Lanternari, Vittorio

Enciclopedie on line
Indice

Lanternari, Vittorio. - Etnologo italiano (Chiaravalle, Ancona, 1918 - Roma 2010). Studioso dei fenomeni religiosi, ha introdotto nella tradizione di studî storico-religiosi italiana un approccio più sensibile ad alcune prospettive antropologiche contemporanee. I fenomeni socio-religiosi sono contestualizzati in senso storico e letti in stringente connessione con le conflittualità politiche, sociali, economiche, etniche e ideologiche. Tra le sue opere più importanti vanno citate Movimenti religiosi di libertà e di salvezza dei popoli oppressi (1960) e Occidente e terzo mondo (1967).

VitaProfessore di etnologia dapprima a Bari (1968), quindi a Roma (1972-94). In particolare attraverso i suoi due primi lavori (La grande festa, 1959, e il già citato Movimenti religiosi di libertà e di salvezza dei popoli oppressi, 1960) L. introduceva un approccio insieme storico e antropologico, particolarmente sensibile a prospettive di orientamento marxista e legato all'antropologia dinamista transalpina (R. Bastide, G. Balandier). Di particolare importanza il volume del 1960 che, analizzando in quest'ottica i fenomeni religiosi di solito indicati come millenarismi, revaivalismi, è divenuto testo imprescindibile nella letteratura specializzata, tradotto nelle più importanti lingue europee. Negli anni Settanta L. ha svolto ricerche etnografiche in Ghana, dapprima tra gli Nzema, studiandone il sistema agricolo e alcuni culti religiosi, quindi in area urbana (Accra), prestando particolare attenzione alle chiese e alle sette religiose. 

OpereTra le sue altre pubblicazioni occorre segnalare: Antropologia e imperialismo (1974); Incontro con una cultura africana (1976); Crisi e ricerca di identità (1977); L'"incivilimento dei barbari". Problemi di etnocentrismo e di identità (1983); Festa, carisma, apocalisse (1983); Dei, profeti, contadini. Incontri nel Ghana (1988); Antropologia religiosa. Etnologia, storia, folklore (1997); La mia alleanza con Ernesto De Martino e altri saggi post-demartiniani (1997); Ecoantropologia. Dall'ingerenza ecologica alla svolta etico-culturale (2003); Religione magia e droga. Studi antropologici (2006).

Argomenti correlati

De Martino, Ernesto

De Martino, Ernesto. - Storico delle religioni ed etnologo meridionalista italiano (Napoli 1908 - Roma 1965). A lui si devono un'interpretazione storicista delle manifestazioni religiose e alcune innovative ricerche nel Meridione basate sull'osservaz

Folclore

folclore (o folklore) Propriamente l’insieme delle nozioni popolari, distinto dal patrimonio e dall’orientamento culturale superiore ed egemonico; genericamente tutte le manifestazioni della vita culturale popolare. ● Il termine f., comp

Gàio (o Caio) di Roma

Gàio (o Caio) di Roma. - Prete romano, che sotto il papa Zefirino (198-217) scrisse un Dialogo (noto ad Eusebio) contro i montanisti e il loro millenarismo, in cui respingeva come apocrifi l'Apocalisse (da G. attribuita a Cerinto) e altresì (come app

Frazer, Sir James George

Frazer , Sir James George. - Etnologo (Glasgow 1854 - Cambridge 1941). Delle sue numerose e vaste opere soprattutto di etnologia religiosa, vanno ricordati i volumi riuniti sotto il titolo The golden bough; a study in magic and religion (1a e

Invia articolo Chiudi