VITELLESCHI

    Enciclopedia Italiana (1937)

di Giovanni Battista Picotti

VITELLESCHI. - I genealogisti affermano che questa famiglia era un ramo dei Vitelli di Città di Castello, trapiantato agl'inizî del sec. XIV in Foligno e di qui dopo la metà del secolo in Corneto (Tarquinia). È più probabile che fosse una famiglia cornetana, i cui membri cominciano a esercitare potere quasi di signori sulla città dal principio di quel secolo. Manfredo combatté in favore di Cola di Rienzo, altri stettero per la Chiesa e alcuni contro di questa: Vittuzio difese nel 1410 Castel S. Angelo contro re Ladislao. I personaggi più celebri della famiglia sono il patriarca Giovanni (v.) e Bartolomeo, nipote suo, vescovo di Corneto e Montefiascone (1438), travolto nella catastrofe dallo zio e privato del vescovato come sospetto di ribellione (1442), creato cardinale dall'antipapa Felice V (1444), poi riconciliato con Niccolò V, ottimo pastore della sua diocesi, autore di un opuscolo De morte e di costituzioni lungamente applicate, morto a Modone nel 1463. Trapiantati in Roma nel sec. XVI, i Vitelleschi si estinsero in linea maschile nel secolo XVII, passandone l'eredità e il nome per un testamento del 1624 ai figli di Virginia e del reatino Girolamo de Nobili, da cui discese la famiglia romana de Nobili Vitelleschi.

Bibl.: G. B. Crollalanza, Dizionario storico blasonico, III, Pisa 1890, p. 105; L. Dasti, Notizie storiche archeologiche di Tarquinia e Corneto, 2ª ed., Corneto Tarquinia 1910; v. anche vitelleschi, giovanni.

Argomenti correlati

Tarquinia

Tarquinia Comune della prov. di Viterbo (già Corneto Tarquinia; 279 km2 con 16.361 ab. nel 2008). La cittadina è situata a 133 m s.l.m., su un colle che si leva ripido sulla breve pianura costiera, a 4 km dal Tirreno e 21 km a N di Civitavecchia. Il vastissimo territorio comunale comprende aree coltivate (cereali, viti, ulivi, ortaggi), pascoli, macchie. Notevole importanza ha assunto il turismo per l’attrazione esercitata dai reperti etruschi. Sulla costa sorge il Lido di T., frequentata località di villeggiatura estiva

Vitelléschi, Giovanni

Vitelléschi, Giovanni (noto come il Patriarca di Alessandria). - Cardinale (m. Roma 1440). Entrato al servizio del papa, divenne protonotario, vescovo di Recanati e Macerata (1431), commissario dell'esercito della Chiesa nella Campagna. Combatté con energia i principi locali, fece decapitare Giacomo di Vico (1435), prese e distrusse Palestrina (1437)

Lucìa Filippini, santa

Lucìa Filippini, santa. - Educatrice (Tarquinia 1672 - Montefiascone 1732). Seguendo l'iniziativa della ven. Rosa Venerini, aprì molte scuole gratuite per l'educazione delle fanciulle e fondò le Maestre Pie, che presero il suo nome. Canonizzata nel 1930; festa, 11 maggio.

Forcèlla, Vincenzo

Forcèlla, Vincenzo. - Bibliotecario ed erudito italiano (n. Corneto Tarquinia 1837 - m. 1906), raccolse Iscrizioni delle chiese e di altri edificî di Roma dal sec. XI ai nostri giorni (14 voll., 1869-84), iscrizioni di Milano dal sec. 8º (12 voll., 1889-93), cataloghi di manoscritti riguardanti la storia di Roma nelle biblioteche romane (4 voll., 1879-85) e di Padova (1885) e, con F. Saletti, Iscrizioni cristiane di Milano anteriori al IX secolo (1897).

Invia articolo Chiudi