Questo sito contribuisce all'audience di

IL 2008 SECONDO LA TRECCANI

Fedele all'appuntamento di fine anno, l'Istituto della Enciclopedia Italiana Treccani pubblica Il Libro dell'anno 2008, che, come i precedenti volumi della serie, ha lo scopo di dare memoria dei momenti più significativi della storia, della politica, della vita culturale, scientifica e sportiva dell'anno, accompagnando il resoconto della cronologia con un commento d'autore sui temi di più grande rilevanza.
Il 2008 è sicuramente l’anno dell’elezione di Barack Obama alla Casa Bianca, unanimemente considerata un evento storico non solo perché il senatore dell’Illinois diventa il primo presidente degli USA di colore, ma soprattutto per l’entusiasmo trasversale che, con posizioni politiche apertamente liberal e grazie a una coinvolgente capacità comunicativa, è riuscito a raccogliere intorno a sé. Ma non solo. L’anno che si sta concludendo è stato ricco di eventi, non sempre positivi: la crisi dell’Alitalia; il ciclone che ha devastato il Myanmar radendo al suolo intere città e inondando vaste aree, con un bilancio finale di 138.000 tra morti e dispersi; il tifone che ha colpito le Filippine, causando oltre 1500 tra morti e dispersi; la rivolta in Tibet in occasione dell’anniversario della ribellione anticinese del 1959, soffocata violentemente dalla polizia con un bilancio finale di 135 morti e migliaia di feriti; la guerra in Georgia per il controllo della provincia dell’Ossezia del Sud autoproclamatasi indipendente nel 1992 con 1700 vittime e 130.000 rifugiati; la crisi finanziaria che, partita dagli USA, ha attraversato l’Atlantico coinvolgendo anche l’Europa; il latte contaminato in Cina a causa della presenza di melanina, contaminazione che ha causato la morte di 4 bambini, il ricovero di altri 13.000 e l’intossicazione di ulteriori 53.000.
Da non dimenticare che il 2008 è stato anche l’anno dei Giochi Olimpici di Pechino, con la  partecipazione di 11.028 atleti di 204 nazioni, che hanno dato fama ad atleti come il giamaicano Usain Bolt, vincitore di 3 medaglie d’oro nelle gare di velocità (100 m, 200 m e staffetta 4x100m), battendo in tutte e tre le occasioni il record del mondo, e il nuotatore statunitense Michael Phelps che conquistando 8 medaglie d’oro ha battuto il primato detenuto dal suo connazionale Mark Spitz, sette volte oro a Monaco 1972. Molte anche le notizie curiose. Tra le tante: il primo trapianto di spalla al mondo eseguito presso l’Istituto ortopedico Rizzoli di Bologna; l’approvazione in Arabia Saudita di una mozione che autorizza le donne (di età superiore ai 30 anni, senza trucco, velate, con il consenso del marito e dietro il pagamento di una cauzione per pagare eventuali danni) a guidare l’automobile dalle ore 7 alle 20; il debutto dell’Ecopass a Milano, provvedimento, promosso dal sindaco Letizia Moratti, che impone il pagamento di un pedaggio basato sulla quantità di emissioni nocive per tutte le auto che entrano nel centro della città; l’entrata della Gendarmeria vaticana nell’Interpol, l’organizzazione mondiale contro il crimine organizzato. Molti degli Eventi registrati ne Il Libro dell’anno 2008 sono inoltre arricchiti da schede, profili dei personaggi, motivazioni antecedenti i fatti accaduti che offrono un quadro di riferimento e una cornice più completa di lettura.
L’opera, diretta da Adriano Alippi, è, però, qualcosa di più di un semplice repertorio cronologico: grazie alla sezione dedicata ai Temi di maggiore attualità offre al lettore un commento d’autore sugli avvenimenti principali, delle vere e proprie monografie firmate da personaggi di primo piano, veri specialisti della materia trattata, come, tra gli altri, Andrea Branzi (Design), Giacomo Vaciago (Dollaro), Antonio Moccaldi (Morti bianche), Emilio Gentile (Nazionalismi), Francesco Sisci (Pechino), Mario Marazziti (Pena di morte), Massimo Giannini (Protezionismo), Giacomo Crosa (Sport e tecnologia) e Federico Rampini (Tibet). Completa Il Libro dell’anno 2008 una sezione denominata I dati, un repertorio appunto di dati demografici, sociopolitici ed economici delle regioni italiane e degli Stati del mondo, con cui si vuole offrire al lettore un ulteriore quadro di riferimento per i paesi che la cronaca ha portato alla ribalta durante l’anno, fornendo nello stesso tempo una fotografia essenziale anche di quelli sui quali non vi è stata occasione di soffermarsi.