pagina 1 di 68 - 809 risultati

scimmie

Enciclopedia dei ragazzi (2006)

I nostri cugini quadrumani Per sapere come è fatta una scimmia, è sufficiente pensare a noi stessi con una pelliccia più o meno folta, una coda, canini più sviluppati e dita dei piedi prensili... Leggi

ALTRI RISULTATI PER Scimmie

SCIMMIE

Enciclopedia Italiana (1936)

Ordine di Mammiferi che per l'innegabile somiglianza con l'uomo destano spesso particolare interesse nei naturalisti e nei profani... Leggi

Risultati relativi a Scimmie

Uso di strumenti nelle scimmie

Frontiere della Vita (1999)

* Istituto di Psicologia, Consiglio Nazionale delle Ricerche, Roma, Italia** Department of Psychology, University of Georgia, Athens, Georgia, USAUso di strumenti nelle scimmie     L'uso di strumenti può rendere possibile lo sfruttamento di determinate risorse ambientali e permette di procurarsi alimenti altrimenti diffìcili da ottenere direttamente per mezzo delle mani o dei denti. In natura, l'uso di strumenti è diffuso ampiamente negli scimpanzé ma viene osservato più di rado in altre... Leggi

cinomorfe, scimmie

Enciclopedie on line

Raggruppamento privo di validità sistematica di scimmie Catarrine, caratterizzato dall’avere arti posteriori lievemente più lunghi degli anteriori, mano più corta del piede e cuscinetti plantari e palmari pronunciati. Vi appartengono famiglie dei Cercopitecidi e dei Colobidi.... Leggi

ANTROPOMORFI o scimmie antropomorfe

Enciclopedia Italiana (1929)

ANTROPOMORFI o scimmie antropomorfe (dal gr. ἄνϑρωπος "uomo" e μορϕή "forma"). - Famiglia di scimmie catarrine (Simiidae, Bonaparte 1838 e 1850), con due sottofamiglie: gli Oranghi (Simiidae, Pocock 1925, col genere Simia, Linneo 1758) e gli Scimpanzè (Anthropopithecinae, Pocock 1925, coi generi Anthropopithecus, Blainville 1838 e Gorilla, Geoffroy 1852)... Leggi

antropomorfe, scimmie

Enciclopedie on line

Scimmie (dette anche antropoidi) che per aspetto esteriore e struttura anatomica si avvicinano molto all’uomo: sono Primati del sottordine Catarrine, famiglia dei Pongidi, privi di coda e di borse guanciali, senza callosità ischiatiche o appena rudimentali; faccia e dita prive di peli, arti anteriori assai più lunghi dei posteriori, denti canini ben sviluppati, placenta discoidale. Comprendono i generi: gibbone, gorilla, orango (o urango o rangutan), scimpanzé.... Leggi

Atele

Enciclopedie on line

Genere di Scimmie Platirrine, della famiglia Cebidi, caratterizzato dagli arti lunghissimi (e perciò dette scimmie ragno), con pollice di quelli anteriori rudimentale, corpo sottile e lunga coda. Conduce vita arboricola in Guiana, Brasile e Perù.... Leggi

Tags:

Ilobatidi

Enciclopedie on line

Famiglia (Hylobatidae) di Primati Catarrini Ominoidei. Sono scimmie arboricole, dagli arti anteriori più lunghi dei posteriori, senza coda. Producono elaborate vocalizzazioni. Conservano, fra le scimmie antropomorfe, i caratteri più arcaici. Abitano le foreste tropicali e subtropicali dell’Asia sud-orientale (➔ gibbone; siamango).... Leggi

aluatta

Enciclopedie on line

Genere di scimmie della famiglia Cebidi. Le a. o scimmie urlatrici, lunghe 50-60 cm, hanno muso sporgente, coda prensile, rivestimento peloso abbondante specie sulle guance e sul mento, che nei maschi forma una vera barba. Sono provviste di un caratteristico apparato vocale costituito da un complicato sistema di sacchi laringei. Arboricole e gregarie nelle foreste, dove si alimentano di foglie, frutta e fiori, sono diffuse in Sudamerica.... Leggi

Tags:

PRIMATI

Enciclopedia Italiana (1935)

Superordine di Mammiferi, che comprende le Scimmie (v.) e le Proscimmie (v.). Linneo considerò i Primati come un ordine, nel quale comprese le Scimmie, le Proscimmie, i Tardigradi e i Chirotteri. Dopo l'esclusione dei due ultimi, parecchi autori compresero nei Primati l'Uomo e le Scimmie e ne esclusero le Proscimmie; altri ancora vollero comprendere nell'ordine dei Primati soltanto l'Uomo e le Scimmie antropomorfe... Leggi

L'ominazione

Il Mondo dell'Archeologia (2002)

scimmie antropomorfe... Leggi

CERVELLO

Enciclopedia Italiana (1931)

Il cervello è la parte più importante dell'apparecchio nervoso. Questo risulta di organi centrali e di organi periferici, i nervi, che collegano i centri con le parti periferiche di senso e di moto. Nei Vertebrati i centri nervosi sono rappresentati dall'encefalo e dal midollo spinale, tra loro in continuità. L'encefalo (dal gr. ἐγκέϕαλος, "cervello") ha sede nella testa e occupa la cavità del cranio; il midollo spinale discende nel tronco ed è contenuto nel canale vertebrale... Leggi