1. Stregoneria

    Attività delle streghe o degli stregoni. In senso concreto, operazione magica spesso diretta con l’intenzione di danneggiare qualcuno.Secondo la mitologia popolare, streghe e stregoni sono esseri soprannaturali nocivi o persone reali cui si attribuisce un’attività di magia nera e che dirigono i loro poteri eccezionali a danno degli altri. In alcune società, invece, lo stregone è un uomo al quale sono attribuite facoltà straordinarie, di cui si serve per svolgere un’attività di... Leggi

  2. Metamorfosi

    biologia Modificazione strutturale o funzionale di un organismo vivente. In botanica, il termine si riferisce a ogni evidente modificazione nella conformazione esterna e nella struttura interna di uno dei membri morfologici (radice, fusto, foglia) di una pianta cormofita, che può dipendere dai cambiamenti di funzione o dell’ambiente, che si sono verificati nel corso dell’evoluzione organica. Le m... Leggi

  3. Sogno

    Attività mentale che si svolge durante il sonno, a carattere involontario e non intenzionale; si esprime prevalentemente con immagini visive, spesso a carattere molto vivido. psicologia Gli studi moderni sul s. hanno inizio con S. Freud (Die Traumdeutung, «L’interpretazione dei sogni», 1900) e la psicanalisi. Secondo la dottrina psicanalitica, i s. sono dovuti all’azione di stimoli fisici o psichici che tenderebbero a disturbare il sonno e che trovano invece nel s. un’eventuale soddisfazione. Gli stimoli psichici da cui ha propriamente origine il s... Leggi

  4. Sciamanismo

    (o sciamanesimo) Fenomeno religioso presente largamente nel quadro delle civiltà d’interesse etnologico; fatti più o meno isolati di natura sciamanistica sono poi ravvisabili anche all’interno di orizzonti religiosi complessi: Cina (soprattutto nelle tradizioni taoiste), Tibet (Bon-po e lamaismo), India, Grecia antica, religioni di popoli indoeuropei convenzionalmente annoverati tra i ‘barbari’ (Sciti, Traci, Germani ecc.).In senso stretto, lo s... Leggi

  5. Ascetismo

    Termine inizialmente legato alla concezione cristiana ma poi usato nella storia delle religioni per indicare un fenomeno presente in diverse aree e culture: quel modo di vita e quel complesso di pratiche rituali che tendono a rendere possibile all’uomo una condizione diversa da quella ordinaria, realizzando uno stato considerato superiore dal punto di vista dei valori religiosi. Se nell’uso prevalente il termine indica un complesso di pratiche negative (solitudine, mortificazioni, astinenze, digiuni, flagellazioni ecc... Leggi

  6. Immortalità

    immortalità Condizione di non essere soggetto alla morte. 1. Religioni antiche e politeisticheLe prime forme di una credenza nell’i. equivalgono a manifestazioni dell’incapacità di concepire uno stato dell’esistenza che nulla abbia di comune con la vita. In diverse religioni primitive, ma anche in civiltà più complesse e, come sopravvivenze, perfino in quella moderna, si riscontrano manifestazioni rituali che sembrano presupporre che il morto continui in qualche modo a vivere (deposizione nelle tombe di viveri, oggetti d’uso ecc.)... Leggi

  7. Fantasy

    Particolare tipo di narrativa, connesso con il mondo del soprannaturale, nato negli anni 1920 negli Stati Uniti, con Weird tales e altre riviste analoghe. Da molti la f. è considerata come un sottogenere della fantascienza, dalla quale tuttavia va tenuta distinta: infatti, mentre nella fantascienza gli eventi si dipanano seguendo sempre un filo di coerenza (o verosimiglianza) tecnico-scientifica, nella f... Leggi

  8. Licantropia

    Presso alcuni popoli primitivi, la credenza che ogni individuo abbia un proprio ‘doppio’ in forma animale; presso altri è la convinzione che individui dotati di grandi capacità naturali o per mezzo di procedimenti magici (sciamani, stregoni) siano in grado di trasformarsi in animali (lupi o, a seconda delle regioni, iene, giaguari ecc.). Nell’Europa antica, alla concezione del lupo quale animale infero si connettono i timori popolari di fronte agli individui ritenuti soggetti alla... Leggi

  9. Sciamanésimo

    sciamanésimo Complesso di credenze e pratiche rituali riscontrabili in vari contesti etnografici (Europa e Asia settentr., Asia centrale e America artica) imperniate sulla figura dello sciamano, una sorta di capo carismatico investito di responsabilità collettive, ma anche stregone e terapeuta ritenuto capace di provocare malattie, oltre che di guarirle.la funzione sciamanicaL'antropologia interpreta lo s. come un sistema simbolico il cui contesto privilegiato sono le attività venatorie... Leggi

    Categoria: Pratiche Culturali
  10. Kutchin

    Popolazione indigena nordamericana di lingua athabaska, che, suddivisa in vari gruppi (Kutcha-K., Nokotcho-K., Takkuth-K. ecc.), occupava un vasto territorio dell’Alaska e del Canada settentrionale, comprendente il bacino dello Yukon tra il Tanana e il Porcupine, il bacino di questo e del Peel, e la bassa valle del Mackenzie. Vivendo in stretta relazione con gli Inuit della fascia costiera artica, avevano da questi mutuato numerosi elementi culturali. Caccia (cervo, volpe, coniglio, alce ecc... Leggi

  11. Regalità sacra

    regalità sacra Statuto religioso particolare riconosciuto al re o al capo presso una grandissima parte dei popoli che conoscono una qualsiasi forma dell’istituzione monarchica.Secondo J. Frazer la r. avrebbe le proprie origini nei poteri eccezionali che permettono allo stregone di essere in contatto con gli spiriti e gli assicurerebbero una posizione sociale preminente nel gruppo; di qui deriverebbero sia le funzioni sacrali del re sia le sue responsabilità sovrannaturali, il suo carattere divino, i riti o interdizioni con esso connessi ecc... Leggi

    Categoria: Storia Delle Religioni
    Tags:
    stregone
  12. Fattucchiere

    Individuo le cui arti magiche, frutto di apprendimento, si esplicano mediante l’uso di oggetti, l’attuazione di riti e la recitazione di formule, a differenza dello stregone, che seguendo la distinzione introdotta da E.E. Evans-Pritchard (1937), sfrutterebbe una propria dotazione innata, senza far ricorso a pratiche magiche.... Leggi

  13. RISULTATI DALL'ENCICLOPEDIA ITALIANA

    • STREGHE E STREGONERIA

      STREGHE E STREGONERIA. - Carattere essenziale che, nell'opinione volgare di tutti i tempi, distingue la stregoneria o magia nera dalla magia bianca, è lo scopo a cui la prima è diretta: arrecare nocumento al prossimo o costringerlo a fare in favore dello stregone o di una terza persona quel che non farebbe di propria volontà. La credenza che vi siano persone che abbiano tali facoltà è di tutti i tempi e di tutti i popoli; e i metodi adoperati dagli stregoni e dalle streghe sono rimasti presso. Leggi

    • MEDICINA

      MEDICINA. - Ogni tentativo di rimediare con le proprie forze o con l'aiuto d'altri al dolore, al danno o al pericolo causato da infermità sopravvenute per varie cause visibili o invisibili, note o ignote, rientra nell'ambito della medicina. La prima suggestione a tali tentativi nasce dall'istinto di difesa e di conservazione dell'individuo. Leggi

    • NEGRILLI

      NEGRILLI. - L'incertezza più grande sussiste ancora riguardo agli usi e costumi dei Negrilli, i Pigmei e i Pigmoidi africani, e quanto ne venne reso noto da viaggiatori e studiosi si deve considerare in molti casi soltanto un riflesso della cultura dei loro vicini di razza negra.I Negrilli distinguono sé stessi con parecchi nomi, di cui è dubbia in qualche caso l'origine. È chiara invece la provenienza per i nomi dati loro dalle tribù negre e intesi a significare, talora con qualche dispregio, "uomini del bosco" o "piccoli uomini", o "uomini dalla grossa testa". Leggi

    • DANZA

      DANZA (etimologia incerta). - Si è disputato se la danza sia stata originariamente profana e da questa poi sia venuta la danza sacra o se, viceversa, dalla danza sacra sia derivata la profana. Certo è che tra i primitivi - e così si può presumere che sia stato anche tra i popoli dell'antichità nel loro stadio primitivo - la danza non è un mezzo di puro divertimento o passatempo, ma ha uno scopo realistico, che si può caratterizzare come magico, in quanto nella danza opera una forza occulta sovrumana che si cerca in varî modi di mettere a profitto della comunità. Leggi

    • NEGRI

      NEGRI. - In Francia è ancora usata abbastanza spesso per i Negri d'Africa, la denominazione, sorta appunto in quel paese, di Negri occidentali, in contrasto con quella di Negri orientali, che dovrebbe designare la popolazione scura dell'Arcipelago Malese e della Melanesia: questa locuzione non è stata mai molto diffusa fra noi e di solito nelle scuole italiane i Negri occidentali o africani sono chiamati semplicemente Negri. (Per i Negri d'America, v. stati uniti d'america).Antropologia. Leggi

    • CURARO

      CURARO (XII, p. 154). - Le conoscenze sulle origini botaniche e sulla preparazione del curaro, a lungo incerte per il segreto difeso dagli stregoni manipolatori, si sono di recente notevolmente accresciute, in seguito ad esplorazioni e più facili contatti con gli indigeni.Secondo E. Leggi

    • PSICOTERAPIA

      PSICOTERAPIA. - È la cura delle malattie, compiuta con mezzi psichici.Sino dai tempi più remoti (come ancora oggi presso i popoli selvaggi) si è tentato, specialmente da stregoni e da altre persone particolarmente dedicate alla cura degli ammalati, di liberare gl'infermi dalle loro sofferenze mediante scongiuri, pratiche magiche e altri interventi spirituali, fondati sulle credenze e superstizioni del tempo (v. animismo; magia). Leggi

    • SCIAMANISMO

      SCIAMANISMO. - La parola e il fenomeno provengono dall'Asia, nelle cui contrade nordiche lo sciamanismo si presenta tuttora nella sua forma più caratteristica. Però esso non è affatto ristretto a questa parte del mondo, ma anzi si trova diffuso relativamente dappertutto ed è specialmente tipico nell'America Settentrionale, nella Groenlandia e nell'Africa. Lo sciamano si differenzia dal sacerdote o dal re in ciò, che il suo potere non deriva già da istituzioni, ma ha una base empirica: in esso infatti si manifesta una facoltà innata o acquisita. Leggi

    • PITTOGRAFIA

      PITTOGRAFIA. - Forma primitiva di scrittura, composta di disegni di oggetti materiali, ad alcuni dei quali si attribuisce un valore simbolico; differentemente dai geroglifici nessuno dei disegni ha valore puramente fonetico. Il suo contenuto può quindi essere espresso assai diversamente.La pittografia non è molto diffusa tra i popoli primitivi. Essa ebbe invece il suo maggiore e più tipico sviluppo presso popolazioni in possesso di civiltà più elevate, in particolar modo tra gl'Indiani dell'America Settentrionale. Leggi

    • SUPERSTIZIONE

      SUPERSTIZIONE. - Folklore. - Le forme della superstizione popolare sono svariatissime, non solo per l'origine, in quanto risalgono a epoche e fasi molto diverse dello sviluppo della civiltà umana, ma anche per i caratteri, che vanno dal campo puramente astratto delle credenze a quello pratico dei riti e delle cerimonie. Leggi

Argomenti correlati