ELOGIO DELLA COSTITUZIONE



Lunedì 19 gennaio a Roma alle ore 17.30 presso la Sala Igea di Palazzo Mattei di Paganica (piazza della Enciclopedia Italiana 4) verrà presentato il libro di Giovanni Maria Flick Elogio della Costituzione (Edizioni Paoline, 2017).
«Mi sembra giusto esprimere un elogio alla Costituzione come cittadino, prima ancora che come uomo impegnato nello studio e nella pratica del diritto, prestato alle istituzioni per qualche tempo». Bastano queste poche parole del presidente emerito della Corte Costituzionale Giovanni Maria Flick ha dare il senso e la “bussola” del suo nuovo libro Elogio della Costituzione, pubblicato dalla casa editrice Paoline. Dopo aver firmato, per la Libreria Editrice Vaticana, Elogio della dignità ed Elogio del patrimonio, riflessioni sulla dignità umana e sul patrimonio culturale, artistico e ambientale così come delineati dalla nostra Costituzione, l’autore dedica ora un’analisi approfondita alla Costituzione nel suo insieme, in occasione dei suoi 70 anni di vita (la Carta è stata promulgata il 27 dicembre 1947 ed è entrata in vigore il 1° gennaio 1948).
Il libro, in una costante e fluido ondeggiare tra memoria e futuro, tra sfide e nuovi orizzonti di senso, tra puntualizzazioni scaturite da studio ed esperienza e analisi critica di questo momento storico, sociale e politico, è dedicato «a chi crede in una Costituzione attuale, ma da attuare». Perché, pur in un momento storico spesso sovraccarico di tensioni, nella realtà di ogni giorno i valori ci sono, sono tanti, e la Costituzione da settant’anni li tutela e li promuove. Per questo è fondamentale conoscerla, viverla, attuarla e renderla attuale.
Quello del professor Flick non è tanto un saggio, quanto piuttosto, come recita il titolo, un elogio semplice e appassionato della Magna Carta della società italiana. L’autore ne ripercorre la storia, le sue origini, le motivazioni per cui è stata voluta e scritta. Ma, al tempo stesso, fa emergere anche la sua attualità, sollecitando l’impegno di tutti per una società che voglia dirsi davvero equa, giusta e solidale. Impegno di tutti ma soprattutto della politica, a cui, com’è nel suo stile, l’autore si rivolge con schiettezza nell’introduzione: «È un invito a tradurre questo impegno non nell’immobilismo; o al contrario in un progetto di troppo ambiziose riforme organiche, destinate al fallimento se non a secondi fini (come quello di banalizzare e di svuotare la Costituzione dall’interno). È un invito a tradurlo in alcuni interventi mirati e responsabili; a raccogliere e a sviluppare gli spunti positivi (anche se non molti) maturati nel dialogo e, da ultimo, nel confronto-scontro sulla riforma della Costituzione che da alcuni decenni, e soprattutto nell’ultimo tempo, hanno segnato il dibattito politico del nostro Paese».
Alla presentazione, organizzata dall’Istituto della Enciclopedia Italiana Treccani in collaborazione con la casa editrice Paoline, interverranno, oltre allo stesso Gian Maria Flick, Franco Gallo, Enzo Cheli e Ferruccio De Bortoli.   

0