Questo sito contribuisce all'audience di

 

IL CAPITALE QUOTIDIANO

Martedì 13 dicembre a Roma alle ore 17.00 presso la Sala Igea di Palazzo Mattei di Paganica (piazza della Enciclopedia Italiana 4) verrà presentato il libro, curato da Filippo Barbera, Joselle Dagnes, Angelo Salento e Ferdinando Spina, Il capitale quotidiano. Un manifesto per l’economia fondamentale (Edizioni Donzelli, Roma 2016)
L’economia fondamentale è l’infrastruttura della vita quotidiana. È quello che ogni giorno diamo o dovremmo dare per scontato: la produzione e la distribuzione del cibo, la distribuzione dell’acqua, dell’energia, del gas, i trasporti, l’istruzione, la sanità, i servizi di cura. In questi settori – almeno in questi – il benessere della collettività dovrebbe essere il principio guida dell’azione economica. Da più di vent’anni, invece, anche in questa sfera dell’economia hanno preso piede la massimizzazione del profitto, l’orientamento al breve termine, la propensione all’accumulazione finanziaria e alla rendita.
Questo libro – frutto di un percorso di ricerca transnazionale – spiega perché anche in Italia, come nel resto d’Europa, la corsa irresponsabile verso l’estrazione di valore e l’utile di breve periodo coinvolge imprese, istituzioni locali e soggetti a cavallo tra pubblico e privato. Una serie di casi di studio mostra come una simile tendenza stia minando le basi dell’economia fondamentale, alimentando fratture e diseguaglianze sociali. A fronte di questa deriva – spiegano gli autori – non bastano forme molecolari di autodifesa della società. Serve invece ritrovare la strada di un’innovazione sociale radicale e di un riformismo non liberista. Per tutte le attività economiche fondamentali deve valere una licenza sociale: l’attività economica, privata o pubblica che sia, si deve ritenere legittima soltanto se opera a vantaggio, e non a detrimento, della società.
Gli autori del libro sono parte di una rete di ricerca internazionale che coinvolge sociologi, economisti, geografi e giuristi italiani, britannici, spagnoli, austriaci. È una rete aperta, che si è costituita a partire dal Manifesto for the Foundational Economy del Center for Research on Socio-Cultural Change dell’Università di Manchester (2013).
Alla presentazione, organizzata dall’Istituto della Enciclopedia Italiana Treccani in collaborazione con il Dipartimento Storia, Società, Studi sull’Uomo (DSSSU) dell’Università del Salento e la stessa casa editrice Donzelli, interverranno, oltre ai curatori, Massimo Bray, Andrea Bixio, Domenico Carrieri, Maurizio Franzini e Salvatore Settis.