Lanternari, Vittorio

    Enciclopedie on line
Indice

Lanternari, Vittorio. - Etnologo italiano (Chiaravalle, Ancona, 1918 - Roma 2010). Studioso dei fenomeni religiosi, ha introdotto nella tradizione di studî storico-religiosi italiana un approccio più sensibile ad alcune prospettive antropologiche contemporanee. I fenomeni socio-religiosi sono contestualizzati in senso storico e letti in stringente connessione con le conflittualità politiche, sociali, economiche, etniche e ideologiche. Tra le sue opere più importanti vanno citate Movimenti religiosi di libertà e di salvezza dei popoli oppressi (1960) e Occidente e terzo mondo (1967).

VitaProfessore di etnologia dapprima a Bari (1968), quindi a Roma (1972-94). In particolare attraverso i suoi due primi lavori (La grande festa, 1959, e il già citato Movimenti religiosi di libertà e di salvezza dei popoli oppressi, 1960) L. introduceva un approccio insieme storico e antropologico, particolarmente sensibile a prospettive di orientamento marxista e legato all'antropologia dinamista transalpina (R. Bastide, G. Balandier). Di particolare importanza il volume del 1960 che, analizzando in quest'ottica i fenomeni religiosi di solito indicati come millenarismi, revaivalismi, è divenuto testo imprescindibile nella letteratura specializzata, tradotto nelle più importanti lingue europee. Negli anni Settanta L. ha svolto ricerche etnografiche in Ghana, dapprima tra gli Nzema, studiandone il sistema agricolo e alcuni culti religiosi, quindi in area urbana (Accra), prestando particolare attenzione alle chiese e alle sette religiose. 

OpereTra le sue altre pubblicazioni occorre segnalare: Antropologia e imperialismo (1974); Incontro con una cultura africana (1976); Crisi e ricerca di identità (1977); L'"incivilimento dei barbari". Problemi di etnocentrismo e di identità (1983); Festa, carisma, apocalisse (1983); Dei, profeti, contadini. Incontri nel Ghana (1988); Antropologia religiosa. Etnologia, storia, folklore (1997); La mia alleanza con Ernesto De Martino e altri saggi post-demartiniani (1997); Ecoantropologia. Dall'ingerenza ecologica alla svolta etico-culturale (2003); Religione magia e droga. Studi antropologici (2006).

Argomenti correlati

De Martino, Ernesto

De Martino, Ernesto. - Storico delle religioni ed etnologo meridionalista italiano (Napoli 1908 - Roma 1965). A lui si devono un'interpretazione storicista delle manifestazioni religiose e alcune innovative ricerche nel Meridione basate sull'osservazione partecipante e sul lavoro di équipe interdisciplinari.Vita e pensieroAllievo di A. Omodeo, fu prof. di storia delle religioni nell'univ. di Cagliari

Folclore

folclore (o folklore) Propriamente l’insieme delle nozioni popolari, distinto dal patrimonio e dall’orientamento culturale superiore ed egemonico; genericamente tutte le manifestazioni della vita culturale popolare. Il termine f., composto di folk «popolo» e lore «sapere», fu coniato in Inghilterra nella metà del 19° sec., dall’archeologo W.J. Thoms. Per quanto al di fuori della scienza anglosassone si sia voluto sostituire con espressioni tratte dalle singole lingue nazionali, per es., ted. Volkskunde, it

Gàio di Roma

Gàio (o Caio) di Roma. - Prete romano, che sotto il papa Zefirino (198-217) scrisse un Dialogo (noto ad Eusebio) contro i montanisti e il loro millenarismo, in cui respingeva come apocrifi l'Apocalisse (da G. attribuita a Cerinto) e altresì (come appare da un frammento di Ippolito, avversario di G.) il Vangelo giovanneo. Ma nel combattere il profetismo dei montanisti, che si richiamavano a Filippo Diacono e alle sue figlie, G. rivendicava alla Chiesa di Roma il possesso dei "trofei" (τρόπαια) degli Apostoli, quello di Pietro sul Vaticano, quello di Paolo lungo la Via Ostiense: le parole di G

Frazer, Sir James George

Frazer ‹frèiʃë›, Sir James George. - Etnologo (Glasgow 1854 - Cambridge 1941). Delle sue numerose e vaste opere soprattutto di etnologia religiosa, vanno ricordati i volumi riuniti sotto il titolo The golden bough; a study in magic and religion (1a ed., 2 voll., 1890; 3a ed., 12 voll., 1907-15; trad. it. di L. De Bosis, in base a un compendio pubblicato dall'autore nel 1922: Il ramo d'oro, 3 voll., 1925; 5a ed., 1 vol., introd. di M

Invia articolo Chiudi