XENOGLOSSIA

Enciclopedia Italiana (1937)

(dal gr. ξένος "straniero" e γλῶσσα "lingua"). - Termine introdotto da Ch. Richet per definire i casi in cui un soggetto medianico parla o scrive una lingua [...] estranee al soggetto (lingue morte, dialetti particolari, lingue orientali, ecc.). I casi di xenoglossia sono tra i più ardui a spiegarsi con ipotesi a carattere naturalistico. Il ... ... Leggi

GLOSSOLALIA

Enciclopedia Italiana (1933)

(dal gr. γλῶσσα "lingua" e λαλιά "cicaleccio"). - Esercizio o giuoco spontaneo della favella, che conia parole e filastrocche di sillabe insensate. S'osserva [...] fenomeno morboso, in deliranti mistici che si credono dotati d'una miracolosa xenoglossia. In certi casi di demenza dissociativa (demenza precoce, schizofrenica), la dissociazione ... ... Leggi

Estasi

Universo del Corpo (1999)

L'estasi (dal greco ἔκστασις, "stato di stupore della mente", da ἐξίστημι, "uscire di sé") è una forma particolare di esperienza psicologica, il cui [...] che questo stato particolare si accompagna a fenomenologie paranormali, quali la xenoglossia, l'osmogenesi, la chiaroveggenza, la telepatia, la ierognosia, la levitazione, l ... ... Leggi

lingue inventate

Enciclopedia dell'Italiano (2010)

1. Introduzione Per lingua inventata si intende una lingua artificiale, provvista di proprie regole sintattiche (descritte o meno) e proprio lessico [...] di comprenderlo. Nella tradizione cristiana la glossolalia si esplica nel dono pentecostale della xenoglossia (gli apostoli erano in grado di predicare in lingue a loro ignote) e ... ... Leggi

PSICHICA, RICERCA

Enciclopedia Italiana (1935)

(fr. métapsychique; sp. metapsíquica; ted. Parapsychologie, Metapsychik, ingl. psychical research). - È lo studio scientifico dei fenomeni extranormali [...] sia della frode, sia di possibili interferenze telepatiche. Un capitolo a sé merita la xenoglossia (v.), ossia il pronunziare o lo scrivere, che fa il medium, di una lingua ... ... Leggi
Pubblicità