pagina 1 di 1 - 4 risultati

Ròcco, Alfredo

Giurista e uomo politico (Napoli 1875 - Roma 1935). Esponente del movimento nazionalista, aderì al fascismo (1923), fu presidente della Camera (1924-25) e quindi ministro di Grazia e giustizia (1925-32). In tale carica avviò la complessa legislazione (1925-28) con cui diede sistemazione organica alle istanze del fascismo di organizzazione del potere; nel 1930 entrarono in vigore i codici penale e di procedura penale comunemente indicati con il suo nome.Vita e attività... Leggi

Rocco, Alfredo

Alfredo Rocco   Esponente del nazionalismo italiano e suo principale teorico, Alfredo Rocco fu ministro della Giustizia dal 1925 al 1932, periodo durante il quale organizzò la complessa legislazione con cui venne sistematizzata l’organizzazione del potere fascista: risale infatti al 1930 la pubblicazione del cosiddetto codice Rocco, ossia i codici penale e di procedura penale... Leggi

Categoria:

Rocco, Alfredo

Giurista e politico (Napoli 1875-Roma 1935). Fu il principale teorico del nazionalismo in Italia e tra i primi a legittimare il fascismo, nelle cui forze antisocialiste e antiliberali vide il mezzo idoneo a restaurare e riorganizzare l’autorità dello Stato. Presidente della Camera (1924-25), come ministro di Grazia e giustizia (1925-32) avviò la legislazione (1925-28) con cui diede sistemazione organica alle istanze del fascismo di organizzazione del potere. Prese parte all’elaborazione (1927) della Carta del lavoro e dei regolamenti per il concordato con la Santa Sede... Leggi

Categoria:

ROCCO, Alfredo

Giurista e uomo politico, nato a Napoli il 9 settembre 1875; morto a Roma il 28 agosto 1935. Insegnò successivamente diritto commerciale a Urbino e a Macerata, diritto processuale civile a Parma e a Palermo, diritto commerciale a Padova, legislazione del lavoro e poi diritto commerciale a Roma, dove coprì anche dal 1932 alla morte, la carica di rettore... Leggi

Categoria: