Càndido, Vincenzo

Enciclopedie on line

Càndido, Vincenzo. - Teologo domenicano (Siracusa 1573 - Roma 1654). Presiedette alla traduzione araba della Bibbia, e fece parte della commissione che condannò Giansenio. Le sue Illustriores disquisitiones morales (1637-43) furono accusate di lassismo.

Approfondimenti

CANDIDO, Vincenzo > Dizionario Biografico degli Italiani (1974)

CANDIDO, Vincenzo. - Nacque a Siracusa l'11 febbr. 1573 da Giuseppe e da Agata Ursie. Fu battezzato con il nome di Mario e ricevette la sua prima formazione religiosa e culturale nella città natale. Nel 1594 entrò nell'Ordine domenicano, nel convento... Leggi

Argomenti correlati

Badìa, Tommaso

Badìa, Tommaso. - Teologo (Modena 1483 - Roma 1547); domenicano (1509), maestro del Sacro Palazzo (1529-42); membro della Commissione riformatrice di Paolo III (fu tra i sottoscrittori del Consilium de emendanda Ecclesia e del Consilium... super refo

Hohenaltheim

Hohenaltheim Località della Baviera. Concilio di H. Tenuto alla presenza del legato pontificio Pietro d’Orte (916), condannò Enrico I di Germania che fece atto di sottomissione a re Corrado; stabilì alcuni canoni per la riforma dei costumi.

Càndido di Fulda (di nome Bruun, che mutò in Candidus)

Càndido di Fulda (di nome Bruun, che mutò in Candidus). - Teologo, artista, agiografo (n. seconda metà del sec. 8º - m. 845), fu discepolo di Rabano Mauro cui successe (822) nella direzione della scuola di Fulda. Oltre a varî scritti agiografici in p

Càndido Isàurico

Càndido Isàurico. - Storico greco (5º-6º sec. d. C.), originario dell'Isauria, che compose una storia dell'Impero d'Oriente da Leone I (457) alla fine di Zenone (491) in tre libri, in gran parte perduti.

Invia articolo Chiudi