LA CULTURA E LA SCIENZA

Incontro con Mariano Giaquinta e Tullio Gregory

Nell’ambito dell’iniziativa Cento + 50. E poi?, organizzata dall’Istituto della Enciclopedia Italiana in occasione del 150° dell’Unità d’Italia, martedì 5 aprile alle ore 17.30 a Roma presso la Sala Igea di Palazzo Mattei di Paganica (piazza della Enciclopedia Italiana, 4) si terrà un dibattito sul tema La cultura e la scienza. All’incontro saranno presenti Mariano Giaquinta e Tullio Gregory.

Mariano Giaquinta ha studiato matematica presso l’Università di Pisa dove si è laureato nel 1969. Assistente di Analisi Matematica dal 1971 sempre a presso l’Università di Pisa, nel 1976 vince un concorso a cattedra e viene chiamato a ricoprire una cattedra di Analisi Matematica prima presso l’Università di Modena, quindi presso le Università di Ferrara (1976-78), di Firenze (1978-96) e di Pisa (1996-99), ed infine nel 1999 è chiamato presso la Scuola Normale Superiore di Pisa. Ha svolto attività didattica e di ricerca presso varie università tra cui le Università di Bonn, Heidelberg, Praga, Paris VI, l’ETH di Zurigo, l’Accademia Sinica di Taipei e l’Istituto Politecnico di Lisbona. È stato managing editor della rivista Calculus of Variations and Partial Differential Equations dalla sua fondazione fino al 2005 ed è direttore del “Centro di Ricerca Matematica Ennio De Giorni, Matematica nelle Scienze Naturali e Sociali” dalla sua fondazione nel 2001. Ha ricevuto il premio “Giuseppe Bartolozzi, 1979” dall’Unione Matematica Italiana, il premio “Luigi Tartufari, 1998, per la Matematica, Meccanica e Applicazioni” dall’Accademia dei Lincei e il premio “Luigi e Wanda Amerio 2006” dell’Istituto Lombardo Accademia di Scienze e Lettere.

Tullio Gregory, professore emerito di storia della filosofia presso l’Università di Roma La Sapienza, si è occupato in particolare della storia del platonismo e del naturalismo medievali e della cultura filosofica europea dei secoli 16° e 17°, ponendo in risalto i momenti di passaggio e di crisi e svolgendo studi di storia delle idee e del pensiero scientifico. Socio nazionale dell’Accademia dei Lincei, ha promosso nel 1964 il gruppo di ricerca CNR del Lessico Intellettuale Europeo (Centro CNR dal 1970, poi Istituto per il Lessico Intellettuale Europeo e Storia delle Idee, ILIESI, dal 2001), di cui è stato direttore dalla fondazione. È stato directeur d’études all’École pratique des hautes études di Parigi (1975-77, 1985-86) e professore alla Sorbona (1986-87) che gli ha conferito nel 1996 la laurea honoris causa. Direttore della V Appendice, VI (Appendice 2000), VII (XXI Secolo) della Enciclopedia Italiana, direttore della Enciclopedia della Moda, membro del consiglio scientifico dell’Istituto della Enciclopedia Italiana; dal 1993 al 1994 è stato membro del consiglio di amministrazione della RAI. Nominato nel 2002 cavaliere di Gran Croce della Repubblica Italiana, dal 2006 è membro del consiglio scientifico del Dipartimento identità culturale del CNR. Tra le sue opere: Scetticismo ed empirismo. Studio su Gassendi (1961), Etica e religione nella critica libertina (1986), Origini della terminologia filosofica moderna. Linee di ricerca (2006), Speculum naturale. Percorsi del pensiero medievale (2007).

 

0