pagina 1 di 1 - 5 risultati

MARTINI, Simone

MARTINI, Simone. – Non si conoscono con certezza il luogo e l’anno di nascita del M., che comunque deve essere collocata entro il penultimo decennio del XIII secolo (Pierini, pp. 22 s.; Leone de Castris, 2003, p. 36). La vita e l’attività pittorica del M. sono di fatto ricostruibili solo attraverso il percorso tracciato dai documenti e dalle opere a partire dal 1315, anno del completamento della Maestà affrescata nella sala del Mappamondo del palazzo pubblico di Siena (Pierini, p. 246).Erronea... Leggi

Martini, Simone

Pittore senese (n. prob. tra il 1280 e il 1285 - m. Avignone 1344). La sua personalità appare pienamente formata fin dalla prima opera documentata, l'affresco con la Maestà nel Palazzo pubblico di Siena, datato 1315 ma ritoccato, nella parte centrale, dallo stesso M. nel 1321 forse non solo per ragioni di restauro ma anche per un aggiornamento del gusto... Leggi

Martini, Simone

Martini, Simone Il raffinato pittore della Siena medievale Considerato l’artista simbolo della città di Siena nel Medioevo, Simone Martini ha lavorato per i più grandi protagonisti del suo tempo, da Roberto d’Angiò al pontefice nella nuova sede di Avignone, e nelle principali città, quali Napoli, Assisi e Pisa... Leggi

Categoria:

MARTINI, Simone

Pittore senese, documentato a partire dal 1315 e morto nel 1344 ad Avignone.M. nacque presumibilmente a Siena intorno al 1284, data che Vasari (Le Vite, II, 1967, p. 200) sostiene di avere letto sull'epitaffio funebre del pittore, figlio, secondo la tradizione, di un Martino abitante del popolo di S. Egidio; Carli (in Cecchini, Carli, 1962) ha invece avanzato l'ipotesi di collocare a San Gimignano i natali del pittore e di riconoscerne il padre in un maestro Martino ivi documentato nel 1274 come artigiano specializzato nel preparare l'arriccio... Leggi

MARTINI, Simone

Pittore, morto in Avignone nel luglio del 1344. S'ignora in quale anno sia nato a Siena. Il Vasari indica il 1284, data non certa, ma verosimile, se si considera che quando nel 1315 Simone dipinse per la Sala del mappamondo nel Palazzo Pubblico senese la Vergine in trono circondata da angeli e da santi doveva essere già ben noto come artista per ricevere, vivente ancora Duccio, un incarico di tanta importanza. Un documento del 23 giugno 1317 lo mostra a Napoli, salariato con... Leggi