dalla poesia tedesca. Leggi