1. Wall Street Journal, The

    Wall Street Journal, The Quotidiano statunitense di economia e finanza, fondato nel 1889 a New York da C.H. Dow (1851-1902). Ha quattro edizioni negli Stati Uniti (New York, Chicago, Dallas, Palo Alto), una in Europa (Bruxelles) e in Asia (Hong Kong). È il giornale più influente nel mondo finanziario. Nel 2006 ha avuto una diffusione media di 2.049.786 copie al giorno.... Leggi

    Categoria: Giornalismo
    Tags:
    stati uniti d america
  2. Wall Street

    Wall Street Strada di New York, nella parte meridionale di Manhattan, dove hanno sede la borsa valori, molte grandi banche e importanti imprese industriali e finanziarie; per traslato, l’espressione è comunemente usata per indicare la borsa di New York e, in generale, l’alta finanza americana. The Wall Street Journal Quotidiano statunitense di economia e finanza, fondato nel 1889 a New York da C.H. Dow. Ha quattro edizioni negli Stati Uniti (New York, Chicago, Dallas, Palo Alto), una in Europa... Leggi

  3. Class Editóri

    Casa editrice fondata a Milano nel 1986 da P. Panerai, che ha assunto le cariche di vicepresidente e amministratore delegato. Specializzata in campo economico e finanziario, pubblica diversi periodici (Class, Milano finanza) e quotidiani (Mf, che dal 2001 presenta due pagine in italiano del Wall Street Journal, e Italia oggi) e ha aperto filiali a Roma, Londra e New York. Quotata in borsa dal 1998, alla fine degli anni Novanta del Novecento ha esteso le attività al settore... Leggi

  4. Adiga, Aravind

    Scrittore e giornalista indiano (n. Chennai 1974). Ha trascorso l'infanzia in Australia, compiendo poi gli studi presso la Columbia University di New York e successivamente nell'univ. di Oxford. Intrapresa l'attività di giornalista di economia, è stato collaboratore delle testate Financial Times, Money e Wall Street Journal, divenendo quindi corrispondente del Time da Mumbai. Nel 2008 ha ricevuto il Booker prize per il romanzo White tiger: a novel (trad. it... Leggi

  5. Jerusalem Post, The

    Quotidiano israeliano in lingua inglese fondato nel 1932. Nato come The Palestine Post, assunse il nome attuale nel 1950, dopo la nascita dello Stato di Israele (1948). Testata autorevole, ha un orientamento moderato di centro-destra e compete, sulla scena nazionale, con il quotidiano Haaretz, vicino al centro-sinistra. Dal 2008 pubblica in esclusiva per Israele la versione europea del Wall Street Journal.... Leggi

    Categoria: Giornalismo
    Tags:
    israele
  6. Giornale

    Pubblicazione, registro o libro avente carattere giornaliero. editoriaPubblicazione a stampa, composta di un numero variabile di pagine, che fornisce notizie di politica, economia, cronaca, attualità, cultura, spettacolo e sport. Il termine fa riferimento alla frequenza quotidiana delle uscite, ma spesso è esteso anche a periodici non quotidiani, in particolare a settimanali di attualità (v. fig.). 1. I primordiGli antecedenti storici del g. vengono concordemente identificati con gli acta populi o diurna, istituiti nel 59 a.C... Leggi

  7. Murdoch, Rupert

    Editore di quotidiani e periodici australiano naturalizzato statunitense (n. Melbourne 1931). Presidente (dal 1991) di The News Corporation, ha iniziato la sua ascesa operando nel campo dei quotidiani e in seguito ha esteso la sua attività nel campo della televisione.Vita e attività. Figlio di Sir Keith Arthur (1886-1952), corrispondente di guerra a Gallipoli (1915), e anche lui editore di giornali, ne ereditò, tra l'altro, il quotidiano Adelaide News, divenendo poi progressivamente proprietario di altri giornali e periodici australiani... Leggi

  8. News Corporation, The

    Gruppo multimediale che opera nel settore dell’editoria, della produzione e distribuzione cinematografica e televisiva, e dei servizi in Internet. Fondato dall’imprenditore australiano R. Murdoch, che ne è presidente e amministratore delegato, ha le sue origini negli anni 1950, quando Murdoch ereditò dal padre i quotidiani di Adelaide, Sunday Mail e Adelaide News... Leggi

  9. Lévy, Bernard-Henry

    Filosofo francese (n. Beni Saf, Algeria, 1948). Maggiore rappresentante, insieme con André Glucksmann, dei nouveaux philosophes, ha duramente criticato il pensiero marxista, da lui in precedenza condiviso, opponendosi a ogni forma di totalitarismo. VitaDopo essersi laureato in filosofia all'Ecole normale supérieure di Parigi, dove gravitavano alcune tra le più importanti personalità intellettuali francesi, tra cui L. Althusser, J. Derrida,  M. Foucault, ha comiciato molto presto a collaborare con giornali e riviste, all'inizio come cronista di guerra... Leggi

  10. Abramson, Jill Ellen

    . – Giornalista e scrittrice statunitense (n. New York 1954). Laureata in Storia presso l’Università di Harvard nel 1976, ha lavorato per il settimanale Time dal 1973 al 1976, per poi passare al mensile  The American Lawyer fino al 1986, anno in cui pubblica il suo primo libro Where they are now: The story of the women of Harvard Law 1974, in cui confronta talento e opportunità di carriera di donne uscite quell’anno da Harvard con quelli dei colleghi maschi... Leggi

    Categoria: Biografie
  11. Stati Uniti d’America

    Stati Uniti d’America Stato federale dell’America Settentrionale, il cui territorio è suddiviso tra 50 Stati membri e il Distretto di Colombia, nel quale sorge la capitale Washington. La continuità territoriale degli S... Leggi

  12. RISULTATI DALL'ENCICLOPEDIA ITALIANA

    • SWING, Raymond

      SWING, Raymond. - Giornalista, nato a New York il 25 marzo 1887. (Si chiamò per parecchi anni Raymond Gram Swing, dal nome di famiglia della seconda moglie). Inviato a Berlino nel 1913 dal Chicago Daily News, vi rimase fino all'intervento in guerra degli Stati Uniti (1917); tornandovi, dopo il conflitto, per conto del New York Herald. Nominato nel 1922 redattore-capo per l'estero del Wall Street Journal, fu poi, per dieci anni, corrispondente londinese del Philadelphia Public Ledger e del New. Leggi

    • GRAFICA, INDUSTRIA

      GRAFICA, INDUSTRIA(v. grafiche, arti, XVII, p. 628; App. III, I, p. 772; IV, II, p. 89)L'i.g. ha continuato a espandersi negli anni Ottanta in Europa e negli Stati Uniti, segno questo che i nuovi prodotti dell'editoria elettronica per il momento si affiancano ai prodotti tradizionali su carta senza però soffocarli. Questo è confermato per es. dal fatto che i maggiori gruppi d'informazione nel campo dell'editoria economica e finanziaria hanno costituito società apposite per l'editoria elettronica accanto a quelle che si occupano di editoria tradizionale. Leggi

    • ECONOMIA

      EconomiaI temi generali dell'e. hanno ricevuto un'ampia esposizione nel XIII vol. dell'Enciclopedia Italiana nella voce economia politica, in cui è tracciato il profilo delle correnti classiche e marginaliste. Nell'App. I ampio spazio viene dedicato alle crisi economiche (p. 486) dopo la caduta di Wall Street del 1929 e alle nuove forme di organizzazione pianificata dell'e. nella voce economia programmatica (p. 536). La teoria keynesiana, affermatasi negli anni Quaranta, è stata invece trattata. Leggi

    • NEW YORK

      NEW YORK (A. T., 132-133). - La più importante città degli Stati Uniti, la seconda del mondo per numero assoluto di abitanti, dopo Londra, ma prima fra tutte le metropoli della terra, se in luogo dell'area entro i confini amministrativi si prenda in considerazione la superficie metropolitana. Leggi

    • STATI UNITI

      STATI UNITI (A. T., 127-146). - Stati Uniti è il nome adottato dalle 13 antiche colonie britanniche situate lungo la costa atlantica dell'America Settentrionale, che dichiararono la loro indipendenza dalla Gran Bretagna il 4 luglio 1776, ottenendone poi da quella il riconoscimento il 30 novembre 1782. In progresso di tempo la confederazione si estese, includendo, oltre i 13 stati originarî, altri 7 stati, aggregati senza essere stati prima organizzati a territorî, e 28 stati, passati precedentemente per lo stadio dei territorî; in tutto 48 stati. Leggi

    • GIAPPONE

      Giappone(XVII, p. 1; App. I, i, p. 668; II, i, p. 1049; III, i, p. 750; IV, ii, p. 59; V, ii, p. 435) Geografia umana ed economica di Claudio CerretiPopolazioneBenché al censimento del 1995 la popolazione del G. avesse quasi raggiunto 125,6 milioni di ab. Leggi

    • STATI UNITI

      STATI UNITI(XXXII, p. 523; App. I, p. 1019; II, II, p. 889; III, II, p. 821; IV, III, p. 457)I problemi dell'ambiente− Per quanto le modifiche dell'ambiente dovute a fattori naturali siano molto lente, un aggiornamento al riguardo risulta opportuno, sia per l'accelerarsi delle molte trasformazioni operate dall'uomo, sia per il risveglio negli S.U. di una sensibilità verso i valori dell'ambiente, che ha portato a ''scoprire'' nuovi aspetti e nuove problematiche in questo campo. Leggi

    • NEW YORK

      NEW YORK(XXIV, p. 727; App. II, II, p. 404; IV, II, p. 593)La grande metropoli nordamericana (la cosiddetta New York Metropolitan Region, NYMR) si sviluppa all'interno di tre stati: New York, New Jersey e Connecticut. Dal punto di vista amministrativo la NYMR si articola su tre livelli: New York City (che comprende le cinque contee riportate in tabella e costituisce la città di N.Y. vera e propria); l'area metropolitana delimitata dai confini dello stato di N.Y. Leggi

    • LONDRA

      LONDRA(XXI, p. 448; App. II, I, p. 230; IV, I, p. 358)La capitale del Regno Unito, con gli attuali 6.775.000 ab., costituisce una delle prime città d'Europa e tra i dieci maggiori agglomerati del mondo. Dal punto di vista amministrativo si distingueva, fino a pochi anni fa, la ''contea'' e la ''Grande Londra''. La contea, creata nel 1888, si estendeva per 304 km2 ed era considerata come il centro vero e proprio della regione; la governava il London County Council. Tutto intorno si sviluppava la Grande L. Leggi

Argomenti correlati