Viscosità

    Enciclopedie on line

viscosità Proprietà della materia per la quale le particelle di un corpo (tipicamente di un fluido) incontrano resistenza nello scorrere le une rispetto alle altre.

fisica

1. Coefficienti di viscosità

La resistenza che le particelle di un corpo incontrano nello scorrere le une rispetto alle altre, detta anche attrito interno, si manifesta con l’insorgere, nello scorrimento di uno strato rispetto all’altro, di tensioni tangenziali più o meno elevate a seconda della natura del corpo: grandissime nei solidi elastici, ancora molto grandi in quelli anelastici, molto più piccole nei liquidi viscosi, minime e addirittura praticamente nulle nei liquidi molto scorrevoli e nei gas. La v. è misurata da coefficienti di v., dinamica e cinematica. Coefficiente di v. dinamica, o anche coefficiente dinamico di v. o v. assoluta, η (o anche μ), caratteristico di ciascuna sostanza, è il rapporto fra uno qualunque degli sforzi tangenziali e la derivata temporale della corrispondente deformazione di scorrimento. Come tale η ha dimensioni m l−1t−1. Ha invece il nome di coefficiente di v. cinematica (o coefficiente cinematico di v.) il rapporto ν fra η e la densità della sostanza in esame, la qualifica di cinematico dipendendo dal fatto che le sue dimensioni, l2t−1, si esprimono, a differenza che per il coefficiente dinamico di v., in funzione di sole grandezze cinematiche. Nei fluidi incompressibili, in particolare, il coefficiente di v. dinamica è definito come il rapporto fra la tensione tangenziale τ e la velocità di deformazione angolare γ=dv/dy (fig. 1):

formula

essendo v la velocità relativa tra due piani all’interno del fluido, distanziati di una quota pari a y; mentre τ è la resistenza allo scorrimento in direzione tangenziale. Il valore di η è in genere lo stesso, qualunque sia la tensione tangenziale che si considera (tale indipendenza peraltro viene meno in alcuni liquidi detti, con riferimento a questo fatto, non newtoniani).

Nei liquidi il coefficiente di v. diminuisce in genere rapidamente al crescere della temperatura, e cresce viceversa, sia pure molto lentamente, al crescere della pressione. Per i gas vale la legge di Maxwell della v., secondo la quale la v. di un gas è indipendente dalla pressione: tale legge risulta non valida per pressioni alte o molto basse. Nel Sistema Internazionale (SI) il coefficiente η si misura in Pa∙s; il coefficiente ν si misura nel SI in m2/s. Riportiamo alcuni valori di η (che risulterebbe infinitamente grande per solidi perfettamente elastici e nullo per liquidi perfetti) misurati in Pa•s: per l’acqua è η=0,0018 a 0 °C, η=0,0010 a 20 °C; per la glicerina a ∼3 °C è η=4,2; per il vetro a ∼500°C si ha η≅1012; per il piombo η≅1014; per l’acciaio temprato esso è praticamente infinito. Accanto alla v. assoluta di un liquido, interessa talvolta anche la sua v. relativa, ρ, rapporto fra la v. assoluta del liquido in esame e quello di un liquido campione, generalmente l’acqua a 20 °C.

2. Viscosimetri

Per misurare il coefficiente di v. dinamica di un fluido si usano i viscosimetri, che a seconda del principio fisico su cui funzionano possono essere classificati in viscosimetri a capillare, a caduta (o a sfera), a rotazione (o rotazionali o di Couette), a oscillazione (o oscillatori). Il viscosimetro a capillare si basa sulla legge di Hagen-Poiseuille secondo cui il volume V di liquido che transita attraverso un capillare in un intervallo di tempo t, corrispondente alla portata Q, è dato da:

formula

dove Δp è la differenza di pressione tra gli estremi del capillare di lunghezza l, r è il raggio del capillare, η è il coefficiente di v. dinamica. Con i viscosimetri a capillare si possono effettuare misurazioni assolute, relative o con apparecchi tarati. Il viscosimetro di Ostwald e Auerbach (fig. 2) è un esempio di viscosimetro per misurazioni assolute; un capillare a è collegato superiormente a una provetta graduata b e inferiormente a un tubo la cui estremità sbocca in un recipiente conico c; attraverso la misura del tempo t di efflusso del liquido dalla graduazione A a quella B, viene determinato il coefficiente di v., sfruttando la relazione η=kt in cui k è una costante nota dipendente dalle dimensioni dell’apparecchio e dalla densità del liquido usato. Il viscosimetro di Engler (fig. 3) è un esempio di viscosimetro tarato, e misura la v. relativa all’acqua, espressa in gradi Engler; è formato da un recipiente cilindrico di ottone a che contiene il fluido in esame e al cui fondo è praticato un canale di uscita b, tenuto normalmente chiuso da un’asta c; il recipiente è contenuto in un altro di dimensioni maggiori, riempito d’acqua e funzionante da bagno termostatico. Per l’esecuzione della misura si fanno defluire 200 cm3 in un sottostante recipiente di raccolta d; il rapporto tra il tempo di efflusso del fluido e quello di un pari volume di acqua distillata a 20 °C fornisce la v. in gradi Engler.

Il viscosimetro a rotazione è basato sulla determinazione del momento torcente trasmesso da un corpo posto in rotazione all’interno di un fluido; nel viscosimetro di Searle (o a cilindri coassiali; fig. 4), un recipiente cilindrico a, contenuto in un altro cilindro b, è trascinato in rotazione per mezzo di una carrucola c alla quale è applicato un momento motore M1 mediante pesi. Si misura la velocità angolare del cilindro b, il cui valore dipende dal momento resistente offerto dalle tensioni tangenziali di attrito trasmesse dal liquido contenuto in b al livello A; si aggiunge liquido fino al livello B e si misura la coppia M2 che occorre applicare per avere lo stesso valore della velocità angolare. Il coefficiente di v. risulterà proporzionale alla differenza M2M1. Oltre che da cilindri, i viscosimetri a rotazione possono essere costituiti da sfere concentriche, da coni o da dischi rotanti (viscosimetri a disco).

biologia

La v. relativa di un liquido organico (ρ) è la diversa v. che presentano, in condizioni normali e patologiche, rispetto all’acqua, i liquidi organici corpuscolati (v. del sangue) e non corpuscolati (v. del liquido sinoviale, del plasma). Nel sangue intero la v. dipende essenzialmente dal numero e dal volume degli eritrociti, e dalle proteine plasmatiche. Nel sangue venoso (di maggiore v. rispetto a quello arterioso, perché più ricco di anidride carbonica, che determina un aumento di volume degli eritrociti) ρ=4,5 nella donna e ρ=5 nell’uomo; aumenti patologici si osservano nelle eritremie e nelle leucemie mieloidi; diminuzioni nell’anemia perniciosa e nelle anemie microcitiche. Tra i liquidi organici non corpuscolati presentano la più elevata v. quelli, come il liquido sinoviale, ricchi di mucina. Il plasma e il siero di sangue hanno rispettivamente ρ=1,9-2,3 e ρ=1,6-2,2.

tecnica

Deformazioni viscosesi manifestano praticamente in tutti i materiali da costruzione, compresi gli stessi acciai. Sono deformazioni a carattere permanente come le deformazioni plastiche, ma si differenziano da queste perché non sono soltanto individuate dall’entità delle forze che le producono, ma dipendono anche dal tempo di applicazione delle forze. Inoltre le deformazioni viscose si manifestano sotto carichi statici di entità anche inferiore a quelli che si richiedono per le ordinarie deformazioni plastiche. Nel caso degli acciai in barre il fenomeno delle deformazioni viscose è praticamente inapprezzabile a temperatura ordinaria se non per valori molto elevati del carico unitario di trazione. Se ne devono perciò accuratamente prevedere gli effetti nel caso, per es., dei cavi da cemento armato precompresso, che sono appunto tesi a limiti prossimi al carico di snervamento; poiché i cavi dopo il tesaggio sono ancorati agli estremi, la deformazione viscosa si manifesta lungo barre di lunghezza assegnata e si traduce perciò in un’attenuazione della tensione lungo tutto il cavo (fenomeno del rilassamento). Pure da segnalare è la dipendenza del fenomeno dalla temperatura: il limite di v. di ogni acciaio, cioè il massimo valore che può raggiungervi il carico unitario senza che vi si riscontrino delle deformazioni viscose, diminuisce rapidamente al crescere della temperatura. Importanza notevole per la tecnica delle costruzioni ha infine il fenomeno delle deformazioni viscose nei conglomerati cementizi.

Foto su Viscosità

Approfondimenti

Viscosita > Enciclopedia della Scienza e della Tecnica (2008)

viscosità Proprietà dei fluidi che ne esprime la resistenza allo scorrimento. La viscosità è l’effetto macroscopico delle relazioni intermolecolari ed è quindi espressione dell’attrito interno di un fluido, dovuto al moto diso... Leggi

VISCOSITA > Enciclopedia Italiana (1937)

VISCOSITÀ. - Si chiama "viscosità" o anche "attrito interno" di un corpo la resistenza che si incontra facendo scorrere uno strato del corpo in esame, rispetto agli strati contigui. Tale resistenza è praticamente infinita nei solidi propriamente dett... Leggi

Viscosita > Dizionario delle Scienze Fisiche (1996)

viscosità [Der. di viscoso, dal lat. viscosus, che è da viscum "vischio"] (a) La proprietà dei fluidi per la quale le particelle incontrano resistenza (più grande nei liquidi che negli aeriformi) nello scorrere, indicata talora, qualitativament... Leggi

Argomenti correlati

Superfluidità

superfluidità In fisica, proprietà di un liquido di fluire senza attrito, cioè con viscosità praticamente nulla. 1. Caratteri generaliLa s. si manifesta per temperature e per velocità di trasporto inferiori a determinati valori critici specifici. L’elio con numero di massa 4 (42He) nello stato liquido è stato il primo sistema a mostrare la s. (elio II, fig. 1) al di sotto della temperatura criticaTλ=2,17 K, come fu osservato dapprima a partire da alcune peculiarità nelle proprietà termodinamiche e poi, negli anni 1936-38, a partire da aspetti più strettamente dinamici e di trasporto. La s

Fluido

fluido In fisica, viene detto generalmente f. un corpo allo stato liquido o aeriforme; in tale solido manca l’elasticità di forma propria dello stato solido; pertanto, imponendo al f. una variazione di forma (a volume costante) si ha uno scorrimento, più o meno accentuato, delle sue parti le une sulle altre; a tale scorrimento si oppone sempre, nei f. reali, un attrito interno (viscosità). In tal senso si parla di stato f. (in contrapposizione a stato solido). Le proprietà di un f

Fluidità

fluidità Termine generico con cui si indica la maggiore o minore facilità delle parti di un corpo allo stato liquido o aeriforme di scorrere le une sulle altre. Con significato specifico, l’inverso della viscosità. Nel sistema internazionale la f. si misura in m2/Ns, cioè in (Pa‧s)–1. Limite di f. Nella meccanica delle terre, indice per un terreno argilloso che caratterizza il grado di consistenza di un’argilla nello stato fisico di passaggio tra lo stato fluido e quello plastico

Tensione

tensione fisica e tecnicaIl termine t. ha anzitutto il significato di forza, più precisamente di forza di trazione: così, si parla di t. applicate agli estremi di una sbarra, di una fune ecc. Con diverso significato, nella meccanica dei sistemi continui, è equivalente a sforzo specifico o a una componente di esso (➔ sforzo; elasticità); in particolare, t. interna (o t. residua), quella presente in un corpo, in assenza di forze esterne.Il termine è più spesso usato quando si tratta di sforzi di trazione, ma anche con riferimento a sforzi tangenziali e talora alla pressione di un fluido. T

Invia articolo Chiudi