1. Revanscismo

    Programma, movimento e più in generale atteggiamento nazionalistico tendente al recupero, con una nuova guerra, del territorio e del prestigio perduti in seguito alla sconfitta in una guerra precedente. Il termine deriva dal francese revanche («rivincita»), che assunse particolare valore in Francia quando, dopo la sconfitta del 1870 e la perdita dell’Alsazia e della Lorena, sorse un movimento tendente alla rivincita nei confronti della Germania Leggi

  2. Fascismo

    Movimento politico italiano fondato nel 1919 da B. Mussolini, giunto al potere nel 1922 e rimasto al governo dell’Italia fino al 1943. Per estensione il termine indica movimenti e regimi sorti in Europa e in altri continenti, dopo la Prima guerra mondiale.1. Le origini del f. in ItaliaLe origini del f... Leggi

  3. Unruh ‹ùnruu›, Fritz von

    Scrittore tedesco (Coblenza 1885 - Diez, Renania, 1970); discendente da una famiglia prussiana di antica nobiltà, figlio d'un generale ed egli stesso ufficiale, già nel corso della prima guerra mondiale si fece deciso paladino del pacifismo. Avverso quindi al nazionalismo revanscista, nel 1932 emigrò, trattenendosi per breve tempo in Italia, poi in Francia e nel 1940 negli Stati Uniti; tornò in Germania nel 1948. Tema fondamentale della produzione di U. è quello della società ordinata e finalizzata ma non autoritariamente... Leggi

  4. RISULTATI DALL'ENCICLOPEDIA ITALIANA

    • POLITICA INTERNAZIONALE

      POLITICA INTERNAZIONALELa p.i., come disciplina di studio, ha per oggetto il complesso delle relazioni e le risultanti dell'interazione tra stati o gruppi di stati. Così intesa, va distinta sia dalla politica estera, il cui oggetto sono gli obiettivi che ciascuno stato si prefigge rispetto agli altri e per la cui trattazione si rimanda alle voci dei singoli stati; sia dalle relazioni internazionali, che comprendono l'operato non solo degli stati ma anche di attori non governativi e transnazionali. Gli attori della p.i. sono dunque gli stati, membri di quella che H. Leggi

  5. Risultati da Wikipedia

    Revanscismo

    Il revanscismo (dal francese revanchisme, da revanche, "rivincita") è un'ideologia nazionalista che prese piede in Francia dopo la fine della guerra franco-prussiana e le pesanti condizioni che il trattato di Francoforte (1872) alla fine di questa posero sul paese transalpino. Tale sentimento perdurò e crebbe fino alla prima guerra mondiale che scoppiò nel 1914. Di revanche si cominciò a Leggi su

    Irredentismo

    Il termine irredentismo indica l'aspirazione di un popolo a completare la propria unità territoriale nazionale, acquisendo terre soggette al dominio straniero (terre irredente) sulla base di un'identità etnica o di un precedente possesso storico, vero o presunto. L'irredentismo può essere inteso in un duplice modo: da un lato come il desiderio di alcuni popoli che, vivendo in una terra Leggi su

    Trattato di Francoforte

    Il trattato di Francoforte fu firmato nella città tedesca il 10 maggio 1871 e mise fine alla guerra franco-prussiana del 1870-1871. Il trattato venne alla fine di negoziazioni condotte da Adolphe Thiers ed il cancelliere Otto von Bismarck il 26 febbraio 1871, dopo le vittorie prussiane a Sedan e Metz e dopo l'assedio di Parigi. Bismarck propose condizioni di pace che implicavano la cessione Leggi su

    Stati post-sovietici

    [[Immagine:USSR Republics Numbered Alphabetically.png|350px|thumb|right|Stati post-sovietici in ordine alfabetico: La partecipazione del figlio e della figlia di Akayev nelle elezioni parlamentari kirghize del 2005 ha suscitato paure di successione dinastica, e potrebbe aver contribuito al clima anti-Akayev che ha portato al suo rovesciamento. Conflitti separatisti Gran parte dei conflitti Leggi su

    Contes cruels

    Contes cruels (Racconti crudeli) è il titolo di due volumi di racconti e novelle dello scrittore francese Octave Mirbeau, pubblicati in unica raccolta nel 1990. Questo titolo è ripreso dai racconti pubblicati precedentemente da Villiers de l'Isle-Adam, amico per il quale Mirbeau provava una grande ammirazione. Tutti questi racconti sono apparsi nei grandi quotidiani dell’epoca. Soltanto Leggi su

    Punica fides

    La locuzione latina Punica fides, tradotta letteralmente, significa fedeltà cartaginese. Il termine si basa sul nome con cui i romani chiamavano i cartaginesi, poeni, cioè puni, il quale deriva a sua volta dal greco φοινικες phoinikes, cioè fenici (dai quali i cartaginesi discendevano). Nella cultura romana antica questo termine era sinonimo di non mantenere la parola, di mala fede, Leggi su

    Guerra franco-prussiana

    La guerra franco-prussiana (19 luglio 1870 - 10 maggio 1871) fu combattuta dalla Francia e dalla Prussia (sostenuta dalla Confederazione Tedesca del Nord), alleata con gli stati del sud: Baden, Baviera e Württemburg. Il conflitto segnò il culmine della tensione tra le due potenze che aveva seguito il dominio crescente della Prussia in Germania, allora una confederazione di territori Leggi su

    Piano XVII

    Piano XVII fu la denominazione convenzionale di un piano strategico adottato dallo Stato Maggiore dell'esercito francese nel 1913, da attuarsi in caso di una guerra tra Francia e Germania. Premesse In seguito alla sconfitta subita durante la guerra franco-prussiana del 1870-71, la classe militare francese dovette adattarsi ai nuovi equilibri fra le potenze europee: l'emergere dell'Impero Leggi su

    Mario Scelba

    Membro della prima ora del Partito Popolare. Con le elezioni del 1948 diventò deputato al Parlamento Italiano. Fu ministro dell'interno dal 2 febbraio 1947 al 7 luglio 1953 (dall'11 luglio al 18 settembre 1952 si fece sostituire da Giuseppe Spataro perché colpito da malattia), dal 10 febbraio 1954 al 2 luglio 1955 e dal 26 luglio 1960 al 21 febbraio1961; fu Presidente del Consiglio dal 10 Leggi su

    Maurice Barrès

    Biografia Maurice Barrès studiò al liceo di Nancy. Continuò gli studi alla facoltà di Diritto di Nancy (il suo certificato d'iscrizione è ancora esposto nella sala dei professori della facoltà). Lo scrittore Consacrato "Principe della Gioventù", esaltando, nei suoi tre volumi del "Culto di me" (1888-1891), l'individualismo, la ricerca delle esperienze e la soddisfazione dei sensi, Leggi su