pagina 1 di 14 - 160 risultati

Risultati relativi a Popoli Mesopotamici

Mesopotamia

Enciclopedia dei ragazzi (2006)

La terra fra due fiumi dove iniziò la storia Se si prende la nascita della scrittura come punto di riferimento per separare la storia dalla preistoria, allora i popoli che abitarono la Mesopotamia nei tre millenni precedenti la nascita di Cristo devono essere considerati coloro che hanno dato inizio alla storia. La loro regione fu chiamata Mesopotamia («terra tra i due fiumi») dai Greci che così definirono l’ampia pianura, oggi corrispondente quasi interamente all’Iraq, compresa tra il Tigri e... Leggi

duodecimale

Dizionario delle Scienze Fisiche (1996)

[agg. Der di duodecimo, dal lat. duodecim "dodici"] Sistema d.: sistema di numerazione con base dodici (ogni unità del-l'ordine superiore vale dodici unità dell'ordine immediatamente inferiore): → numerazione: Sistema di numerazione. Tale sistema, probab. nato dalla particolare digitazione in uso presso gli antichi popoli mesopotamici, non è da tempo in uso; fanno però eccezione alcune monete (compresa la sterlina inglese sino a qualche anno fa) e alcune unità di misura, e precis... Leggi

glittica

Enciclopedie on line

L’arte dell’intaglio e dell’incisione di gemme o pietre dure, e lo studio a essa relativo. Le pietre usate sono soprattutto cristallo di rocca, ametista, agata, diaspro, corniola, calcedonio. La tecnica è semplice e inalterata sin dall’antichità, se si esclude la meccanizzazione dei procedimenti a partire dal 18° secolo. A seconda della durezza le pietre sono lavorate con punte o bulino, a mano libera o rotanti; le punte, metalliche o di diamante, possono essere adoperate insieme con polvere di smeriglio. All’incisione del disegno segue la lucidatura... Leggi

Vicino Oriente antico. Causalità e intervento magico

Storia della Scienza (2001)

Causalità e intervento magico Sommario: 1. La divinazione mesopotamica. 2. I presagi spontanei. 3. I presagi provocati. 4. Interventi magici: Mesopotamia. 5. La divinazione in Anatolia. 6. La divinazione in Siria e Palestina. 7. Divinazione mesopotamica e biblica a confronto. 8. Fisiognomica e oniromanzia. ▢ Bibliografia. 1. La divinazione mesopotamica di Francesca Rochberg Lo studio della divinazione ci permette di approfondire la concezione assiro-babilonese delle relazioni fra il genere umano e la Natura e fra gli uomini e gli dèi... Leggi

NAVE

Enciclopedia dell' Arte Antica (1963)

SOMMARIO: 1. Preistoria; 2. Egitto; 3. Mesopotamia, Siria, Fenicia; 4. Grecia; 5. Italia preromana; 6. Roma; 7. Elenco dei principali monumenti. - Bibliografia; 8. India e Asia sud-orientale; 9. Cina; 10. Giappone.1. - Preistoria. L'intenzionale realizzazione di un galleggiante destinato a spostarsi nell'acqua fu una conquista dell'uomo primitivo, il cui inizio - al pari delle più antiche manifestazioni culturali dell'umanità - ci rimane nascosto... Leggi

SOFFITTO

Enciclopedia Italiana (1936)

Copertura piana di un ambiente, costituita dalla struttura in vista del solaio, ovvero da una struttura indipendente da quello formata di travetti e listelli di legno (cantinelle), cui è fissata di solito un'incannucciata o una rete metallica a maglie strette che, intonacata e decorata, costituisce il soffitto. Lo spazio risultante in tal caso tra il solaio e il soffitto si dice intercapedine.Nelle abitazioni dell'antico Egitto il soffitto era formato da tronchi di palme o da travi posti gli uni accanto agli altri... Leggi

ASTROLATRIA e Astralismo

Enciclopedia Italiana (1930)

Astrolatria (dal gr. ἀστηρ "astro" e λατρεία "culto") vale "adorazione degli astri", cioè del sole, della luna, delle stelle, dei pianeti e delle costellazioni. Per astralismo s'intende quella concezione della vita e dell'universo che ha per fondamento l'astrolatria, la divinità degli astri e la loro azione sul mondo e sugli uomini. Questo termine denota dunque un concetto più vasto che astrolatria. Sta in intimo nesso poi con l'astrolatria, come sua diretta e necessaria conseguenza, l'astrologia (v.)... Leggi

Mesopotamia

Enciclopedie on line

(gr. Μεσοποταμία) Nome con cui l’antichità classica designava la regione dell’Asia Anteriore compresa tra i fiumi Tigri ed Eufrate, dalle pendici meridionali degli altopiani anatolico e armeno fino alla piana delimitata dalla massima convergenza dei fiumi, all’altezza della moderna Baghdad; la parte meridionale fino al Golfo Persico era denominata Babilonia. storiaLa storia della M... Leggi

popoli dei monti

Dizionario di Storia (2011)

Espressione coniata in ambito tedesco per indicare l’ingresso nel Vicino Oriente, verso la metà del 2° millennio a.C., di popolazioni di origine montana: ittiti, hurriti, cassiti, che ridimensionarono il precedente predominio delle piane alluvionali (Egitto e Mesopotamia). Il fenomeno è però di più lunga durata, e la dicitura, con le sue implicazioni «ariane», è oggi in disuso.... Leggi

BABILONIA E ASSIRIA

Enciclopedia Italiana (1930)

. - Nella storia politica e della civiltà dell'Asia anteriore antica nessuna nazione ha lasciato orma sì profonda e durevole come quella tracciata dai Babilonesi e dagli Assiri. La civiltà babilonese - in minor misura quella assira, che in moltissime sue manifestazioni non è che un riflesso di quella babilonese - ha agito fortemente su tutti i popoli che vennero in contatto diretto o indiretto con la Valle dei due fiumi. In un certo periodo della storia dell'Asia anteriore la lingua babilonese... Leggi

costellazione

Enciclopedie on line

Raggruppamento apparente di stelle sulla sfera celeste. L’uso di raggruppare le stelle in c. (o asterismi) è antichissimo (probabilmente nacque tra i popoli della Mesopotamia). Le configurazioni che con le stelle si formavano vennero idealmente associate a talune immagini di divinità, di eroi, di animali, di oggetti di uso comune, che bene o male si inquadravano nei confini delle c. stesse, e davano loro il nome. Le c. attuali del cielo boreale e della parte da noi visibile dell’australe sono... Leggi

teoforo, nome

Enciclopedie on line

In onomastica (anche assolutamente teoforo), nome di persona che contiene un nome divino. Lo scopo dell’uso è di assicurare la protezione della divinità all’individuo che già nel suo nome la ricorda.Cronologicamente gli esempi mesopotamici sono i più antichi; essi variano da una semplice definizione del rapporto tra il portatore del nome e la divinità (per es., sumerico Ur Nanshe «servitore [letteralmente cane] della dea Nanshe») a intere sentenze che esaltano la divinità (per es., babilonese... Leggi